6 C
Milano
sabato, Dicembre 3, 2022

Proverbio: A Sant'Ambrogio il freddo cuoce

Queste 2 cose potrebbero distruggere le criptovalute a settembre

I prezzi delle criptovalute sono stati devastati quest’anno e molti sono scesi del 90% rispetto ai massimi storici.

Milano, 6 settembre 2022 – In gran parte ciò è dovuto a problemi più ampi e a politiche economiche più rigide in tutto il mondo. Tuttavia, l’impatto è stato amplificato da una serie di fattori specifici delle criptovalute. Ad esempio, è emerso che alcune piattaforme di prestito di criptovalute stavano assumendo rischi enormi con il denaro degli investitori al fine di ottenere rendimenti elevati. Purtroppo, questo era sostenibile solo nei periodi di congiuntura favorevole.

Forse la lezione più importante del 2022 per i nuovi investitori in criptovalute è la precarietà di questo settore. Una cosa è leggere che si tratta di investimenti ad alto rischio, un’altra è vedere un noto ecosistema di criptovalute crollare sotto i nostri occhi, spazzando via miliardi di dollari degli investitori.

In definitiva, dopo nove mesi di azioni di prezzo non ottimali, la vera domanda da porsi è se ci possano essere altre cattive notizie in serbo. Nessuno lo sa con certezza, ma oltre a ulteriori problemi economici, ci sono due grandi minacce che incombono sul settore: la forma della regolamentazione e le basi incerte su cui poggia la più grande stablecoin del settore.

1. Una maggiore regolamentazione è in arrivo

Si parla così spesso della minaccia della regolamentazione che ha iniziato a sembrare un fantomatico uomo nero. Ma non è una figura mitica: l’aumento della regolamentazione è in arrivo e, quando avverrà, avrà un forte impatto sui prezzi delle criptovalute sia a lungo che a breve termine. Settembre è un mese importante a questo proposito, perché è il momento in cui sono attese molte risposte all’ordine esecutivo del presidente Biden sulle criptovalute.

Il 9 marzo, l’ordine esecutivo ha dato alle varie autorità 180 giorni di tempo per rispondere su questioni chiave relative alle criptovalute e alla blockchain negli Stati Uniti. Queste relazioni non costituiranno il quadro definitivo, ma daranno a tutti noi un’idea di ciò che ci aspetta. Prestate particolare attenzione alle idee sulla possibilità che gli scambi di criptovalute debbano seguire regole simili a quelle degli intermediari azionari, e che le criptovalute debbano seguire regole simili a quelle delle azioni.

Altre aree da tenere d’occhio sono la possibilità che gli Stati Uniti creino un dollaro digitale, eventualmente negoziabile su piattaforme come Tesla Coin app, e le misure che potrebbero adottare per controllare le monete stabili. La risposta iniziale all’ordine esecutivo di Biden è stata relativamente positiva, ma sono i dettagli che contano e quelli diventeranno più chiari molto presto. Le proposte di controlli pesanti potrebbero aggravare la situazione di un settore già in difficoltà.

2. Tether potrebbe ancora non essere così vincolato

Tether (USDT) è la più grande stablecoin del settore, nonché la terza criptovaluta per capitalizzazione di mercato. Svolge un ruolo significativo nel settore delle criptovalute ed è alla base di un’ampia fetta del trading di criptovalute, anche se altre stablecoin hanno conquistato una certa quota di mercato.

Le monete stabili sono un tipo di criptovaluta che lega il proprio valore a un’altra merce, come il dollaro statunitense. Tether dovrebbe avere 1 dollaro di riserva per ogni token USDT emesso. È così che mantiene il suo ancoraggio. Il problema è che non è molto trasparente su come detiene questi dollari di riserva. Se ci fosse una corsa a Tether e molte persone cercassero di vendere i loro USDT, non è chiaro se il denaro sia lì per farlo.

Tether non è nuovo a controlli sulle sue riserve. Il token è stato vietato a New York dopo un’indagine del procuratore generale. “Le affermazioni di Tether secondo cui la sua moneta virtuale sarebbe stata sempre pienamente sostenuta da dollari americani erano una menzogna”, ha dichiarato il procuratore generale di New York Letitia James nell’annunciare il divieto e la multa di 18,5 milioni di dollari.

Diversi giornalisti investigativi hanno cercato di scoprire ulteriori dettagli su dove l’azienda tiene i suoi fondi. Di recente, il Wall Street Journal ha riportato che “un calo dello 0,3% degli asset potrebbe rendere Tether tecnicamente insolvente”. Tether ha etichettato l’articolo come una “serie di conclusioni prive di fondamento”. Ad ogni modo, questo sottile margine di errore significa che non ci vorranno molte turbolenze o incertezze da parte degli investitori per mettere in crisi il gigante delle stablecoin.

L. M.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,571FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -