32 C
Milano
mercoledì, Agosto 10, 2022

Proverbio: Agosto ci matura grano e mosto

Asst Rhodense. Ambulatorio di Pneumologia per follow up dei pazienti che hanno avuto il Covid

Ultimo aggiornamento il 10 Giugno 2020 – 13:25

 

  (mi-lorenteggio.com) Garbagnate, 10 giugno 2020. Gli studi scientifici attualmente a disposizione dimostrano che in una discreta percentuale di pazienti con infezione da Sar-cov-2 grave e molto grave, caratterizzata da polmonite interstiziale a focolai multipli e insufficienza respiratoria, possono manifestarsi dei quadri polmonari caratterizzati da sviluppo di fibrosi polmonare, una condizione di per sé quasi sempre irreversibile, che si esprime clinicamente con una compromissione respiratoria con diversi livelli di gravità. L’Asst Rhodense ha ritenuto indispensabile attivare uno specifico ambulatorio dedicato al follow up dei pazienti sia per il monitoraggio delle persone dopo la guarigione sia per  contribuire al progetto regionale di ricerca sul Covid. Nella sola Lombardia sono oltre 88mila le persone che hanno contratto il virus, di queste più di 23mila in provincia di Milano di cui oltre 1000 curati in Asst Rhodense. La Pneumologia ha gestito 400 pazienti molto gravi, inoltre 100 pazienti dimessi dalla terapia Intensiva e altrettanti da reparti a bassa intensità di cura. “Dopo l’infezione i polmoni sono a rischio per almeno 12 mesi – spiega il direttore della Pneumologia Francesco Bini –  anche per più tempo se si tratta di pazienti che hanno avuto polmoniti multiple con necessità di ventilazione non invasiva o intubazione tracheale. Un ambulatorio dedicato è indispensabile al fine di prendere in carico questi pazienti, sia nell’ottica di una gestione adeguata della complicanza principale respiratoria, sia anche per la possibilità di poter eseguire trial farmacologici specifici, la cui evidenza sta diventando attualmente sempre più presente nella letteratura scientifica mondiale. Al paziente verrà fatta una visita pneumologica completa associata a valutazione ecografica toracica secondo le indicazioni internazionali, ossia un’esecuzione su 6 campi polmonari anteriormente e 6 posteriormente, l’emogasanalisi, la valutazione dei volumi e dei flussi polmonari, la diffusione alveolo-capillare, la valutazione della differenza alveolo arteriosa dell’ossigeno, il test del cammino e l’oscillometria a 5 hz di frequenza. Sulla base della nostra decisione clinica verranno poi eseguite delle valutazioni radiologiche o altro. Tutto ciò è importante perché la letteratura scientifica di queste ultime settimane dice che la fibrosi polmonare potrebbe rappresentare il pericolo di domani”.

Allegato anche il link al video realizzato sulla Pneumologia in periodo Covid, traccia un po’ la storia degli ultimi mesi.

 

V.A.

 

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,615FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -