29.6 C
Milano
mercoledì, Luglio 6, 2022

Proverbio: Luglio poltrone porta la zucca col melone

Rho. In studio il percorso accessibile per tutti dalla stazione di piazza Libertà al nuovo teatro Roberto De Silva

Ultimo aggiornamento il 8 Aprile 2021 – 14:01

Sopralluogo con Andrey Chaykin di “Disabili Pirata” per individuare un modello di accessibilità eliminando le barriere architettoniche

Rho, 8 aprile 2021 . Effettuato il primo sopralluogo con Andrey Chaykin di “Disabili Pirata” per realizzare un percorso accessibile dalla stazione ferroviaria di Rho Centro al nuovo teatro Roberto de Silva: un progetto che si concretizzerà nei prossimi mesi e che sarà il modello di collaborazione, costruzione progettuale e realizzazioni di soluzioni all’interno del PEBA – Piano di Eliminazione delle Barriere Architettoniche della città di Rho, per una città più accessibile.

Oltre Andrey Chaykin hanno fatto il sopralluogo il vicesindaco Andrea Orlandi e l’ assessore ai Lavori pubblici, Maria Rita Vergani insieme alla dirigente dell’Area Lavori pubblici Sara Morlacchi e il geometra Alessandro Manfredi, che realizzeranno il progetto per raggiungere il nuovo teatro senza le barriere architettoniche e quindi ostacoli per chi si deve muovere con carrozzine e altre disabilità. I tecnici comunali hanno a loro volta provato una parte del percorso utilizzando la carrozzina, in modo da comprendere meglio le difficoltà ed eliminare le barriere

“Ho pensato di testare l’accessibilità del percorso da piazza Libertà al nuovo teatro de Silva con chi realmente si trova ad affrontare tutti i giorni le barriere architettoniche in quanto disabile in carrozzina – commenta l’Assessore ai Lavori pubblici Maria Rita Vergani -. Ho chiesto quindi la collaborazione di Andrey Chaykin, rhodense , dell’associazione Disabili Pirata, che da anni affronta la battaglia per l’eliminazione delle barriere . Insieme a lui abbiamo fatto il primo sopralluogo per individuare le problematiche e progettare un percorso – modello di accessibilità per i disabili anche sensoriali. Questo progetto rappresenta un primo atto verso la definizione del PEBA, il Piano di Eliminazione delle Barriere Architettoniche, strumento per monitorare, progettare e pianificare interventi finalizzati al raggiungimento di una soglia ottimale di fruibilità dell’intera città da parte di tutti i cittadini: un Piano che la prossima amministrazione procederà a realizzare. Ringrazio la dirigente Morlacchi, l’architetto Lombardi e il geometra Manfredi per la disponibilità e la sensibilità dimostrata, anche nella costruzione di un nuovo modo di concepire la progettazione, perché, prima che nei fatti, è necessaria una consolidata e diffusa cultura dell’accessibilità, a partire da chi si occupa di manutenere, disegnare e realizzare gli spazi pubblici della città”.

Il PEBA , Piano di eliminazione delle barriere architettoniche, è uno strumento di pianificazione e programmazione che vuole garantire l’accessibilità e la fruibilità degli edifici pubblici, l’accessibilità degli spazi urbani pubblici costruiti o naturali e l’utilizzo dei trasporti pubblici da parte di tutti. L’obiettivo è quello di garantire il raggiungimento del massimo grado di mobilità nell’ambiente abitato per le persone con disabilità, secondo criteri di pianificazione, di prevenzione e di progettazione.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,552FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -