5.8 C
Milano
mercoledì, Novembre 30, 2022

Proverbio: A Sant'Ambrogio il freddo cuoce

Rapine: Operazione “Border” arresti e sequestri nel comasco

(mi-lorenteggio.co) Como, 22 novembre 2022 – Dalle prime ore di oggi 22 novembre 2022, nelle province di Como, Milano e Monza-Brianza, i militari del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Como, coadiuvati da quelli del N.O.R. della Compagnia CC di Cantù (CO), con l’ausilio dei Comandi Arma territorialmente competenti, n.3 unità cinofile del Nucleo CC Cinofili di Casatenovo (LC), una squadra delle A.P.I. del Comando Provinciale di Milano e una delle S.O.S. del 1° Rgt. CC “Piemonte”, stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. presso il Tribunale Ordinario di Como, su richiesta della locale Procura, nei confronti di 2 pluripregiudicati, ritenuti responsabili (in concorso con altri 8 soggetti, 4 dei quali già reclusi in Svizzera), a vario titolo, dei reati di “rapina pluriaggravata anche dall’uso delle armi”, “ricettazione aggravata”, “porto illegale di armi comuni da sparo”, “incendio” e “furto in abitazione”.
L’operazione, avviata ad ottobre 2021 a seguito di alcune rapine a mano armata in danno di distributori di benzina, ubicati appena oltre il confine comasco in territorio svizzero, conclude un’indagine che ha permesso di:
− accertare la presenza di un gruppo criminale italiano situato tra le province di Como, Varese, Monza-Brianza e Milano, dedito a furti e rapine a mano armata tra l’Italia e la Svizzera;
− effettuare il 09.12.2021 l’arresto in flagranza ad opera della Polizia del Canton Ticino, su specifiche indicazioni fornite in tempo reale da questo Nucleo, di 4 pluripregiudicati italiani (uno dei quali già ricercato in Canton Ticino per un assalto ad un portavalori nel 2019) che stavano per perpetrare una rapina a mano armata in una banca a Molinazzo di Monteggio (Svizzera).
− accertare il loro coinvolgimento in un’ulteriore rapina a mano armata, consumata da ignoti in una ditta di Grandate (CO) il 13 gennaio 2022.
L’indagine, oltre a porre fine all’attività di un pericoloso gruppo di criminali, testimonia e rinsalda la proficua collaborazione pluriennale, esistente tra l’Arma dei Carabinieri comasca e la Polizia Cantonale del Canton Ticino.
Visto lo stato del procedimento, attualmente nella fase delle indagini preliminari, vige per tutti gli indagati il principio di non colpevolezza, fino a quando non sia pronunciata una sentenza passata in giudicato.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,570FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -