7.3 C
Milano
mercoledì, Dicembre 7, 2022

Proverbio: A Sant'Ambrogio il freddo cuoce

ANNA TIFU E IL VIOLINO. SUONI ED EMOZIONI IN DIALOGO CON L’UMANITÀ

Inaugurazione della stagione culturale 2022-23

L’EVENTO SI TERRÀ PRESSO LA CHIESA DI SAN GOTTARDO IN CORTE
LUNEDÌ 3 OTTOBRE ALLE ORE 18.30

(mi-lorenteggio.com) Milano, 15 settembre 2022. La Scuola della Cattedrale, presieduta da Mons. Gianantonio Borgonovo, Arciprete del Duomo di Milano, giunge alla decima edizione e festeggia questo speciale anniversario con un ospite d’eccezione: Anna Tifu, enfant prodige del violino, interprete di grande talento tra le più apprezzate dalla critica internazionale per la sua tecnica straordinaria, maturità del suono, fraseggio da pura musicista.

Sarda d’origine, inizia gli studi di violino a sei anni con il padre, solista dell’Orchestra di Bucarest.
Suona in pubblico per la prima volta a 8 anni con Salvatore Accardo che la definisce: “Una dei talenti più straordinari che mi sia mai capitato di incontrare”. Debutta dodicenne al Teatro alla Scala di Milano e si diploma all’età di 15 anni al Conservatorio di Musica ‘Giovanni Pierluigi da
Palestrina’ di Cagliari con la menzione speciale.

Innumerevoli i traguardi raggiunti, tra studi di perfezionamento presso le più prestigiose accademie internazionali e tanti concorsi vinti uno dopo l’altro. Solo per citarne alcuni: vincitrice del Premio Internazionale ‘Giovanni Pressenda’ e del Concorso Nazionale di Violino di Carpi, dove le venne assegnato anche il premio per la migliore esecuzione dei ‘Capricci’ di Paganini.
Raggiunge il successo mondiale nel 2007 con la vittoria al prestigioso Concorso ‘George Enescu’ di Bucarest, che lancia la sua stella nella carriera internazionale.

Sempre in viaggio per l’attività concertistica in tutto il mondo, Anna Tifu esprime profonda sintonia con Brahms, Čajkowskij e Sibelius, e sceglie Beethoven come suo compositore preferito – il Concerto per violino e orchestra in Re maggiore fu il primo concerto che ascoltò da bambina eseguito da Uto Ughi.
Suona, tra gli altri, uno Stradivari creato nel 1715-16, irrinunciabile compagno di vita con il quale ha una chimera particolare.

«Non ho mai immaginato di fare altro se non questo.
Momenti di difficoltà ci sono stati e continuano a esserci perché il mio
è un mestiere difficile che richiede tanto studio e sacrifici.
Sono molto pignola ed esigente con me stessa:
bisogna essere molto esperti sul versante tecnico
per non rischiare un blocco emotivo sul palco e l’ansia,
che sono ostacoli per la libertà di esprimersi.
Dopo ogni concerto mi sento arricchita dall’allargarsi
e dal diffondersi della suggestione che si produce intorno a me
e che si incarna nella mia esistenza.
Con il violino cerco di far abbracciare suoni ed emozioni.
Con la musica dialogo al mondo.
Con le emozioni partecipo all’umanità.»

L’evento si terrà lunedì 3 ottobre 2022 alle ore 18.30 nella Chiesa di San Gottardo in Corte (via Pecorari, 2) con la partecipazione straordinaria di Anna Tifu in un’intervista condotta da Mons. Gianantonio Borgonovo e da Armando Torno.

L’evento verrà trasmesso in diretta su DUOMO MILANO TV

Ingresso libero con prenotazione obbligatoria fino ad esaurimento posti
su www.duomomilano.i

V.A.


ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,571FansMi piace
162FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -