26.9 C
Milano
mercoledì, Luglio 6, 2022

Proverbio: Luglio poltrone porta la zucca col melone

Fragilité – Lucía Vallejo Garay a Palazzo Contarini Polignac – the Venice Glass Week

Ultimo aggiornamento il 24 Agosto 2021 – 17:38

(mi-lorenteggio.com) Venezia, 24 Agosto, 2021

Magazzino Gallery, Palazzo Contarini Polignac, Dorsoduro 878, Venezia
Orari: Set 4 – 12, 10:00 – 19:00; Set 13 – Ott 30, 14:00 – 19:00. Chiuso lun e dom; entrata libera
PREVIEW Set 4, 10:00 – 19:00
OPENING RECEPTION Set 8, 18:30 – 20:30

L’artista spagnola Lucía Vallejo Garay presenta la sua personale veneziana “Fragilité” a Palazzo Contarini Polignac dal 4 settembre al 30 ottobre 2021.

Curata da Nadja Romain, la mostra si colloca nell’ambito della Venice Glass Week e presenta una nuova serie di opere dell’artista spagnola in dialogo con il vetro di Murano e l’eredità del maestro veneziano Giorgione. La mostra segna la prima esplorazione del vetro di Lucía Vallejo e rivela un corpo sperimentale di opere in vetro e tela rese possibili dall’esperienza dell’azienda veneziana LagunaB.

Nelle sue precedenti mostre, Lucía Vallejo ha già espresso la sua preoccupazione per la circolarità del tempo che unisce la vita e la morte. La morte è l’apoteosi della provvisorietà e la fine di tutto ciò che esiste. La sua continua ricerca sui materiali l’ha portata a scegliere il vetro per rappresentare la sua visione di fragilità ed eternità, concettualmente e non solo visivamente. Il risultato di questa ricerca è visibile in “Fragilité” dove le bolle di vetro rappresentano un luogo senza tempo dove le anime – tele a volte intatte, a volte bruciate – lasciano il segno.

“Lucía ha creato qualcosa che non somiglia a niente che ho visto prima: tela e vetro insieme. La fragilità, il destino dell’essere umano e dell’anima sono al centro della pratica di Lucia. Lavorare con il vetro a Venezia porta una nuova dimensione al suo lavoro. La città funge da metafora dell’aspetto tragico del destino umano. Venezia è così: come può esistere un luogo così al di là della sua “fragilité”?” nelle parole della curatrice, Nadja Romain.

La produzione di queste affascinanti sculture è stata resa possibile grazie a LagunaB – un’azienda con sede a Venezia che guida la rinascita di Murano come centro di innovazione artistica – sotto la supervisione di Alvise Maria de Mezzo, la cui esperienza nella produzione del vetro è stata determinante nella sperimentazione delle nuove tecniche che hanno permesso la realizzazione delle opere.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,553FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -