12.6 C
Milano
sabato, Novembre 26, 2022

Proverbio: Acqua cheta rompe i ponti

Agenzie funebri: cosa significano per gli italiani

 

Milano, 20 settembre 2020 – Parlare di pompe funebri non è mai piacevole eppure si dovrebbe affrontare l’argomento con un certo distacco per comprenderne la centralità che queste rivestono nella vita sociale ed economica del nostro Paese. Se cerchi un’agenzia funebre in zona Monza, per esempio, oggi è più facile andare a ricercarla online valutando la vicinanza geografica e l’offerta di servizi. Certo è che in un momento difficile e drammatico come la perdita di un nostro caro è piuttosto difficile restare lucidi e razionali per affrontare una scelta economica per cui le agenzie funebri di Monza, per continuare con il nostro esempio, sono preparate anche ad affrontare questa difficoltà e a supportare le persone con professionalità e riserbo.

 

La centralità delle agenzie funebri

Tutti sentiamo il bisogno di salutare ufficialmente i nostri cari che non ci sono più, anche chi non è tradizionalmente legato al culto cattolico o religioso in generale. Vista l’inspiegabilità e l’irrazionalità della morte molte persone si avvicinano al culto quasi esclusivamente in queste circostanze e nonostante l’assenza di credo c’è ancora un forte bisogno di salutare con affetto e cordoglio chi non c’è più. È proprio da questo bisogno che il nome di pompe funebri acquisisce maggior significato perché, difatti, è legato a qualcosa di passaggio che avviene in maniera sfarzosa e cerimoniale. Le interpretazioni di pompe funebri sono numerose, soprattutto online e, nonostante le divergenze tutte sembrano avere a che fare con una cerimonia solenne ed importante.

 

La funzione simbolica

Questa concezione resta di importanza centrale per la vita pubblica del nostro Paese e questo lo si deve ad una presenza sempre importante del culto religioso ma anche a ragioni sociali e demografiche. In primo luogo la popolazione italiana invecchia gradualmente ed irreversibilmente, a meno che il Governo non metta in atto decisioni importanti per favorire la fecondità che è ai minimi storici. L’invecchiamento della popolazione espone la stessa a maggiori decessi e, quindi, ad una domanda di funerali in crescita o in qualche modo sempre costante. Inoltre l’approccio occidentale alla morte ha un significato triste, drammatico e lugubre per la nostra cultura nonostante la religione prevalente cerchi di dare una spiegazione confortevole sulla cessazione delle sofferenze terrene del defunto.

 

I dati economici

Il funerale sta cambiando anche dal punto di vista sociale e simbolico perché sono in aumento le richieste di cremazione rispetto a quelle di sepoltura tradizionale. Il business delle cremazioni cresce di dieci punti percentuali ogni anno con picchi riscontrati nelle agenzie funebri di Monza e Milano. La diffusione della cremazione fa abbassare il costo medio dei funerali che al netto dell’inflazione è diminuito di duecento euro rispetto al 2017. Inoltre le cremazioni sono ancora un aspetto non troppo rilevante sul mercato se si considera il numero medio di decessi annui, circa 650 mila, oltre al fatto che la legge nazionale non prevede unità di intenti in tutte le regioni. Difatti ci sono limitazioni sulla cremazione in alcune regioni per cui è ancora presto per considerarla una ragione di cambiamento del mercato. Al ribasso dei costi medi ha contribuito anche la minor liquidità delle famiglie che preferisce optare per soluzioni economiche e di semplice gestione.

 

L. M.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,569FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -