23.7 C
Milano
lunedì, Maggio 23, 2022

8 MAGGIO - FESTA DELLA MAMMA

FNM E TRENORD DANNO IL VIA A “PIANTALALì”: UNA RETE GREEN LUNGO LA RETE FERROVIARIA

Ultimo aggiornamento il 25 Marzo 2022 – 13:39

(mi-lorenteggio.com) Milano, 25 marzo 2022 – Un’area verde di 41mila ettari che crescerà lungo la rete ferroviaria lombarda, rendendo ancora più sostenibile l’ecosistema treno, green per eccellenza. È questo il cuore dell’iniziativa “Piantalalì”, realizzata da FNM e Trenord nell’ambito del progetto di rigenerazione urbana ed extraurbana FILI, che porterà migliaia di nuovi alberi e arbusti in 24 Comuni attraversati dalla rete FERROVIENORD. Il primo seme è stato gettato a Cormano, dove nel mese di marzo sono stati avviati interventi di riforestazione e pulizia di aree verdi incolte.

Piantumazione di specie autoctone adeguate agli ambienti e alla demografia dei territori, riforestazione di esemplari in cattive condizioni, creazione di elementi paesaggistici “verdi”, riordino e pulitura di zone incolte: questi gli interventi che saranno previsti nei Comuni coinvolti nel progetto “Piantalalì”, definiti e sviluppati con il supporto di partner tecnici come Fondazione Lombardia per l’Ambiente (FLA).

“Uno straordinario progetto di riqualificazione urbana e sostenibilità ambientale – commenta il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana – che vedrà rifiorire, grazie alla piantumazione di decine di migliaia di alberi, i territori di 24 comuni lungo l’asse ferroviario Milano-Malpensa. Progetti tanto innovativi quanto rivoluzionari che sapranno dare nuova forma alla Lombardia anche in vista dei prossimi e importanti appuntamenti internazionali, a partire dai Giochi Olimpici Milano-Cortina 2026. In un momento in cui i temi della sostenibilità e dell’efficientamento energetico sono al centro delle agende politiche europee, Regione Lombardia, insieme a FNM e Trenord, vuole essere ancora una volta protagonista con un’iniziativa concreta di ampio respiro che coinvolge vari livelli di progettualità, urbanistica, ambientale e infrastrutturale”.

“Piantalalì rappresenta il primo tassello di un disegno più ampio che è FILI, uno dei progetti di rigenerazione urbana ed extraurbana più importanti di Europa – spiega Andrea Gibelli, presidente del Gruppo FNM. Con questa iniziativa vogliamo dimostrare che è possibile per una società che si occupa di mobilità avere un rapporto diverso con il territorio, istaurando un dialogo con gli enti locali riguardo al tema della ricostruzione delle reti ecologiche. Obiettivo di FILI è risanare e ricucire un territorio vasto per saldare quel debito storico nato con la rivoluzione industriale che ha portato ricchezza attraverso la ferrovia ma anche una urbanizzazione intensa e per abbattere la distanza tra piccoli e grandi centri, rendendoli equipontenziali”.

“Piantalalì è un invito a smettere di trattare male il pianeta, ma significa anche ‘piantala proprio lì’, cioè nelle aree verdi lungo la rete ferroviaria in cui c’è bisogno di un intervento, e studiando questo intervento perché sia adeguato al territorio – dichiara Marco Piuri, amministratore delegato di Trenord e direttore generale di FNM. È un appello alla responsabilità che per primi abbiamo colto: noi che siamo reti di mobilità vogliamo restituire valore ai territori, ricostruendo le reti ecologiche e collaborando con le reti sociali. Con Piantalalì le stazioni e i binari lungo cui corrono i nostri treni saranno ‘ricuciti’ alle zone circostanti da una cintura verde. Ulteriore tassello del nostro percorso per la sostenibilità è una riflessione sulla mobilità: il trasporto collettivo è una risposta fondamentale alla sfida in corso per la transizione ecologica. La pandemia ci ha cambiato, in abitudini e orari; ora occorre che i modelli di mobilità si evolvano sulla base delle nuove esigenze dei passeggeri”.

“Piantalalì”: un tassello del progetto Fili
“Piantalalì” è un tassello di un più ampio percorso per la riqualificazione urbana ed extraurbana avviato con FILI, progetto promosso da Regione Lombardia, FNM, FERROVIENORD e Trenord, con un duplice obiettivo: dare nuovo significato ai principali centri di connessione ferroviari e proporre soluzioni all’avanguardia nel disegno architettonico e nella sostenibilità ambientale. Grazie a FILI, l’asse Milano-Malpensa diventerà un’arteria di scenari urbani verdi, moderni e ad alta vivibilità, che comprenderà stazioni e reti, ma anche le aree limitrofe.

L’intervento avviato a Cormano
A Cormano l’intervento interessa un’area di oltre 62mila metri quadri che si estende di fianco ai binari, attraversata da un sentiero pedonale diretto al sottopasso ferroviario e costeggiata da orti cittadini. Nella zona è stata già avviata la piantumazione di nuovi alberi e arbusti scelti fra le specie autoctone: in particolare, sono stati selezionati alberi di prima grandezza come tigli, carpini, frassini, pioppi e meli.

Il progetto prevede inoltre la sostituzione degli esemplari morti o danneggiati e la pulizia delle aree incolte. I cittadini di Cormano potranno raggiungere la stazione passeggiando sul sentiero, che sarà fiancheggiato da nuovi filari, e vedranno ripopolarsi di verde l’area che circonda i propri orti. Dopo Cormano, il progetto “Piantalalì” raggiungerà in questa prima fase altri 23 Comuni lombardi.

(In fotoi Milano Bovisa Credits @Park Associati)

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,551FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -