21.2 C
Milano
lunedì, Ottobre 3, 2022

Proverbio:Ottobre, il vino è nelle doghe A S. Francesco (4 ottobre) arriva il tordo e il fresco

Pizzighettone 1500: guerre, scandali, potere

(mi-lorenteggio.com) Pizzighettone, 19 agosto 2022 – Una serata a base di storia lombarda: intrighi, passioni, politica e tradimenti fra tardo Medioevo e Rinascimento nella cornice di un’antica roccaforte.
È questo il menu proposto sabato 20 agosto (ore 21:30) dall’evento Pizzighettone 1500: guerre, scandali, potere.
Sarà un’occasione sia per conoscere un episodio curioso e salace sia per apprezzare scorci serali di Pizzighettone, adagiata con le sue antiche fortificazioni sulle sponde del fiume Adda (il percorso dello spettacolo si svolgerà a tappe lungo la cerchia muraria, illuminata con torce e fiaccole).
In questa suggestiva ambientazione sarà narrato un fatto avvenuto nell’anno 1500, riportato alla luce e ricostruito grazie a ricerche archivistiche e bibliografiche: uno scandalo osé che coinvolse i vertici politici del Ducato di Milano, del Regno di Francia e della Repubblica di Venezia.

La trama
Gli scenari storici in cui prende corpo la trama del racconto sono gli scontri militari fra i potentati italiani negli ultimi anni del Quattrocento, acuitisi con la politica spregiudicata del duca di Milano Ludovico Maria Sforza (più noto come Ludovico il Moro).
In questi frangenti si svolgono le vicende di Paolo Biglia: discendente di una nobile famiglia lombarda inserita da decenni nell’entourage sforzesco, è un agente al servizio del duca come segretario e ambasciatore.
Fra il 1499 e il 1500 si giunge alla guerra aperta: le truppe del re di Francia Luigi XII di Valois-Orléans attaccano il cuore del ducato milanese, mentre l’esercito della Serenissima Repubblica di Venezia (alleata del sovrano transalpino) invade il Cremonese e la Gera d’Adda.
Nell’aprile 1500 Ludovico il Moro, sconfitto, è catturato dai francesi. Caduto il proprio duca, Paolo fugge dal Milanese per scampare ai nuovi dominatori e si rifugia a Pizzighettone, roccaforte controllata dai veneziani. Lì trova ospitalità presso il cognato Giovanni da Casale.
Memore dei suoi precedenti al servizio sforzesco, la Signoria veneta si dimostra tutt’altro che disponibile verso l’ex diplomatico: Fantino Valaresso, provveditore di Pizzighettone, lo mette al bando e proclama Giovanni ribelle.
Per i due cognati la situazione è difficile ma la moglie di Giovanni fornisce la chiave per la loro riscossa: grazie al suo tradimento coniugale, consumato proprio con Fantino Valaresso.
Tradimento fittizio o provocato ad arte? In ogni caso, Paolo e Giovanni sfruttano l’occasione: ricorrono a conoscenze altolocate, fanno intervenire l’ambasciatore francese a Venezia e portano la liaison amorosa all’attenzione del Collegio dei Savi, uno dei massimi organi politici della Repubblica.
Il provveditore è rimosso dalla carica e posto sotto accusa: ne esce scagionato ma per chiudere l’incidente e lo scandalo il governo della Serenissima è costretto a riabilitare Paolo e Giovanni.
Quest’ultimo si spinge a domandare un «segno di fedeltà». A denti stretti, il Collegio gli concede l’investitura a Cavaliere di San Marco, celebrata l’8 novembre 1500 dal doge Agostino Barbarigo.
Fantino Valaresso scompare dalla scena politica ma non definitivamente. Qualche anno più tardi diviene magistrato, quindi senatore di Venezia. Perché non sempre uno scandalo sessuale blocca una carriera…

Lo spettacolo
L’evento è ispirato al modello del teatro di narrazione. Proporrà in forma piacevole e coinvolgente le vicende del 1500: toni colloquiali, vivaci, a tratti ironici ma rispettosi dei contenuti storico-scientifici.
Non soltanto cronistoria e biografia nel racconto:anche cultura, curiosità, economia, società e tradizioni della Lombardia fra tardo Medioevo e Rinascimento.
Organizzato dal GVM, l’evento fa parte della serie itinerante di spettacoli «Racconti d’estate». Attiva dal 2010, questa rassegna ha fatto tappa in Emilia-Romagna, Liguria, Piemonte e Toscana, oltre che in Lombardia (ha toccato i territori di Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi e Milano). Il 27 agosto proseguirà con l’iniziativa Pizzighettone 1449: intrigo al castello.

Informazioni
La narrazione storica Pizzighettone 1500: guerre, scandali, potere si svolgerà a Pizzighettone (Cremona) sabato sera 20 agosto 2022 con inizio alle ore 21:30 dall’Ufficio Informazioni di Piazza d’Armi (lato cerchia muraria). Il percorso sarà in parte entro ambienti coperti: l’evento avrà luogo anche in caso di maltempo. Contributo: 5 €. Durata: 90/100 minuti.
Contatti: 349 2203693 – eventi@inarce.com – www.davide.info/it/pizzighettone-1500-guerre-scandali-potere.html – www.facebook.com/pizzighettone1500

Narrazione storica

Quando: sabato 20 agosto 2022, ore 21:30
Dove: Pizzighettone (Cremona), cerchia muraria (Piazza d’Armi)
Che cosa: storia del tardo Medioevo e del Rinascimento
Come: narrazione storica

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,573FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -