28.2 C
Milano
venerdì, Maggio 20, 2022

8 MAGGIO - FESTA DELLA MAMMA

OPERA (MI)- ANNO SCOLASTICO 2020/2021, TUTTI IN CLASSE

Ultimo aggiornamento il 18 Luglio 2020 – 17:50

Al suono della campanella gli studenti operesi faranno lezioni nelle loro classi e in condizioni di assoluta sicurezza. E’ il risultato dell’impegno profuso dall’Amministrazione Comunale e dalla Dirigenza Scolastica che, per ottenere questo importante risultato, hanno lavorato gomito a gomito per diverse settimane

(mi-lorenteggio.com) Opera, 18 luglio 2020 – Sono notizie positive quelle emerse, ieri pomeriggio, durante lo svolgimento della commissione consiliare congiunta convocata dall’Amministrazione Comunale e con all’ordine del giorno: “l’apertura delle scuole e l’avvio del nuovo anno scolastico”. Relatori d’eccezione sono state la Dirigente Scolastica Eleonora Coppola e il suo vice Annamaria Nuscheri. Ha introdotto il sindaco Antonino Nucera che, con soddisfazione, ha comunicato l’importante risultato raggiunto: “la scuola e il diritto allo studio sono una nostra priorità – ha detto il primo cittadino – grazie alla costante e proficua collaborazione con la dirigenza scolastica siamo riusciti nel nostro intento: garantire ai bambini degli ambienti scolastici fruibili e sicuri, in cui riprende il normale svolgimento delle lezioni”. Attraverso interventi di manutenzione straordinaria che hanno visto svuotare classi, abbattere muri e creare nuove divisioni all’interno degli spazi comuni, gli studenti operesi – circa 1400 – potranno tornare sui banchi di scuola. Seguendo quanto prescritto dai due enti nel protocollo sanitario e in quello pedagogico, le lezioni saranno effettuate in classe e in assoluta sicurezza. “Abbiamo dovuto rispondere ad una situazione di emergenza e lo abbiamo fatto nel migliore dei modi grazie alla collaborazione di tutti – ha proseguito Nucera – Siamo consapevoli che il governo potrà introdurre nuovi cambiamenti a pochi giorni dal suono della campanella e siamo pronti a ogni evenienza”.
In questi mesi, nonostante l’incertezza derivante da prescrizioni governative incomplete e approssimative, i tecnici comunali in stretta collaborazione con il personale della scuola, hanno ripensato gli spazi e adeguato i plessi alle nuove esigenze anti-Covid. Alcune aule-laboratorio sono state trasformate in classi, così come i locali della refezione scolastica: bambini e ragazzi mangeranno nelle loro aule. Insomma, per la popolazione studentesca operese, il nuovo anno scolastico sarà all’insegna della normalità. “Il nostro intento era quello di garantire l’unità del ‘gruppo classe’ – ha detto la Dirigente Scolastica Eleonora Coppola- Anziché dividere una classe abbiamo deciso di unire due aule o, piuttosto, spostarla in un altro plesso. Per quanto riguarda la scuola dell’infanzia, invece, non avendo indicazioni precise circa la metratura da rispettare, abbiamo deciso di creare dei gruppi stabili che utilizzeranno le stesse attrezzature e gli stessi giochi. Questo per tracciare gli spostamenti, l’utilizzo del materiale presente in classe e intervenire tempestivamente in caso di eventuali contagi”.
Pochi gli accorgimenti rispetto agli anni precedenti: l’ingresso degli studenti della scuola primaria di secondo grado avverrà in due momenti, uno alle 7.55 e l’altro alle 8. I genitori non potranno accedere all’interno dei plessi. “Oltre ad aver raggiunto un obiettivo straordinario dal punto di vista logistico – commenta l’assessore all’istruzione Lea Corvino – grazie all’impegno degli uffici siamo riusciti, inoltre, ad attivare i servizi scolastici di pre e post scuola che, partiranno, già dai primi giorni del nuovo anno scolastico”. Nel corso dell’incontro sono emerse alcune delle eccellenze della scuola operese che hanno permesso a docenti e alunni di affrontare e superare al meglio il periodo di lockdown. Una di queste è l’avvio, in forma sperimentale, del registro elettronico nelle scuole dell’infanzia: “questo ci ha permesso, anche per questa prima fase del percorso scolastico, di applicare la didattica a distanza” ha concluso la dirigente

La suddivisione attuale (potrà subire variazioni in caso di nuove indicazioni da parte del Governo).
– Scuola dell’Infanzia
109 iscritti alla scuola “Sandro Pertini” suddivisi in 5 classi e 176 bambini iscritti alla “Don Milani” che tra il plesso di via Papa Giovanni e i locali ex Asl contano 8 classi.
-Scuola Primaria di primo grado
Nel plesso di via Fratelli Cervi, a Noverasco, 82 alunni saranno suddivisi in 5 sezioni mentre, gli scolari della “sacco e Vanzetti”, 230, saranno faranno lezioni in 10 classi. 337 i bambini della Gianni Rodari suddivisi in 15 classi
-Scuola Primaria di secondo grado
Presso l’Istituto Dante Alighieri sono presenti 19 sezioni per un totale di 435 studenti.

 

V. A.

 

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,552FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -