7.3 C
Milano
mercoledì, Dicembre 7, 2022

Proverbio: A Sant'Ambrogio il freddo cuoce

Powervolley Milano: una vittoria sarà sufficiente per rinascere definitivamente?

Basterà la convincente prestazione di ieri con il Sora per poter tornare ad essere protagonista?

Milano, 19 febbraio 2020 – Citare Giacomo Leopardi, ed in particolare una delle sue poesie più famose dal titolo “La quiete dopo la tempesta”, appare d’obbligo dopo la bella vittoria di ieri del Powervolley Milano per 3 set a 1 contro il Globo Banca Popolare del Frusinate Sora. All’Allianz Cloud, noi tifosi della giovane ma ambiziosa squadra di pallavolo di Milano siamo tornati a sorridere dopo le precedenti ingiuste tre sconfitte contro Perugia, Trento e Modena. Definiamo gli insuccessi contro tali rivali come ingiuste poiché il team per cui tifiamo non è mai uscito con le ossa rotte in nessuna occasione: la prestazione anzi c’è sempre stata, forse sono mancate un po’ di concentrazione e di cattiveria necessarie per portare a casa trionfi che non avrebbero certo fatto gridare allo scandalo. Con il 5° posto ormai consolidato, visto che il Padova è oggettivamente “indietro anni luce” per poter in qualche modo contendere la piazza che presidiamo attualmente, possiamo forse pensare di impensierire il Trentino Volley che ci precede? Detto altrimenti: la vittoria contro il Sora sarà sufficiente per farci rinascere a nuova vita sportiva ed offrire quella forza indispensabile sia per arrivare quarti sia per lottare per il traguardo finale playoff? Ora proviamo a rispondere a questa domanda analizzando il cammino prossimo venturo del Powervolley Milano e del Trentino Volley.

Due partite “semplici” per Milano e Trentino e poi arriva la Lube…

 

Il Trentino Volley, sconfitto per 3 a 1 ieri contro un Modena preso letteralmente per mano dallo straripante Zaytsev, non è più così lontano, dunque tentare di superarlo in classifica diviene d’obbligo per gli uomini di Andrea Giani. Battere il Sora era quello che ci voleva per il Powervolley Milano, chiamato, già a partire dal prossimo turno, ad avere la meglio sul Callipo, team non certo favorito sulla carta. La formazione del regista Baranowicz, ispiratore illuminato della squadra di Vibo Valentia, e dell’interessantissimo Abouba, abile finalizzatore di ogni manovra (12 punti per lui durante l’ultimo match), veleggia al penultimo posto in classifica, sebbene contro la fortissima Lube abbia dimostrato di non essere così “scarsa”. Se per i biancocelesti dunque le possibilità di trionfo ci sono eccome, anche per i biancorossi, che giocheranno contro il Top Volley 11°, ci sono ottime speranze. Secondo noi il vero turning point di questa sfida a distanza tra il team della Lombardia e quello del Trentino-Alto Adige potrebbe esserci in occasione della sfida di Trentino in trasferta contro la Lube, con Milano che contemporaneamente dovrà vedersela contro il non irresistibile Padova. Ricordiamolo, per chi quest’anno avesse seguito poco o nulla la pallavolo o magari fosse poco avvezzo a tale disciplina sportiva, che Cucine Lube Civitanova è una vera e propria corazzata del campionato A1 di volley maschile. La rosa dei campioni d’Italia, d’Europa e del mondo in carica, vanta players “pazzeschi” come il centrale azzurro Simone Anzani e uno dei più forti schiacciatori al mondo come Osmany Juantorena. Trentino Volley, secondo noi, verrà letteralmente travolta dai “missili lanciati” da Leal e dall’intelligenza tattica del libero Fabio Balaso, maestro nel “disinnescare” e recuperare palloni sporchi. Se così fosse, Milano dovrebbe approfittarne perché Pallavolo Padova sta vivendo una stagione in cui fa davvero fatica ad esprimere un volley convincente. Sognare un 4° posto, con Milano capitale, potrebbe dunque non essere così impossibile.

Powervolley Milano: una squadra che non molla mai!

Al di là dell’esito delle prossime partite di cui vi abbiamo fatto sopra menzione, ciò che ci fa ben sperare per il prosieguo della stagione del Powervolley, il cui traguardo ultimo è ovviamente l’accesso ai playoff di A1, è la determinazione dei biancocelesti. La volontà di Basic e compagni di lottare su ogni palla, anche quelle che sembrano ormai impossibili da tenere in campo, è un aspetto fondamentale che quest’anno fa parte del dna della nostra amata squadra di Milano. Verranno momenti, soprattutto durante la post-season, in cui l’avversario da fronteggiare sarà tecnicamente superiore, eppure già solo il fatto di non mollare mai potrebbe ridurne il gap. Se così fosse, come noi ci auguriamo, chissà che al posto di qualche temporale, come quello relativo alle ultime tre sconfitte consecutive, non splenda invece più a lungo un caldo e piacevole sole.

L. M.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,571FansMi piace
162FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -