12.6 C
Milano
sabato, Novembre 26, 2022

Proverbio: Acqua cheta rompe i ponti

VALMALENCO (SO), SERTORI: VIA LIBERA ALL’ACCORDO FRA REGIONE E COMUNE DI LANZADA PER REALIZZARE L’ALTA CICLOVIA

Milano, 7 novembre 2022 – La giunta regionale lombarda, su proposta dell’assessore a Enti locali, Montagna e Programmazione negoziata, Massimo Sertori, ha approvato l’Accordo Locale Semplificato per la realizzazione dell’Alta ciclovia della Valmalenco, in provincia di Sondrio, con sistemazione, adeguamento e ripristino dei sentieri esistenti. L’insieme degli interventi proposti comporta una spesa stimata di 660.000 euro la cui copertura finanziaria è garantita da Regione Lombardia per un contributo di 594.000 euro e dal comune di Lanzada per 66.000 euro.

“Si tratta – spiega Massimo Sertori – di un importante progetto che va nella direzione di un turismo sostenibile, green e destagionalizzato, che valorizza una terra come quella della Valmalenco dove i turisti possono apprezzare i paesaggi straordinari pedalando e ricevendo delle emozioni che solo teatri come questi possono far vivere”.

“E’ con grande soddisfazione – sottolinea Sertori – che oggi ho portato in giunta regionale questa progettualità, con le relative risorse economiche, e l’obiettivo di valorizzare principalmente sentieri già esistenti, senza alcun tipo di impatto ambientale”.

GLI INTERVENTI:

In particolare, l’Accordo prevede:

  • la sistemazione con ripristino ed adeguamento di tratti di sentiero esistenti della Valmalenco con allargamento del sedime del tracciato fino a 1,20 m di larghezza;
  • la sistemazione e livellamento del fondo stradale mantenendolo naturale in terreno battuto;
  • la regimazione delle acque superficiali con formazione di canalette trasversali e ripristino di manufatti esistenti di smaltimento delle acque;
  • il ripristino di tratti di murature in pietrame a secco e di ponticelli di attraversamento di piccoli corsi d’acqua.

Il comune di Lanzada ha prioritariamente sottoscritto con i comuni di Chiesa in Valmalenco e di Caspoggio una convenzione per la condivisione e la realizzazione del progetto che riguarda anche i loro territori. Il comune di Lanzada è il capofila responsabile dell’attuazione dell’intero progetto e cofinanziatore dello stesso, mentre i comuni di Chiesa in Valmalenco e Caspoggio contribuiranno finanziariamente alle spese sostenute per la realizzazione e la manutenzione delle opere.

Soddisfazione è stata espressa dal consigliere regionale Simona Pedrazzi, che ha sottolineato: “l’iter di questo progetto voluto dal territorio e presentato da me in consiglio regionale si è concluso, con un lavoro di squadra. Sono già presenti diversi percorsi, ma non tutti connessi fra di loro, pertanto i prossimi lavori permetteranno di avere un anello di oltre cento chilometri interamente ciclabile, in grado di connettere una porzione importante di territorio provinciale e di agganciarsi a tracciati sia regionali che nazionali ed internazionali. Il percorso, inoltre, renderebbe raggiungibili i punti maggiormente significativi e panoramici delle Valli, creando allo stesso tempo una rete in grado di incrementare non solo il sistema ciclopedonale del territorio, ma anche quello turistico, promuovendo le attività commerciali, artigianali e recettive della zona”. (L

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,569FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -