25.5 C
Milano
martedì, Maggio 24, 2022

8 MAGGIO - FESTA DELLA MAMMA

Noa al Conservatorio per l’emergenza Ucraina a sostegno di Opera San Francesco

Ultimo aggiornamento il 20 Aprile 2022 – 11:03

(mi-lorenteggio.com) Milano, 20 aprile 2022 – Una serata in nome della solidarietà e della pace in compagnia di una voce straordinaria. È il concerto che Noa terrà sabato 7 maggio 2022 alle ore 21 al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano (via Conservatorio 12) a sostegno di Opera San Francesco per i Poveri onlus.

La celebre artista israeliana porterà sul palco i temi che da sempre contraddistinguono la sua produzione artistica e che oggi sono più attuali che mai: la compassione, l’amore e il rispetto per il prossimo saranno al centro di un appuntamento dedicato all’emergenza Ucraina. I fondi raccolti contribuiranno infatti alle attività di Opera San Francesco destinate ai profughi ucraini sia a Milano dove si sono rifugiati sia nel loro Paese.

Insieme al suo storico trio di musicisti – Gil Dor alla chitarra, Ruslan Sirota al pianoforte, Omri Abramov al basso e sax – Noa proporrà un percorso musicale attraverso le sue canzoni più famose. A partire dal disco Noa, prodotto da Pat Metheny nel 1994, fino agli ultimi album Letters to Bach e Afterallogy, il concerto si snoderà tra passato e presente per celebrare i trent’anni di carriera internazionale dell’artista, iniziata proprio in Italia, a Catania, nel 1992.

Come sempre accade quando Noa si esibisce, le più profonde riflessioni troveranno un canale espressivo semplice e diretto nella sua potente voce, che ha pochi uguali al mondo. La serata è resa ancora più speciale dallo stretto rapporto che da molti anni lega Noa, invitata più volte anche ad Assisi, all’ordine Francescano.

In questa occasione l’artista sarà accanto a Opera San Francesco per i Poveri per aiutare concretamente i profughi ucraini. Impegnata dal 1959 a Milano nell’assistere tutti coloro che hanno bisogno di aiuto, in queste settimane OSF, come sempre, apre le sue porte anche a donne, uomini e bambini in fuga dalla guerra, garantendo non solo una risposta ai bisogni primari – un pasto caldo, una doccia e abiti puliti – ma anche conforto, ascolto e attenzione.

Solo lo scorso anno OSF ha accolto oltre 17mila persone offrendo più di 600mila pasti nelle sue mense di corso Concordia e piazzale Velasquez, erogando oltre 22mila ingressi al servizio di igiene personale, oltre 4mila cambi d’abito e quasi 30mila visite mediche al Poliambulatorio. Può contare sul sostegno di più di 1000 volontari, di cui circa 200 sono medici.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,551FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -