22.4 C
Milano
venerdì, Luglio 12, 2024

Proverbio: Se piove tra luglio e agosto, piove miele, olio e mosto

Messaggio del Santo Padre in occasione del bicentenario della morte del Servo di Dio Pio VII

(Mi-lorenteggio.com) Vaticano, 13 ottobre 2023 – Pubblichiamo di seguito il Messaggio che il Santo Padre Francesco ha inviato al Vescovo di Cesena-Sarsina, S.E. Mons. Douglas Regattieri, in occasione del bicentenario della morte del Servo di Dio Pio VII:

Messaggio del Santo Padre

Al caro fratello

Mons. Douglas REGATTIERI

Vescovo di Cesena-Sarsina

La significativa ricorrenza del bicentenario della morte del Servo di Dio Papa Pio VII, è per me occasione lieta di rivolgere un cordiale saluto a Lei, caro Fratello, e all’intera Comunità civile ed ecclesiale cesenaticense-sarsinate, che ricorda con riconoscenza un illustre figlio, pastore coraggioso, difensore premuroso della Chiesa. A quanti prendono parte alle numerose iniziative che caratterizzano “l’anno chiaramontiano” desidero far giungere la mia paterna vicinanza assieme al beneaugurante pensiero.

Nel rileggere la vita di questo venerato Predecessore, personalità di profonda fede, mitezza, umanità e misericordia, che si distinse per competenza e prudenza di fronte a chi impediva la Libertas Ecclesiae, affiorano sentimenti di gratitudine e ammirazione per l’eredità spirituale lasciata e la franchezza evangelica con cui ha sostenuto le difficili prove durante i ventitré anni di Pontificato. Malgrado i tumulti politici e sociali che hanno segnato quel secolo, egli, abbandonandosi fiducioso alla volontà di Dio, ha accolto l’umiliazione dell’esilio con esemplare docilità, offrendo tutto al Signore per il bene della Chiesa.

Il Papa Chiaramonti è stato un uomo di lungimirante intelligenza, che si è forgiato dapprima presso l’Abbazia benedettina di Cesena e successivamente quella di San Paolo Fuori le Mura a Roma, acquisendo così una vasta preparazione teologica messa poi a disposizione del mondo accademico. Ancora, oltre alla provata cultura di cui era adornato, assieme alle evidenti virtù che possedeva, in giovane età fu chiamato ad essere Vescovo in due diverse Diocesi. Come pastore si distinse per carisma e bontà d’animo; difatti, negli anni del ministero episcopale non esitò in prima persona a prodigarsi per la cura del popolo, impegnandosi con dedizione ad alleviare le tante sofferenze di coloro che erano afflitti da precarie condizioni.

Certamente, se consideriamo il periodo storico in cui visse Papa Pio VII, non possiamo che rilevare la grande saggezza con cui seppe farsi “ambasciatore di pace” presso quanti esercitavano il potere temporale. Dinanzi a uno scenario politico controverso e ad un agire pretestuoso che minacciava la salus animarum, egli con la pacatezza di chi confida sempre nell’intervento provvido di Dio, ha fatto di tutto per non venir meno alla missione di “custode e guida del gregge” e, nonostante le restrizioni imposte, ha proseguito senza timore alcuno ad annunciare la forza consolante del Vangelo di Cristo, secondo lo spirito delle Beatitudini che chiama figli di Dio gli operatori di pace (cfr. Mt 5,9).

Caro Fratello, consegno ai fedeli di codesta Diocesi il compito di far conoscere in maniera adeguata la vita e l’opera pastorale di questo apprezzato Successore dell’Apostolo Pietro, vostro amato concittadino, affinché possa suscitare la medesima passione a servizio del prossimo e dell’edificazione di una società armoniosa, e indicare la pace come cammino di speranza, di dialogo rispettoso e di cristiana riconciliazione. Mentre Vi affido alla materna protezione della Vergine Maria, invocando l’intercessione del Servo di Dio Papa Pio VII, volentieri benedico ciascuno, e Vi chiedo, per favore, di non dimenticarVi di pregare per me.

Fraternamente

Roma, da San Giovanni in Laterano, 21 settembre 2023

Festa di S. Matteo Apostolo ed Evangelista

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,585FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -