22.4 C
Milano
domenica, Agosto 14, 2022

Proverbio: Agosto ci matura grano e mosto

SCHEDA.SANITÀ, VICEPRESIDENTE MORATTI:NUOVA TASK FORCE PER RIDURRE LISTA D’ATTESA

Ultimo aggiornamento il 30 Giugno 2022 – 16:06

E VERIFICARE CORRETTA GESTIONE EROGAZIONE PRESTAZIONI

(mi-lorenteggio.com) Milano, 30 giugno 2022. All’Unità sono assegnati precisi obiettivi da raggiungere e modalità di intervento:

1. monitoraggio e individuazione delle azioni correttive relative alle eventuali criticità in materia di:
– rispetto dei tempi massimi di attesa dagli Enti SSR (ASST, IRCCS di diritto pubblico, Strutture private accreditate e a contratto);
– qualità dei flussi informativi trasmessi dagli Enti SSR (ASST, IRCCS di diritto pubblico, Strutture private accreditate e a contratto);
– rapporto tra i volumi di attività istituzionale/SSN e libero-professionale presso gli Enti pubblici SSR (ASST, IRCCS di diritto pubblico), come previsto da normativa vigente e ferma restando la titolarità delle ASST e degli IRCCS pubblici in ordine ai controlli e alle azioni da porre in essere;
– attuazione della DGR n. 3540 del 7 settembre 2020, con riguardo al progressivo allineamento dei tempi di attesa relativi alle attività istituzionali/SSN e libero-professionale intramuraria, per le sole tipologie di prestazioni erogate in regime istituzionale oltre i tempi massimi previsti, secondo il principio per cui la modalità di erogazione libero professionale debba rappresentare, per l’Assistito, esclusivamente un’opportunità di scelta dei Professionisti incaricati delle proprie cure quale espressione di un rapporto fiduciario e mai quale percorso alternativo per ottenere prestazioni in tempi più rapidi, presso gli Enti SSR (ASST, IRCCS di diritto pubblico, Strutture private accreditate e a contratto);
– disponibilità (visibilità e prenotabilità da Enti esterni) delle agende di prenotazione delle prestazioni di specialistica ambulatoriale presso gli Enti SSR (ASST, IRCCS di diritto pubblico, Strutture private accreditate e a contratto);
– offerta di prestazioni sanitarie di specialistica ambulatoriale nei giorni festivi, nella fascia oraria pomeridiana dei giorni prefestivi e nella fascia oraria serale dei giorni feriali, presso gli Enti pubblici SSR (ASST e IRCCS di diritto pubblico);
– funzionalità dei servizi garantiti attraverso la Rete Regionale di Prenotazione;
– più in generale, stato di attuazione delle misure disposte da Regione Lombardia per la riduzione dei tempi di attesa, al fine di garantire stati di avanzamento omogenei a livello territoriale, presso gli Enti SSR (ASST, IRCCS di diritto pubblico, Strutture private accreditate e a contratto);

2. implementazione e messa a regime, presso gli Enti pubblici SSR (ASST e IRCCS di

diritto pubblico), di un Sistema integrato di presa in carico “totale” del Cittadino, che preveda la prenotazione automatizzata nei tempi massimi previsti di tutte le prestazioni di controllo (visite, approfondimenti diagnostici, etc.) nell’intero percorso di follow up, con tempestiva comunicazione, dove applicabile, al Medico curante (MMG/PLS, specialista ospedaliero) delle prescrizioni/prenotazioni, mediante alimentazione del Fascicolo Sanitario Elettronico o altro canale, garantendo nel contempo la regolare e tempestiva offerta delle prime visite e prime prestazioni diagnostiche;

3. monitoraggio e valutazione delle attività di telemedicina tra cui televisita, teleconsulto, telecontrollo, telemonitoraggio, sia a regime che condotte in via sperimentale, in termini di impatto nel contenimento dei tempi d’attesa ed efficacia nella presa in carico e gestione dell’assistito rispetto alle prestazioni previste dal proprio percorso di cura, anche in ottica di trasferibilità, promozione e adozione di processi organizzativi e strumenti/piattaforme ottimali;

4. formulazione di proposte in materia di contenimento dei tempi attesa delle prestazioni:
– erogabili presso le Strutture previste nel PNRR (Ospedali di Comunità, Case di Comunità e Centrali Operative Territoriali);
– più in generale, erogabili per superare eventuali disuguaglianze erogative delle prestazioni e garantire uniformità nell’erogazione dei LEA, presso gli Enti SSR (ASST, IRCCS di diritto pubblico, Strutture private accreditate e a contratto);

5. trasmissione periodica alla Direzione Generale Welfare e all’Assessorato al Welfare di relazione che evidenzi le criticità rilevate, l’analisi dei fenomeni che le hanno generate, le misure correttive individuate/poste in essere e i risultati attesi/conseguiti.

L’Unità di Intervento per la riduzione dei tempi di attesa delle prestazioni sanitarie e sociosanitarie utilizzerà il supporto tecnico-informatico di ARIA S.p.A., e potrà avvalersi di ulteriori professionalità del SSR laddove si rendano necessari pareri specifici.

V.A.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,615FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -