21.1 C
Milano
domenica, Ottobre 2, 2022

Proverbio:Ottobre, il vino è nelle doghe A S. Francesco (4 ottobre) arriva il tordo e il fresco

CHI BESTEMMIA DIO FA SCHIFO. CHI LO FA USANDO GLI ANIMALI E’ ANCHE PEGGIO

(mi-lorenteggio.com) ROMA, 9 MAGGIO 2022. “Bestemmiare DIO, qualunque Dio è per i credenti un peccato mortale e per tutti gli altri un gesto di inciviltà, maleducazione e mancanza di rispetto verso i credenti in Dio, ripetiamo in qualunque Dio. Farlo accostando in maniera spregevole al nome di Dio (che comunque non va nominato invano) i nomi delle specie animali che invece sono per i credenti delle creature proprio di quel Dio e per quanto ci riguarda sono gli essere viventi più puri è ignobile e bisogna fare di tutto per evitare questi accostamenti nelle bestemmie e nelle parolacce, ed il modo migliore per evitare accostamenti impropri ed offensivi è semplicemente quello di non pronunciarle”.

L’ Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente torna sulla vicenda delle parolacce e delle bestemmie per le quali si usano i nomi di razze di animali per offendere Dio dopo la prima presa di posizione che aveva destato una discreta discussione mediatica sulla proposta di evitare la parola cane nelle parolacce e nelle bestemmie ora gli animalisti di AIDAA allargano la platea di discussione sostenendo di fatto che nessun animale deve essere accostato in maniera offensiva a Dio.

“I veri bestemmiatori contro Dio e contro il Creato- sostengono gli animalisti sono coloro che depredano la terra, che vendono ai vari livelli la morte sia essa attraverso le guerre e la violenza o la droga, solo per citare alcuni casi, e anche coloro che mancano di rispetto vecchi e bambini, o che insultano la  gente per il colore della pelle o per una cultura diversa della nostra e a loro aggiungiamo anche chi non ha rispetto per gli animali e per la natura nella più larga eccezione del termine e alcuni tra quelli che hanno criticato la nostra proposta dovrebbero farsi un esame di coscienza a partire dalla loro visione sulla società e sull’accoglienza di coloro che considerano diversi solo per il colore della pelle o perchè arrivano da altri paesi magari sui barconi, questi signori altro non sono che sepolcri imbiancati, altro che parlare di Dio, il loro stesso pronunciare quel nome sulle loro labbra è una bestemmia”.

V.A.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,573FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -