23 C
Milano
mercoledì, Luglio 6, 2022

Proverbio: Luglio poltrone porta la zucca col melone

A Expo Dubai la Collezione della Manifattura Ginori

Ultimo aggiornamento il 5 Marzo 2022 – 8:19

(mi-lorenteggio.com) Dubai, 5 marzo 2022 – Nel Padiglione Italia a Expo Dubai 2020, dal 6 al 19 marzo 2022, una mostra patrocinata dal Ministero della Cultura esalta la maestria artigianale italiana. Novantacinque tra le più preziose porcellane e maioliche provenienti dal Palazzo del Quirinale e dal Museo Richard Ginori di Sesto Fiorentino, dal 2017 di proprietà del MiC, sono le protagoniste della mostra “Splendore Terreno / Earthly Splendour – Porcellane e maioliche dalla Manifattura Ginori”, concepita per il format delle “Short Stories”, lo spazio espositivo del Padiglione dedicato ai “racconti brevi” sui temi delle eccellenze del saper fare italiano.

Fondata nel 1737, la Manifattura Richard Ginori di Doccia è tra le più prestigiose a livello europeo e realizzò opere d’arte in porcellana spesso destinate a speciali committenze o a importanti esposizioni internazionali. Gli splendidi oggetti concepiti dai vari direttori creativi che guidarono la “Pittoria” – il locale in cui si dipingevano le ceramiche – ben si conciliano con la missione italiana alla prima Esposizione Universale del mondo arabo: celebrare la bellezza, da cui il titolo della manifestazione del Padiglione “La Bellezza unisce le persone / Beauty connects People”.

Tra le opere esposte a Dubai, in un allestimento particolarmente scenografico che riprende i colori più usati dalla fabbrica, il bianco della porcellana, l’oro e l’azzurro, vengono messe in vetrina tutte le opere realizzate dalle diverse maestranze che nei decenni hanno contribuito a trasformare quella di Doccia nella “fabbrica della bellezza”: le riproduzioni delle sculture classiche amate dai viaggiatori del Grand Tour, il vaso a cratere con veduta della Manifattura esposto al Crystal Palace di Londra durante l’Esposizione Universale del 1851, una selezione di porcellane decorate con frutti policromi e rilievi in oro realizzate per il Re d’Italia Umberto I di Savoia nel 1884 e oggi parte del patrimonio del Palazzo del Quirinale di Roma.

In un’altra vetrina trovano spazio i piccoli capolavori realizzati sui disegni del milanese Gio Ponti, direttore artistico della manifattura dal 1923 al 1932, a cui si devono alcune fra le più felici espressioni del gusto Art Déco in maiolica e porcellana che ancora oggi caratterizzano la produzione della manifattura Richard Ginori. Gli stilemi definiti dall’architetto costituiscono la sintesi perfetta del gusto italiano, per lo stile inconfondibile in equilibrio tra Classico e Moderno, espressione di una bellezza sempre attuale e contemporanea.

Tra i pezzi esposti: la Figura allegorica dell’Italia, disegnata nei primi anni Venti da Gio Ponti e modellata da Italo Griselli, parte del grande centrotavola destinato alle Ambasciate italiane, premiato nel 1925 con il Grand Prix all’Esposizione Universale di Parigi, e le ciste ornate con i disegni ispirati alla Classicità.

Una mostra fortemente voluta dal Ministero della Cultura, realizzata con la curatela e l’organizzazione di Stefano Casciu (Direttore regionale Musei della Toscana), in collaborazione con Cristina Gnoni (Funzionaria Storica dell’Arte della Direzione regionale Musei della Toscana e delle Gallerie degli Uffizi), Livia Frescobaldi (Presidente degli Amici di Doccia), Oliva Rucellai (Capo conservatore del Museo Ginori per la Fondazione Museo e Archivio Richard Ginori). Alle fasi organizzative della mostra ha collaborato la Fondazione Museo e Archivio Richard Ginori della Manifattura di Doccia a Sesto Fiorentino

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,553FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -