7.3 C
Milano
mercoledì, Dicembre 7, 2022

Proverbio: A Sant'Ambrogio il freddo cuoce

FONDAZIONE CARIPLO | 1° ottobre Giornata Europea delle Fondazioni – Ben(i)tornati. Gesti quotidiani di rigenerazione

(mi-lorenteggio.com) Milano, 27 settembre 2022 – Sabato 1° ottobre, in occasione della decima Giornata europea delle fondazioni, Fondazione Cariplo aderisce all’iniziativa Ben(i)tornati. Gesti quotidiani di rigenerazione: una festa a cui partecipano oltre 100 luoghi in tutta Italia, dove le comunità e le fondazioni realizzano insieme iniziative locali di rigenerazione. Promossa da Acri e Assifero, la giornata renderà protagonisti i “gesti di rigenerazione” realizzati dalle organizzazioni del Terzo settore, associazioni di quartiere, cooperative sociali, comitati e gruppi di cittadini, che rappresentano i quasi 7 milioni di italiani che dedicano parte del proprio tempo alla cura della comunità, partecipando attivamente a migliorare la vita delle persone e dell’ambiente che li circonda.

Si tratta di spazi dismessi, recuperati e destinati a nuovi usi comunitari, beni confiscati alla criminalità e adibiti a fini sociali, nuovi parchi e boschi in aree abbandonate, laboratori di riciclo realizzati con materiali di scarto, iniziative di recupero del cibo invenduto, progetti di educazione alla sostenibilità. A sostegno di questo universo Fondazione Cariplo e le fondazioni di comunità hanno messo a disposizione risorse e competenze contribuendo a diffondere una visione della società pluralista e solidale, in cui ciascuno si senta responsabile del benessere di tutti.

La Giornata europea delle fondazioni si tiene ogni anno il 1° ottobre ed è stata istituita nel 2013 per informare e sensibilizzare il grande pubblico sull’importanza del dono e del lavoro svolto dalle istituzioni filantropiche. Le fondazioni in Europa sono più di 10mila e, insieme al mondo del volontariato e del Terzo settore, svolgono un ruolo fondamentale nella costruzione di società più eque e inclusive e concorrono ad alimentare e innovare il welfare e la cultura in tutto il continente.

Giovanni Fosti, Presidente Fondazione Cariplo
“Spazi che tornano a nuova vita e partecipazione dei più giovani alla rigenerazione della comunità: questi sono i due temi chiave che caratterizzano la decima giornata europea delle Fondazioni e che ben rappresentano il nostro oggetto di lavoro: promuovere legami di comunità per costruire futuro. Per Fondazione Cariplo è particolarmente significativo essere parte di un network internazionale di soggetti che lavora a questo scopo comune, come fattore di crescita e sviluppo per tutti i territori.”

L’EVENTO A CARIPLO FACTORY
Fondazione Cariplo ha scelto come iniziativa-simbolo per questa giornata il workshop di Spaziopensiero e Luoghicomuni, presso Cariplo Factory in via Bergognone angolo via Tortona, 34 con inizio alle ore 10, con il supporto di Italia Nostra, dedicato soprattutto agli addetti ai lavori al fine di dare avvio all’azione A Piccoli Patti. Sarà anche l’occasione per presentare la pubblicazione dedicata all’esperienza Luoghicomuni, che sarà l’elemento ponte tra l’azione che si sta concludendo e il nuovo percorso che in autunno partirà coinvolgendo 8 municipi della città di Milano.
All’interno del programma Lacittàintorno di Fondazione Cariplo ha preso il via, nel maggio 2018, Luoghicomuni, azione coordinata da Labsus, il laboratorio per la sussidiarietà, in collaborazione con Italia Nostra Onlus – Centro di Forestazione Urbana, orientata alla rigenerazione e cura condivisa di spazi aperti collettivi come beni comuni con l’obiettivo di potenziare la qualità e la quantità del verde urbano, costruire luoghi di aggregazione e condivisione, diffondere comportamenti e stili di vita sani e sostenibili, coinvolgere i cittadini in uno spirito di appartenenza e corresponsabilità.
Con questa azione Labsus ha valorizzato le risorse e le progettualità presenti in alcuni territori di Milano attraverso i Patti di collaborazione (16 attivati fino a oggi), intercettando le proposte degli abitanti dei quartieri in oggetto, creando le condizioni per la nascita di alleanze inedite tra soggetti diversi, con in comune il desiderio di vivere in un luogo più bello, più verde e più inclusivo, facendo perno sulle attività di cura, gestione e rigenerazione condivisa, e promuovendo la nascita e lo sviluppo di nuove alleanze.

Dall’unione tra Luoghicomuni e Ideebambine, l’azione de Lacittàintorno che si affida alla creatività e alla fantasia di bambine e bambini per ripensare gli spazi urbani, nasce così A Piccoli Patti. La progettualità punta a promuovere la partecipazione sociale e la cittadinanza attiva dei bambini e delle bambine nei quartieri (8) in cui si realizzerà l’intervento, quale punto di avvio di un percorso di rigenerazione urbana che coinvolga la comunità di riferimento attraverso l’attivazione di laboratori all’interno delle scuole, la
formazione dei docenti, gli incontri con i genitori e con le associazioni territoriali e la stipula di Patti di collaborazione, ove possibile, tra tutti i soggetti interessati. A partire dalle indicazioni che emergeranno nel corso dei laboratori con i bambini e le bambine tenuti nelle scuole, Spaziopensiero, Labsus e Italia Nostra costruiranno un percorso per metterle in atto. Di fondamentale rilievo sarà la cura e l’attenzione agli aspetti educativi del processo, al coinvolgimento della comunità scolastica e sociale, alle relazioni con tutti i soggetti che parteciperanno alle attività previste dal progetto.

Fondazione Cariplo, che ha di recente festeggiato i 30 anni di vita, ha sostenuto dal 1991 ben 35.600 progetti donando al territorio 3,65 miliardi di euro. Tra queste iniziative molte hanno riguardato progetti di rigenerazione, garantendo una nuova vita a spazi in disuso e permettendo un maggior coinvolgimento della comunità.

Qualche esempio

Pizzeria “Fiore – cucina in libertà” a Lecco
www.fiorecucina.org
via Berlfiore, 1 LECCO
La pizzeria Fiore – Cucina in Libertà è un bene confiscato alla criminalità organizzata e restituito ai cittadini come pubblico esercizio dedicato all’inclusione sociale, alla promozione culturale e alla buona cucina, grazie alla forte collaborazione tra istituzioni (prefettura, agenzia nazionale beni confiscati, comune, Regione Lombardia, Fondazione Cariplo e Fondazione di Comunità di Lecco) e enti del terzo settore.
La pizzeria Fiore – Cucina In Libertà a Lecco ora è un luogo dove gli abitanti possono entrare, mangiare un’ottima pizza con ingredienti sani e sostenibili per l’ambiente, un luogo dove si promuove la cultura della legalità, dello scambio e della partecipazione, e l’inserimento lavorativo di persone in difficoltà in stretta collaborazione con i servizi del territorio.

Casa della legalità “Emanuele Riboli” a Manerba del Garda (BS)
https://www.legamileali.it/news/la-storia-della-casa-della-legalita-emanuele-riboli/
La casa della legalità di Manerba del Garda viene inaugurata a ottobre 2019 con una grande festa di comunità, preceduta nei mesi precedenti da un percorso di consultazione che ha coinvolto studenti, liberi cittadini, insegnanti, istituzioni locali, per individuare la destinazione di tale luogo, confiscato alla criminalità organizzata e nelle disponibilità del comune, all’interno del progetto di welfare di comunità “Legami Leali” sostenuto da Fondazione Cariplo e avente come capofila l ’Azienda Speciale Consortile Garda Sociale. Tutti convergono nel bisogno di uno spazio formativo dedicato ai giovani in cui si possa parlare di mafie, di legalità e di cittadinanza attiva. Dato che si rivolge soprattutto alla formazione e crescita dei giovani, la casa della legalità è stata dedicata alla memoria di Emanuele Riboli, vittima innocente delle mafie negli anni ’70. La casa è aperta ai giovani e in generale alla comunità, e offre anche ai turisti italiani e stranieri che frequentano il lago di Garda la possibilità di essere visitata e di partecipare a percorsi di conoscenza e sensibilizzazione sul fenomeno mafioso.

Appartamento turismo consapevole ed etico “Pietro Carpita” a Toscolano Maderno (BS)
https://www.legamileali.it/news/voglia-di-vacanze-lappartamento-piero-carpita-ti-aspetta/

L’appartamento di turismo consapevole ed etico “Pietro Carpita”, inaugurato nel 2021, è uno dei primi esempi di riutilizzo di tipo turistico di un bene confiscato nel nord Italia, il primo nella provincia di Brescia. Il ricavato dell’affitto andrà a sostenere laboratori e attività a favore di giovani del territorio e la rigenerazione di altri beni confiscati sul lago di Garda. Inoltre durante la stagione invernale, l’immobile, concesso in comodato d’uso dal Comune a Legami Leali (progetto di welfare di comunità sostenuto da Fondazione Cariplo e avente come capofila l’Azienda Speciale Consortile Garda Sociale) può essere una risorsa per la comunità locale, restando aperto alle esigenze manifestate dal territorio: potrà essere utilizzato come sede per attività con i giovani o, all’occorrenza, come alloggio per l’emergenza abitativa.

Ristorante “In galera” a Bollate (MI)
www.ingalera.it
Il Ristorante In Galera è unico in Italia, un ristorante di qualità, all’interno della Casa di Reclusione di Bollate, in uno spazio concesso in comodato alla cooperativa sociale ABC Sapienza in Tavola che da anni si occupa di formazione e inserimento di detenuti nell’ambito della ristorazione. Il ristorante è unico in Italia perché non solo promuove l’inserimento lavorativo di detenuti, ma è un ristorante di qualità che si trova all’interno degli spazi della casa di reclusione, aperto però al pubblico esterno, per favorire l’incontro e scambio con un luogo per definizione chiuso e inaccessibile alle vite quotidiane della maggior parte delle persone, al fine anche di rompere pregiudizi e barriere.

mosso: a giugno 2022 è stato inaugurato mosso, il punto di comunità de Lacittàintorno all’interno del Parco trotter negli spazi in disuso da circa 30 anni dell’ex Convitto. Si tratta di uno spazio pubblico con pizzeria, bar, cultura, pratiche di riuso, formazione e inclusione. Un esempio di co-progettazione tra Comune di Milano, Fondazione Cariplo e un partenariato di cooperative sociali e associazioni con capofila La Fabbrica di Olinda. L’obiettivo del percorso di rigenerazione è stato quello di dare vita ad un ecosistema dove coltivare desideri, un luogo in cui si esaltano le differenze, una piazza aperta e accogliente in cui convivono attività di ristorazione e percorsi laboratoriali di formazione e inclusione, pratiche di riuso, musica e attività culturali.

Magnete: al quartiere Adriano è stato inaugurato Magnete, punto di comunità de Lacittàintorno. Un innovativo community hub, nato grazie alla cooperativa Proges insieme a 28 soggetti, che propone un modello di integrazione unico tra spazi di cura e luoghi aperti di cultura, relazione e socialità. Questo nuovo Punto di comunità rende così concreta l’idea che la cultura sia un’esperienza che include e coinvolge, con effetti positivi sulla salute delle persone in termini di benessere mentale/psicologico e benessere fisico. Il PuntoCom, la cui cifra è l’apertura e la pluralità, si propone dunque come luogo di aggregazione di servizi rivolti alla collettività, partendo da un’ istanza civile e sociale. Questo PuntoCom lancia un messaggio di solidarietà molto forte, ribadendo il ruolo fondamentale della cultura per costruire comunità e superare momenti di crisi. Il percorso è frutto di un percorso di coprogettazione con il quartiere partito nel 2018 in cui sono stati realizzati molteplici eventi sul territorio di carattere culturale

Atelier Teatro che ha realizzato nell’ambito di Lacittàintorno un festival di teatro nelle periferie – LE MILLE E UNA PIAZZA – portando cultura in contesti fragili e spesso difficili, a favore soprattutto dei bambini

Fondazione della Comunità Bergamasca Onlus
“CAMPETTI vuol essere un progetto artistico che riattivi il gioco e ciò che rappresenta (in piccolo o grande gruppo, individuale o di squadra) attraverso il linguaggio artistico contemporaneo della street art. I campetti da basket (o polivalenti) sono uno straordinario cantiere di relazioni sociali tra persone di età, cultura e provenienze diverse, accomunate dalla passione per il basket. Sono spazi pubblici in cui l’informalità trova una forma di auto-regolamentazione inclusiva, definendo nell’interazione tra i frequentatori le modalità di accesso e di utilizzo, che permette la creazione di micro-comunità che si prendono cura del luogo, organizzandovi “dal basso” tornei ed eventi.
Il basket, soprattutto nella sua versione street “3 contro 3”, rappresenta uno sport con forte spinta inclusiva e intergenerazionale, uno sport per tutti/e che ha ricevuto un brusco arresto con l’emergenza coronavirus. Rilanciare questo patrimonio di relazioni e di cura, proiettandolo in una dimensione evolutiva, è la sfida che il progetto CAMPETTI intende cogliere”. La localizzazione è la più disparata, da quartieri cittadini a paesi di montagna.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,571FansMi piace
162FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -