18 C
Milano
sabato, Ottobre 1, 2022

Proverbio:Ottobre, il vino è nelle doghe A S. Francesco (4 ottobre) arriva il tordo e il fresco

La Basilica di Sant’Ambrogio ospiterà le mamme del CAV Mangiagalli

(mi-lorenteggio.com) MIlano, mercoledì 13 aprile 2022 – Questa mattina è stato firmato l’accordo tra la Basilica di Sant’Ambrogio e il Centro di Aiuto alla Vita Mangiagalli di Milano per la realizzazione di una struttura di accoglienza dedicata a donne in gravidanza che vivono situazioni di particolare disagio economico e sociale.

La casa, interna al chiostro della Basilica, sarà inaugurata nel 2023 e verrà gestita dal CAV Mangiagalli, benemerita associazione milanese attiva dal 1984 con lo scopo di sostenere la maternità difficile e offrire percorsi di aiuto concreti.

“Siamo felici per il percorso che oggi ha inizio ufficialmente e che ci permetterà di accogliere e sostenere tante madri in difficoltà, con i loro piccoli – dichiara l’Abate di Sant’Ambrogio mons. Carlo Faccendini. Questa casa sarà occasione di vicinanza concreta da parte della nostra comunità parrocchiale, che sta già rispondendo con generosità ed entusiasmo a questo progetto”.

“Siamo grati a mons. Faccendini per la sensibilità con cui ha accolto la nostra idea – affermano Francesco Migliarese e Soemia Sibilllo, Segretario e Direttrice del CAV Mangiagalli. Sogniamo una città dove nessuna donna si trovi sola e costretta a interrompere una gravidanza e la Casa per la Vita in Sant’Ambrogio, nel cuore di Milano, sarà un segno di speranza eloquente e un passo importante in questa direzione”.

L’ambizioso progetto, che vedrà nei prossimi mesi importanti lavori di ristrutturazione, prevede al primo piano la realizzazione di sei comode camere che ospiteranno donne incinte o con bimbi neonati, tre bagni, una cucina, un grande soggiorno, un salone, uno spazio lavanderia, uno spazio allattamento, e un lungo balcone su cui affacciano tutte le camere e da cui sarà possibile rimanere incantati dal grande campanile della Basilica.

Le mamme, ciascuna con la propria stanza ma anche con ambienti comuni, potranno sentirsi meno sole e vivere più serenamente l’attesa della gravidanza fino ai primi dodici mesi del bambino. Al piano terra ci sarà un locale per le attività di ascolto e supporto alle mamme da parte degli operatori del CAV Mangiagalli al fine di accompagnarle anche nella relazione mamma-bambino e di renderle passo dopo passo più autonome e in grado di realizzare un proprio percorso di vita.

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,574FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -