18.1 C
Milano
giovedì, Maggio 26, 2022

8 MAGGIO - FESTA DELLA MAMMA

RETE UNITÀ DI OFFERTA SOCIO-SANITARIA TERRITORIALE, OLTRE 76 MILIONI IN PIÙ PER I SERVIZI SOCIO-SANITARIO, PSICHIATRIA, NEUROPSICHIATRIA INFANTILE, DISABILITÀ E CURE DOMICILIARI

Ultimo aggiornamento il 4 Ottobre 2021 – 15:31

(mi-lorenteggio.com) Milano, 04 ottobre 2021. Un incremento complessivo di oltre 76 milioni di euro sul Fondo sanitario regionale 2021 per i comparti socio-sanitario, della psichiatria e della neuropsichiatria infantile, per l’area delle disabilità e delle risorse sulle cure domiciliari.

Lo prevede una delibera approvata dalla Giunta di Regione Lombardia su proposta della vicepresidente e assessore al Welfare.

AGGIORNATE TARIFFE (+3,7%) E POTENZIATO COMPARTO CON 61 MILIONI – Il documento prevede variazioni legate all’aggiornamento delle tariffe (+3,7%) e al potenziamento per oltre 61 milioni di euro delle risorse destinate alla rete territoriale per il comparto socio-sanitario, della psichiatria e della neuropsichiatria infantile.

OFFERTA SOCIO-SANITARIA, GLI AMBITI DI INTERVENTO – Gli interventi riguardano l’aumento della tariffa riconosciuta alle Comunità socio-sanitarie e all’area della presa in carico di persone con disabilità, per un ammontare di 5,75 milioni e l’incremento delle risorse per le cure domiciliari, per complessivi 8,5 milioni di euro.

In particolare vengono potenziati inoltre con 2 milioni di euro il budget dell’Area palliative domiciliari, quello dell’Assistenza domiciliare integrata per 5 milioni di euro con specifica attenzione alla presa in carico dei minori. Infine per 1,5 milioni il budget per le Residenze sanitarie assistenziali (Rsa) aperte, che mettono a disposizione servizi sanitari e sociosanitari utili a sostenere la permanenza al domicilio della persona, con l’obiettivo di rinviare il ricovero in una struttura residenziale.

OBIETTIVO, MIGLIORARE RETE TERRITORIALE – “Si tratta di un provvedimento corposo – commenta la vicepresidente – che incrementa quanto il Sistema sanitario regionale mette già a disposizione dell’offerta socio-sanitaria. Il potenziamento delle risorse ci permette di migliorare infatti la rete territoriale con l’obiettivo di mantenere alti i livelli qualitativi e quantitativi. Per quei servizi che sono necessari a garantire risposte appropriate al bisogno di presa in carico dei cittadini sul territorio”.

CONFRONTO CON ASSECIAZIONI ED ENTI GESTORI – La delibera approvata in Giunta prevede inoltre che a fronte dell’aumentato di impegno da parte del Sistema sanitario regionale, a finanziare gli oneri a rilevanza sanitaria delle prestazioni socio-sanitarie, venga attivato un confronto con le associazioni e gli enti gestori finalizzato al mantenimento delle quote di compartecipazione previste per gli utenti.

MANTENERE INVARIATI COSTI A CARICO FAMIGLIE – “Questo è un punto – aggiunge l’assessore al Welfare – che riteniamo fondamentale. Con le risorse messe a disposizione si avvierà un percorso con le associazioni delle strutture socio-sanitarie per mantenere inalterati i costi a carico delle famiglie, per non gravare su di loro economicamente in aggiunta a quello che per loro è anche un grande impegno psicologico”.

Nell’ambito dell’aggiornamento e potenziamento dell’offerta socio-sanitaria, sono anche riconosciute risorse per mettere definitivamente a sistema le sperimentazioni sul villaggio Alzheimer (Monza e Figino), nonché per riconoscere le attività svolte dall’Avis e dal sistema di cure termali.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,550FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -