21.1 C
Milano
domenica, Ottobre 2, 2022

Proverbio:Ottobre, il vino è nelle doghe A S. Francesco (4 ottobre) arriva il tordo e il fresco

Milano – Fratelli di San Francesco arrivati nella notte i primi profughi Ucraini

(mi-lorenteggio.com) Milano, 25 marzo 2022 – “Sono arrivati nella notte alla Fratelli di San Francesco i primi profughi ucraini accompagnati dalla Protezione Civile. Due arrivi il primo intorno alle 23 una mamma con una bambina di dieci anni, quattro donne, un uomo e un cane, il secondo alle 2 e mezza di notte mamma con nove bambini, 5 femminucce e 4 maschietti. La più piccola ha un anno e mezzo. La protezione civile ha fatto i tamponi. Tutti erano affamati e sono stati rifocillati. Ero al nostro centro di via Saponaro 40 che stavo seguendo alcuni anziani clochard italiani ospiti della nostra struttura quando mi hanno avvisato che erano arrivati i primi profughi dall’ucraina, per ora sono 17, tra loro davvero tanti bambini e un solo uomo. fuggono dalla guerra. Una grande tragedia e una storia terribile, come ne sentiamo tante purtroppo alla Fratelli di San Francesco. Vedendo questi bambini che sono dovuti fuggire dalla loro casa e hanno dovuto lasciare tutto quello che avevano ma finalmente erano arrivati da noi in un luogo sicuro e protetto, la mia mente è andata subito a quella che consideriamo la”nostra” famiglia afghana (madre, padre, 3 figlie femmine e due maschi). Loro invece non sono ancora al sicuro. Attualmente si trovano in Iran dopo che, nelle evacuazioni di agosto, non erano riusciti a prendere l’aereo per venire in Italia. Gli Esteri ci hanno avvertiti verso metà settembre che chiunque fosse riuscito a raggiungere una delle nostre ambasciate nei paesi limitrofi e fosse stato nelle liste ministeriali per le evacuazioni ma fosse rimasto ancora in Afghanistan, avrebbe ricevuto un visto per raggiungere l’Italia. A fine novembre hanno ottenuto i visti e i lasciapassare per raggiungerci. Da quel giorno sono in attesa dell’exit visa iraniano per poter uscire dal Paese (li abbiamo anche fatti registrare presso il Ministero degli Esteri e quello degli Interni dell’Iran). Intanto i loro visti sono scaduti perché avevano durata di 90 giorni (la nostra Ambasciata li riemetterà) e le figlie maggiori sono state rapite e rilasciate dopo 20 giorni da un gruppo di afghani in Iran che probabilmente voleva un riscatto. La situazione è di grande sofferenza poiché vivono da irregolari con il terrore di essere rimpatriati. Lancio un appello al Presidente Mattarella e alle Istituzioni italiane affinché non si dimentichino di loro e delle persone come loro (sappiamo di casi similari sia in Iran che in Pakistan)” racconta emozionato Fratel Clemente Presidente della Fondazione Fratelli di San Francesco.

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,573FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -