12.6 C
Milano
sabato, Novembre 26, 2022

Proverbio: Acqua cheta rompe i ponti

Mostra fotografica Raffaella Rigobello in Statale a Milano, a cura del progetto Casina della C.C. San Vittore

(mi-lorenteggio.com) Milano, 6 ottobre 2022 – A partire dal marzo 2022, nell’ambito del laboratorio che si tiene ogni sabato pomeriggio nella biblioteca della Sezione femminile di San Vittore, le donne del Progetto Casina hanno guardato insieme, scelto e analizzato le immagini scattate in più di trent’anni da Raffaella Rigobello, fotografa milanese scomparsa nel 2021. Ora, grazie al loro lavoro collettivo, questa preziosa eredità visiva può essere condivisa con un pubblico più vasto in una mostra che, dopo essere stata allestita all’interno del carcere (15-30 settembre 2022, Rotonda della Casa Circondariale di San Vittore), viene presentata nello spazio archeologico della Ghiacciaia della Biblioteca di Filosofia all’Università Statale. All’inaugurazione della Mostra, prevista per lunedì 10 alle ore 14.30, saranno presenti Francesca Masini, educatrice della C.C. di San Vittore, alcune delle donne che hanno partecipato al progetto, gli artisti e i volontari del Progetto Casina, Stefano Simonetta, docente di Storia della Filosofia e referente di Ateneo per il sostegno allo studio universitario delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà, Laura Frigerio, direttrice della Biblioteca di Filosofia della Statale e Giorgio Zanchetti, docente di storia dell’arte contemporanea dell’ateneo.

Orario di apertura al pubblico:

11-20 ottobre 2022, dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 18

ingresso dalla Biblioteca di Filosofia, cortile della Ghiacciaia

ingresso gratuito, limitato a gruppi di 30 persone per volta

per l’accesso di persone con difficoltà motorie accordarsi in anticipo col personale della Biblioteca: biblio.filo@unimi.it.

Raffaella Rigobello (1968-2021) ha studiato all’Accademia di Brera e ha fotografato, prevalentemente a Milano, dalla seconda metà degli anni Ottanta.

Il Progetto Casina, avviato nel 1991 da Antonella Ortelli, Silvia Truppi e Carla Vendrami (con la collaborazione di Aldo Rocco e Luca Quartana), presso la Sezione femminile del carcere di San Vittore a Milano, si è proposto fin dall’inizio di costituire un originale spazio di relazione che coinvolgesse senza distinzioni di ruolo gli artisti promotori e le donne partecipanti. Il Progetto è un insieme di tanti elementi, artistici, umani e istituzionali strettamente collegati nella loro complessità. La necessità di collocare l’esperienza artistica in una istituzione totale, programmaticamente estranea a una dimensione estetica, nasce dal riconoscere a questa attività un carattere civile inteso come svolgersi di relazioni umane. Il percorso del Progetto Casina è documentato dai libri Progetto Casina. Immaginate. Poetiche fuori luogo dalla Sezione Femminile della Casa Circondariale di San Vittore (Milano, Mazzotta, 2001) e Lo spazio madre (Milano, Progetto Casina, 2010); dalla rivista «Parata» (4 numeri, 2003-2006) e dal video Parata, di Stefano Meldolesi, 2001, b/n, 35’.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,569FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -