28.4 C
Milano
lunedì, Maggio 16, 2022

8 MAGGIO - FESTA DELLA MAMMA

MILANO, CASE POPOLARI: NUOVI SGOMBERI AL ‘GIAMBELLINO’. BOLOGNINI E DE CORATO: PROSEGUE LINEA DURA CONTRO GLI ABUSIVI

Ultimo aggiornamento il 14 Luglio 2020 – 17:47

 

(mi-lorenteggio.com) Milano, 14 luglio 2020 – Le Forze dell’ordine, in collaborazione
con gli ispettori di Aler Milano, hanno provveduto oggi allo
sgombero di tre appartamenti in via degli Apuli 4 e 22 e in via
Segneri 10, nel quartiere Lorenteggio-Giambellino del capoluogo
lombardo.
Nei primi due casi, si tratta di alloggi che erano stati
occupati durante l’emergenza Covid.
“Bene gli sgomberi in Lorenteggio-Giambellino, prosegue la linea
dura contro gli abusivi e contro i ‘furbi’ che hanno
approfittato del coronavirus per compiere atti delinquenziali”,
ha commentato l’assessore alle Politiche sociali, abitative e
Disabilita’ di Regione Lombardia, Stefano Bolognini.
“I cittadini – ha aggiunto l’assessore regionale alla Sicurezza,
Immigrazione e Polizia locale, Riccardo De Corato – chiedono
sicurezza nel quartiere e il rispetto delle regole”.

PROMESSE MANTENUTE – “Avevamo promesso rigore contro gli abusivi
e pugno duro contro chi ha approfittato dell’emergenza Covid-19
per mettere a segno delle occupazioni e come sempre manteniamo
le nostre promesse. Quella di oggi – ha proseguito Bolognini – e’
un’operazione di legalita’ particolarmente importante anche
perche’ evidenzia la continuita’ con gli sgomberi portati a
termine nelle scorse settimane in via Gola, nel quartiere
Molise-Calvairate e in altre zone della citta’. Il
Giambellino-Lorenteggio e’ un quartiere interessato da un
importante piano di riqualificazione e operazioni come questa
mirano a riportarvi la normalita’ e a ridare la tranquillita’ del
quotidiano a migliaia di famiglie che vivono in alloggi di
edilizia pubblica, in attesa del rinnovamento dell’intera area”.

IMPEGNO NOTEVOLE E RISULTATI IMPORTANTI – “Ringrazio le Forze
dell’ordine e Aler Milano per l’operazione di oggi – ha
proseguito Bolognini – e per quelle delle scorse settimane. Il
loro e’ un lavoro importante svolto con notevole impegno. Gia’
prima del ‘lockdown’ l’azione di Regione Lombardia e di Aler in
tutta la citta’ di Milano aveva dato risultati di rilievo.
Un’azione coordinata che, tra l’altro, ha portato alla
diminuzione di 500 unita’ degli alloggi occupati abusivamente in
un anno. Avevamo anticipato che dopo la fine dell’emergenza
Covid gli sgomberi sarebbero ripartiti, cominciando proprio da
chi aveva occupato alloggi sfruttando il periodo di emergenza”.

PROSEGUIAMO CON IL SOSTEGNO DEI CITTADINI PER BENE – “Sono gli
stessi cittadini per bene che vivono nei quartieri di edilizia
pubblica – ha concluso l’assessore Bolognini – a chiederci
legalita’ e sicurezza. E noi proseguiremo con gli sgomberi e con
la linea dura verso tutte le occupazioni, in particolar modo
quelle effettuate approfittando dell’emergenza. Siamo da sempre
dalla parte dei cittadini onesti e per bene e continueremo a
dare il nostro contributo ogni giorno per far prevalere la
legalita’ nei quartieri popolari di Milano”.

DE CORATO: QUARTIERE CHIEDE LEGALITA’ – “In un periodo difficile
come questo – ha spiegato l’assessore De Corato – c’e’ ancor piu’
bisogno di legalita’. Giusto pochi giorni fa, sempre in questo
quartiere, la rappresentante del comitato ‘No racket no
abusivismo’ ha subi’to un atto intimidatorio. I cittadini
vogliono poter respirare nel loro quartiere un clima di
sicurezza. Ringrazio gli ispettori Aler, le Forze dell’ordine ed
il Prefetto, Renato Saccone, che con questi sgomberi continua a
mantenere l’impegno: liberare gli alloggi occupati durante il
lockdown”.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,551FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -