26.6 C
Milano
giovedì, Luglio 7, 2022

Proverbio: Luglio poltrone porta la zucca col melone

Invasione visiva virtuale a Sormano

Ultimo aggiornamento il 23 Maggio 2020 – 12:51

La Fondazione Sormani/Prota-Giurleo organizza un’invasione virtuale di immagini sui muri delle case di Sormano.

Il mito dell’anguana è il filo conduttore per diverse artiste e artisti, invitati individualmente a partecipare all’iniziativa.

(mi-lorenteggio.com) Sormano, 23 maggio 2020. Il mito racconta che un tempo viveva, in una zona di montagna, una donna che era rimasta vedova con  bambine e bambini da crescere. Un giorno, andando a prendere acqua al ruscello, vide una salamandra in difficoltà. Si accorse che la salamandra era in attesa di partorire e che faceva fatica. Subito la aiutò. In realtà la salamandra era un’anguana, una donna bella e generosa che, riconoscente, regalò alla donna un gomitolo di lana il cui filo non finiva mai. La donna si mise subito al lavoro e confezionò golf, calze , sciarpe e berretti per le sue figlie e i suoi figli e un maglione anche per sé. Generosamente decise di donare ad altre donne,  parte del gomitolo in modo che ciascuna potesse realizzare maglioni, sciarpe, calze e berretti per le persone care.

Il gomitolo passò così di mano in mano e si racconta che continui ad essere donato generosamente.    Il gomitolo costituisce  un patrimonio, una risorsa da usare collettivamente….  è il filo dei ricordi, è la ricchezza dei saperi e delle tradizioni delle quali occorre conservare memoria.

La religione cristiana inglobò il mito dell’anguana nella figura di Maria. La  Madonna che fila o che lavora a maglia il vestito di Gesù compare in alcune antiche rappresentazioni dell’Annunciazione.

Dopo il Concilio di Trento l’anguana fu accostata a figure cattive, quasi diaboliche,  nel tentativo di cancellare la memoria di un mito che restituiva il simbolico delle relazioni tra donne.

Anche in  Vallassina si ritrova la figura dell’anguana. A Canzo, in una zona ricca di acqua che ora ha il nome di Santuario di San Miro, sopravvivono due nomi che legano la zona al mito dell’anguana e, non a caso, al lavoro a maglia. Nomi che rimandano all’esistenza del mito e al tentativo di cancellazione:  il Cepp dell’Anguana e lo Scalfin del diaul.

Sito:  https://www.fondazionesormaniprota-giurleo.it        email: contatti@fondazionesormaniprota-giurleo.it

V.A.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,609FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -