28.1 C
Milano
mercoledì, Agosto 10, 2022

Proverbio: Agosto ci matura grano e mosto

Le grandi potenze guardano alla Repubblica Dominicana come esempio di gestione della crisi energetica mondiale

Ultimo aggiornamento il 21 Luglio 2022 – 18:04

Santo Domingo, 21 luglio 2022 -Il governo di Luis Abinader ha stabilito una serie di incentivi e sussidi per il prezzo dell’energia, in modo che la popolazione non subisca appieno gli effetti della gravissima inflazione energetica iniziata un anno fa e le cui conseguenze sono state amplificate dalla guerra in Ucraina.

L’ex presidente Leonel Fernández e il suo partito Fuerza del Pueblo praticano le stesse strategie delle formazioni europee guidate da Marine Le Pen, Santiago Abascal o Matteo Salvini, per citarne alcune, o del populismo trumpista di organizzazioni come i Proud Boys negli Stati Uniti.

“Il populismo è l’espressione del fallimento della politica e Leonel Fernández sta dimostrando di essere un politico ammortizzato che vive separato dalla vera realtà del popolo, nonostante il fatto che, dopo 12 anni al potere, dovrebbe sapere cosa significa essere a capo dello Stato dominicano. All’inizio di questo mese di luglio, Leonel non ha avuto altro spirito populista che affermare che il suo partito, Fuerza del Pueblo, si sarebbe opposto al riaggiustamento della tariffa elettrica ogni tre mesi. L’ex presidente dominicano ha affermato che questa misura sarebbe dannosa per le piccole e medie imprese” alcuni dei commenti.

“Tuttavia, oltre al fatto che questo patto è stato firmato dal PLD quando era presidente di quel partito, dimostra che Leonel non è consapevole della realtà che vivono le famiglie e le imprese dominicane. Cosa penserebbe Leonel se le tariffe fossero riviste quotidianamente come avviene nella maggior parte dei paesi del mondo? In altre parole, l’ex presidente non ha idea e non ha imparato nulla dal suo recente viaggio in Spagna, durante il quale ha tenuto vari incontri, tra cui il ricevimento riservatogli dal Partito Socialista Operaio Spagnolo, il partito politico del presidente Pedro Sánchez. Leonel deve essere rimasto colpito dalla gentilezza di Hanna Jaloul, segretario del PSOE per la politica internazionale, ma evidentemente non ha imparato nulla. Il populismo consiste nel dire ciò che la gente vuole sentirsi dire, che sia vero o meno, e soprattutto nel promuoverne la propagazione se è una bugia. Questo è ciò che è diventato Leonel Fernández, un populista senza scrupoli capace di rinnegare persino i patti firmati dal partito che ha governato e presieduto, La propaganda che accompagna Leonel Fernández è legata all’impossibilità di presentare argomenti reali con cui svolgere un lavoro di opposizione democratica” il pensiero nella maggioranza.

In una situazione di inflazione globale, in uno scenario di crisi energetica mondiale, la priorità è trovare un modo per far sì che i popoli subiscano il meno possibile le conseguenze dei giochi dei potenti, sia bellici che economici. In una situazione di crisi globale, su questioni che contano e riguardano tutti i cittadini, i politici di classe non sono accompagnati da palmeros mediatici o da altoparlanti manipolati da stomaci gratificati per ottenere il potere in qualsiasi modo. I politici sanno quando smettere di fare i giochi di partito e fare un passo avanti per fare politica di Stato. Leonel sta dimostrando una sindrome di Hubris da manuale e questo è molto pericoloso per il popolo dominicano.

Paese    Prezzo Kwh
Germania$ 0,335
Regno Unito$ 0,331
Spagna$ 0,320
Italia$ 0,240
Portogallo$ 0,231
Giappone$ 0,226
Francia$ 0,185
Brasile$ 0,185
USA$ 0,162
Panama$ 0,156
Cile$ 0,144
Colombia$ 0,134
Canada$ 0,113
Costa Rica$ 0,105
Repubblica Dominicana$ 0,094
Messico$ 0,083
Cina$ 0,081
Argentina$ 0,046

La crisi energetica globale sta colpendo tutti i Paesi del mondo. La differenza sta nel modo in cui ogni governo la affronta e, soprattutto, nelle risorse a disposizione del proprio Paese in termini di materie prime. Uno Stato produttore di petrolio o di gas non è ovviamente uguale a uno Stato che deve importare petrolio o gas. Un Paese con indipendenza energetica non è la stessa cosa di uno che non ce l’ha.

In quest’ultimo caso, ovviamente, il prezzo dei diversi tipi di energia sarà sempre più caro in una situazione normale, soprattutto se si è verificata una crisi globale.

Il problema è che le cifre non ingannano, a meno che non ci siano persone che cercano di manipolarle per raggiungere un interesse personale, politico o commerciale.

La Repubblica Dominicana non è un Paese produttore di petrolio o di gas. Inoltre, come accade praticamente in tutte le isole del mondo, non ha l’indipendenza energetica. Questo è il motivo per cui i cittadini degli Stati insulari soffrono molto di più della crisi energetica, perché i prezzi sono più alti rispetto ai Paesi continentali a causa della semplice imputazione dei costi di trasporto.

È qui che i governanti devono dimostrare se lavorano per il popolo o per altri interessi. In Spagna, ad esempio, quando un ex ministro dell’Economia è stato interrogato durante una commissione parlamentare su alcuni movimenti consentiti dal governo, la sua risposta è stata “è il mercato, amico mio”, e con questa frase sono state giustificate molte cose ingiustificabili da un punto di vista sociale e popolare.

In una situazione di crisi globale, come quella attuale, chi è al potere, ad eccezione di chi è direttamente coinvolto nelle cause, sa di non essere responsabile di conseguenze come l’alta inflazione o la mancanza di approvvigionamenti. Tuttavia, i partiti di opposizione, con il loro pacchiano opportunismo, con strategie di comunicazione che assomigliano a quelle di un artista della truffa e con la costante manipolazione di fatti e cifre, cercheranno di vincere ciò che non sono riusciti a vincere alle urne. Inoltre, e questo è molto pericoloso per i sistemi democratici, stanno utilizzando sempre più i sistemi di propaganda del nazista Joseph Goebbels o dello stalinista Georgi Aleksandrov, cioè di conquistare il popolo attraverso i principi della menzogna applicati nei più duri regimi autoritari della storia. È quello che sta accadendo ora nella Repubblica Dominicana.

Abinader, tutto dal popolo e per il popolo
Il capo di Stato del Paese caraibico, Luis Abinader, è salito al potere nell’agosto 2020 nel bel mezzo della pandemia di Covid-19 e ha già dimostrato di essere seriamente intenzionato a rispettare gli impegni di una nuova forma di governo basata sulla ricerca prioritaria del benessere della cittadinanza.

Abinader ha applicato un sistema di vaccinazione per il quale è stato riconosciuto a livello internazionale in occasione di importanti eventi come il Forum di Davos in Svizzera o il Vertice delle Americhe organizzato dal Presidente degli Stati Uniti Joe Biden. Tuttavia, questa strategia di vaccinazione ha avuto un ritorno diretto in termini economici e sociali, dal momento che la Repubblica Dominicana ha riacquistato il suo dominio nel settore turistico prima dei Paesi dell’America Latina e dei Caraibi, offrendo ai visitatori internazionali ambienti sicuri in cui godersi le vacanze senza il rischio di contagio, anche con l’arrivo di nuove varianti del coronavirus che hanno rallentato la ripresa in altri Paesi in America e in Europa.

Questi ambienti sicuri creati da Abinader sono stati fondamentali anche per l’apertura di nuove rotte aeree da Paesi che fino all’arrivo dell’attuale presidente dominicano non ricevevano visitatori. Inoltre, sono state ampliate le rotte dagli Stati Uniti e dall’Unione Europea.

L’eccezione dominicana
Nell’estate del 2021 è iniziata una crisi energetica globale che ha provocato una tendenza al rialzo dei prezzi dell’elettricità e del carburante. L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia e le successive sanzioni imposte dagli Stati Uniti, dall’Unione Europea e dal Regno Unito hanno aggravato questa situazione inflazionistica.

L’aumento dei vari indici dei prezzi al consumo in tutti i Paesi del mondo viene tentato da tutti i governi con diversi gradi di successo. La realtà è che la causa di questa inflazione è il prezzo dell’energia, che viene sfruttato, ad esempio, dalle grandi compagnie petrolifere per aumentare artificialmente la situazione attuale.

In Spagna e Portogallo, ad esempio, per abbassare il prezzo delle bollette dell’elettricità, è stato raggiunto un accordo con l’Unione Europea per limitare il prezzo del gas, che è così influente quando si tratta di generare energia nelle centrali elettriche. Questa è la cosiddetta “eccezione iberica”.  Tuttavia, in Spagna questa misura riguarda solo le famiglie che hanno sottoscritto una tariffa regolamentata e non quelle che pagano la bolletta attraverso il mercato dell’elettricità.

Un’eccezione si sta verificando anche nella Repubblica Dominicana, che ha posto il Paese caraibico di fronte a prezzi, sia per l’energia che per il carburante, che stanno inducendo molti Paesi a prendere atto di ciò che Abinader sta attuando a favore del suo popolo.

Tuttavia, l’opposizione in questo momento sta applicando il populismo più assoluto per mettere il popolo contro il proprio governo nel bel mezzo di una crisi globale che sta colpendo il mondo intero. Il prezzo dell’elettricità nella Repubblica Dominicana è tra i più bassi dell’America Latina e, ovviamente, è molto più basso di quello di Stati Uniti, Regno Unito, Spagna, Italia, Giappone, Canada, Francia e Germania, per citarne alcuni.

Va ricordato che il prezzo medio mondiale dell’elettricità è di 0,130 dollari per KwH. Pertanto, l’amministrazione di Luis Abinader ha fissato le tariffe elettriche per le famiglie al di sotto della media mondiale.

Tuttavia, il presidente dominicano era anche vincolato da un patto firmato nel 2018 tra i partiti politici e durante il governo del Partito della Liberazione Dominicana (PLD) per attuare una transizione elettrica fino al raggiungimento di una tariffa di riferimento. Questo patto, tuttavia, non è stato rispettato dal PLD che ha preferito continuare con le sue politiche populiste che avevano come unico obiettivo quello di mantenere il governo nel 2020.

Abinader è un presidente che rispetta quanto concordato a livello statale e, come ha dichiarato Milton Morrison, direttore generale di Edesur Dominicana, “il presidente Luis Abinader sta solo rispettando un patto che nel 2018 avrebbe dovuto essere applicato dal governo del PLD, che ha preferito fare politica e non applicarlo, per non dare la testa al popolo dominicano”. Leonel Fernández, Fuerza del Pueblo e il PLD sono squalificati perché hanno firmato lo smantellamento della tariffa elettrica con cui il popolo dominicano convive”.

L. M.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,615FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -