31.3 C
Milano
mercoledì, Luglio 6, 2022

Proverbio: Luglio poltrone porta la zucca col melone

Annunciate le vincitrici della selezione milanese di FameLab 2022, il talent show internazionale di divulgazione scientifica

Ultimo aggiornamento il 28 Maggio 2022 – 11:21

Ad aggiudicarsi il podio, in una serata ricca di scienza e spettacolo, sono Valentina Vavassori, ricercatrice dell’Istituto San Raffaele Telethon per la Terapia Genica, e la studentessa di bioingegneria dell’Università di Padova Elena Barosso

(mi-lorenteggio.com) Milano, 28 maggio 2022 – Si è conclusa ieri sera la selezione Milanese di FameLab, il talent show internazionale della divulgazione scientifica nato nel 2005 a Cheltenham, nel Regno Unito. Una serata trascorsa nella cornice magica dello Spazio Polene, nel Padiglione Aeronavale del Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci, e ricca di soprese: ad accompagnare la sfida, tra i divulgatori in gara, uno spettacolo di stand-up comedy scientifica del tecnico robotico dell’Istituto Italiano di Tecnologia – IIT Paul Genovese e l’esibizione chitarra e voce di Antonio Bosco, dell’Associazione Polifonia del Politecnico di Milano.

I giudici

Ad aggiudicarsi i primi due posti sul podio, a insindacabile giudizio della giuria di esperti, sono state Valentina Vavassori, appassionata paracadutista e ricercatrice dell’Istituto San Raffaele Telethon per la Terapia Genica, che ha raccontato al pubblico come i virus possono essere usati per correggere il DNA delle cellule e curare in modo definitivo alcune malattie genetiche, e la studentessa di bioingegneria dell’Università degli Studi di Padova Elena Barosso, che corre i 400 metri in atletica leggera e ha parlato di ossa, della loro rigenerazione e del futuro della ricerca nel campo. Saranno loro ad accedere alla Masterclass di formazione, in programma per l’estate, e a partecipare alla finale nazionale del contest, che si terrà in autunno e incoronerà il vincitore italiano di FameLab 2022.

Accanto ai due primi posti, anche il terzo classificato Andrea Pianetti, dottorando in nanotecnologie dell’Università di Milano-Bicocca, con un talk su quantum dots e computer quantistici, e la preferita del pubblico, Francesca Donnaloja, dottoranda del Politecnico di Milano dove studia il rapporto complesso tra flora batterica intestinale e cervello.

FameLab – che nel corso di questi 17 anni ha visto sfidarsi tra loro oltre 10.000 ricercatori da 31 paesi nel mondo, avviando la carriera di molti divulgatori famosi – ha un format semplice e accattivante: i concorrenti hanno 3 minuti per conquistare giuria e pubblico affrontando un tema scientifico con carisma, chiarezza e precisione, senza l’aiuto di slide o video, ma solo della voce e di eventuali oggetti di scena.

A valutare gli 11 concorrenti milanesi è stata una giuria di ricercatori e divulgatori composta dalla giornalista scientifica e conduttrice radio Chiara Albicocco, dal biotecnologo e divulgatore Stefano Bertacchi, dall’autore e comunicatore Stefano Sandrelli di INAF, e dagli scienziati Anna Mondino, di IRCCS Ospedale San Raffaele, e Francesco Nicassio, Direttore del centro di Milano dell’Istituto Italiano di Tecnologia – IIT.

La selezione milanese del concorso internazionale è promossa da un nutrito gruppo di istituti di ricerca e atenei della città: Università Vita-Salute San Raffaele, ente coordinatore, insieme a IRCCS Ospedale San Raffaele, INAF – Osservatorio Astronomico di Brera, Istituto Italiano di Tecnologia – IIT, Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci e Politecnico di Milano.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,610FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -