4.2 C
Milano
lunedì, Febbraio 6, 2023

Proverbio: Febbraio, febbraiello, cortino e bugiardello

Corsico. Luisa Clementi: cento anni di sorrisi e impegno per gli altri

A portarle gli auguri della città sono state la vicesindaca Chiara Silvestrini e l’assessora alle politiche sociali Elena Galli. Una foto di Corsico, risalente a un secolo fa, l’ha fatta commuovere. È stata festeggiata da nipoti e amici

Corsico (17 aprile 2021) – “Linda è cresciuta con un cuore che non batte a tempo/ Quando era piccola sognava di aggiustarsi dentro”. Anche se la canzone di Irama, il giovane cantautore italiano vincitore del talent show Amici di Maria de Filippi nel 2018, è arrivata solo settimana a Sanremo 2019, è quella che ancora oggi commuove la nuova centenaria di Corsico, Luisa Clementi. Ha festeggiato il suo traguardo venerdì 16 aprile, circondata dall’affetto delle persone che le sono più care. A farle gli auguri della città sono state la vicesindaca Chiara Silvestrini e l’assessora alle politiche sociali Elena Galli. Le hanno portato in dono la riproduzione di una fotografia di cento anni fa che le ha ricordato la città di quei temi e un libro dei vecchi mestieri, realizzato dall’associazione Noi di Corsico.
Luisa Clementi è nata ad Abbiategrasso e dai sei ai diciotto anni ha vissuto a Corsico con la sua famiglia. Suo papà aveva una panetteria in via Monti. Vi è ritornata per amore solo due anni dopo.
Ha poi spostato il ragazzo che le aveva fatto perdere la testa. Era un sarto appassionato. E Luisalo ha aiutato a coltivare un desiderio diventato professione. Rimanendo al suo fianco e aiutandolo a confezionare abiti su misura, fino a quando le forze lo hanno abbandonato.
Erano sarti della vecchia scuola. Non avevano bisogno di negozi, di vetrine. Il loro laboratorio è sempre stata la casa, in via Vittorio Emanuele al civico 46. Con le finestre che si affacciano sul Naviglio. E dalle quali, Luisa può vedere ogni giorno la casa di riposo dove, prima dell’emergenza Covid, svolgeva attività di volontariato per aiutare a fare messa.
“È una forza della natura – evidenzia la vicesindaca Chiara Silvestrini – appassionata di viaggi, ma soprattutto della sua comunità. Si è sempre resa disponibile ad aiutare gli altri e lo fa ancora oggi.
Sa che, nonostante i suoi cento anni, ha ancora tanta energia e vuole metterla a disposizione di chi ha bisogno di aiuto. Un vero esempio d’eccellenza per la nostra città”.
Non ha figli, ma ha dei nipoti che le vogliono un gran bene. Nella stanza dove confezionava i vestiti col marito, ci sono ancora gli attrezzi del mestiere. E un’insegna pubblicitaria, che sembra un quadro, con una semplice scritta: “Sartoria”. E intorno, stilizzati, i manichini utilizzati dagli artisti del tessuto per creare abiti.
“Ancora oggi – spiega l’assessora Elena Galli – partecipa attivamente al ‘Gruppo simpatia’ della parrocchia dei SS Pietro e Paolo. E fino a un po’ di tempo fa, realizzava golfini, poi inviati ai missionari. Ha un cuore grande. E ci scherza un po’ su. Non è quello di latta cantato da Irama. Ma la frequenza dei battiti è comunque quella di un cuore grande. Lei non è Linda. È Luisa, la nostra nuova centenaria”.

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,573FansMi piace
162FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -spot_img