7.5 C
Milano
venerdì, Dicembre 2, 2022

Proverbio: A Sant'Ambrogio il freddo cuoce

Piano strategico della Città metropolitana di Milano: al via il confronto con il territorio

(mi-lorenteggio.com) Milano, 20 settembre 2022 – Un confronto con il territorio per definire il Piano strategico triennale: lunedì 19 settembre la Città metropolitana di Milano, dopo un primo confronto con i sindaci dei 133 Comuni, ha avviato il tavolo metropolitano con una cinquantina di stakeholders del territorio e alla presenza della vicesindaca e del segretario e direttore generale, Antonio Sebastiano Purcaro.

Un piano strategico che si discosta da quelli precedenti, alla luce di un quadro socio-economico che è mutato notevolmente, dopo la pandemia, e che deve affrontare nuove sfide, ma anche opportunità, come la gestione delle risorse del Piano nazionale di ripresa e resilienza, per cui la Città metropolitana riveste uno strategico ruolo di regia.

Una sfida che, come è stato chiarito durante la relazione agli stakeholders, deve fare i conti con un quadro normativo che necessita di modifiche (la legge 56/2014), per ridefinire il ruolo delle Città metropolitane, rafforzandone le competenze specifiche, la dotazione di personale e la dotazione finanziaria. Solo così, è emerso, l’ente può davvero coordinare e mettere in atto politiche di area vasta, affrontando le sfide imposte dal nuovo contesto socio-economico, in termini di sostenibilità, connettività, prossimità, inclusione ed attrattività.

Sei le missioni su cui snodare il Piano strategico e le proposte di azione: digitalizzazione, transizione ecologica, mobilità sostenibile, istruzione e ricerca, inclusione e coesione, salute.
Nei mesi di settembre e ottobre, la Città metropolitana si confronterà con tutti i Comuni metropolitani e il capoluogo, organizzando un vero tour itinerante nelle zone omogenee per raccogliere istanze e definire indirizzi, così da costruire una proposta di piano che sarà portata in approvazione, negli organi istituzionali metropolitani, a febbraio 2023.
Durante il tavolo, numerosi rappresentanti di categorie, sindacati e portatori di interesse presenti, hanno condiviso la loro vision, sostenendo con convinzione l’idea di un percorso partecipativo che raccolga la voce del territorio.

Un percorso di partecipazione e condivisione degli obiettivi, nel quale l’ente crede molto, come ha ribadito lo stesso segretario e direttore generale: “Si tratta del terzo piano strategico per la nostra Città metropolitana, e vuole essere il risultato del confronto con enti locali e portatori di interesse di tutto il territorio. Un’occasione per definire e orientare le politiche di area vasta, ma anche dei singoli Comuni, rafforzando contemporaneamente la relazione coi corpi intermedi”.
Non solo, come è stato rimarcato, un adempimento normativo, ma un’occasione per dare vita ad una vera e propria alleanza con tutti gli interlocutori dell’ente, a più livelli.

Nel 2023 si terrà, inoltre, il primo Forum metropolitano, l’assise del territorio metropolitano che, come recita l’art. 14, comma 2 dello Statuto, “costituisce la sede di confronto ampio e plurale fra la Città metropolitana e la sua comunità locale, a partire dalle rappresentanze del mondo della cultura, del lavoro e dell’imprenditoria, nonché del mondo delle autonomie funzionali, dell’associazionismo e del terzo settore soprattutto in relazione alle prospettive di sviluppo della Città metropolitana”.

Tutti gli stakeholders possono inviare, entro la fine di ottobre, i propri contributi a: pianostrategico@cittametropolitana.mi.it.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,570FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -