30 C
Milano
mercoledì, Agosto 10, 2022

Proverbio: Agosto ci matura grano e mosto

AZIENDE AGRICOLE, ROLFI: NELLA NOSTRA REGIONE LE IMPRESE STANNO ASSUMENDO LAVORATORI LOMBARDI, LA SANATORIA E’INUTILE

Ultimo aggiornamento il 29 Maggio 2020 – 16:24

ASSESSORE NEL MANTOVANO: QUI ESEMPIO CONCRETO DEL NOSTRO MODELLO

(mi-Lorenteggio.com) Milano, 29 maggio 2020 –  “Queste storie straordinarie di lavoro
sono l’emblema plastico di quello che sta avvenendo.
L’agricoltura e’ un settore che offre lavoro e molti lombardi
stanno cogliendo questa opportunita’. Le aziende agricole in
Lombardia stanno assumendo persone di questa regione, fanno
contratti regolari e garantiscono paghe giuste. Chi ha descritto
gli imprenditori agricoli come ‘schiavisti’ che sfruttano
irregolarmente gli immigrati dovrebbe chiedere scusa. La
maxi-sanatoria fatta dal Governo non serve: nei campi della
Lombardia servono sburocratizzazione e semplificazione”.
Lo ha detto l’assessore regionale all’Agricoltura, Fabio Rolfi,
che oggi ha visitato due aziende agricole mantovane.
La prima, la ‘Francescon’ di Rodigo, e’ leader italiana nella
produzione di meloni e angurie e di recente ha assunto il
titolare e alcuni operai di una ditta impiegata nel campo degli
allestimenti e della logistica, ‘rimasta ferma’ a causa
dell’emergenza Covid-19.
La seconda, l’azienda agricola ‘Boccola’ di Pozzolo sul Mincio,
che ha un impianto di 6 ettari di kiwi, ha garantito lavoro a
una quindicina di persone rimaste disoccupate negli scorsi mesi.

“Ex imprenditori, ex baristi, ex operai edili. Sono molti i
ragazzi e le ragazze che hanno trovato una nuova occupazione nei
campi dopo aver perso quella precedente – ha rilevato
l’assessore Rolfi -. La Regione Lombardia con l’iniziativa ‘Io
lavoro in agricoltura’ sta mettendo in relazione domanda e
offerta grazie alla collaborazione tra centri per l’impiego e
associazioni di categoria. Abbiamo ricevuto in poche settimane
centinaia di curricula di lombardi che cercano lavoro.
La filiera agroalimentare in Lombardia da’ lavoro a 150.000
persone ed e’ un settore nel quale la Regione continuera’ a
investire”.

“Dai decreti del Governo ci saremmo aspettati tagli alla
burocrazia, la reintroduzione dei ticket e maggiori risorse alle
filiere in difficolta’: florovivaismo, suinicultura, lattiero
caseario, agriturismi, giusto per citarne alcuni. Invece – ha
aggiunto Rolfi – ci siamo ritrovati con una sanatoria che, alla
fine, non riguarda il personale che opera nei campi”.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,615FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -