24.8 C
Milano
venerdì, Luglio 19, 2024

Proverbio: Se piove tra luglio e agosto, piove miele, olio e mosto

Cia Centro Lombardia nomina Amedeo Cattaneo nuovo presidente

Cerealicoltore lodigiano di quarta generazione, Cattaneo ha una decennale esperienza nella rappresentanza sindacale agricola e nello sviluppo internazionale del settore

(MI-lorenteggio.com) Milano, 24 giugno 2024.  Cia Centro Lombardia, durante l’assemblea elettiva svoltasi venerdì a Carugate presso il ristorante Da Peppino, ha nominato Amedeo Cattaneo come nuovo presidente provinciale. Cattaneo, 63 anni, è un cerealicoltore lodigiano di quarta generazione con una pluridecennale esperienza nell’ambito della rappresentanza sindacale agricola, nel supporto alle organizzazioni internazionali per lo sviluppo della cerealicoltura nel terzo mondo e nella promozione di progetti interdisciplinari con università e con le scuole professionali agricole.

Alla presenza del direttore provinciale Paola Santeramo, del vicepresidente Pier Silvano Borella, del presidente regionale Paolo Maccazzola e dei soci dell’organizzazione, Amedeo Cattaneo è stato eletto all’unanimità presidente di Cia Centro Lombardia. “Sono orgoglioso ed onorato di rappresentare Cia Centro Lombardia, – ha detto Cattaneo nel suo discorso di insediamento –  mi impegnerò per garantire una maggiore presenza sul territorio e far sentire ai soci la vicinanza dell’organizzazione, specialmente in un momento difficile come questo.”

“La fiducia degli imprenditori agricoli, dopo il periodo del covid e quello del conflitto in Ucraina, oltre alle problematiche legate alle attuali condizioni metereologiche, è crollata. La politica stessa non riesce a dare le risposte che vogliamo, è per questo che Cia, attraverso i suoi dirigenti ed i suoi tecnici, ha il dovere di rassicurarli e guidarli verso le strade migliori al fine di garantire reddito e mantenere vivo l’entusiasmo, che è il sale della nostra professione.” Ha proseguito il neo presidente.

Per ciò che riguarda il programma del suo mandato, Amedeo Cattaneo si è focalizzato su diversi punti, a partire proprio da una più capillare presenza sul territorio, passando dalla formazione degli agricoltori e dai rapporti con le istituzioni.

“L’interscambio di idee, opinioni, problematiche e progettualità sarà alla base del mio mandato:  il dialogo sui temi rurali ed economici con i soci favorisce la crescita e l’attaccamento verso l’organizzazione, per questo mi impegnerò a promuovere costanti incontri in tutte le zone di nostra competenza”, spiega Cattaneo.
“Promuoveremo anche corsi dedicati al Public speaking e di capacità relazionali per lo sviluppo professionale, oltre a alla gestione dele relazioni in ambito sindacale e sulla negoziazione, credo siano competenze che permettono un miglioramento delle capacità sindacali e personali.”

“Per ciò che riguarda le relazioni esterne, credo che sia nostro dovere diffondere cultura e contenuti di valore, in contrasto con le tante fake news che circolano e fanno solo del male al nostro settore” – spiega Amedeo Cattaneo – “migliorando la percezione che si ha dell’agricoltura e dandole il risalto che merita.”

Il rapporto con istituti tecnici e università è un altro tassello fondamentale nella politica del presidente eletto. “I giovani di oggi sono i dirigenti e i politici di domani, abbiamo perciò il dovere di guidarli e aiutarli al fine di permettere loro di comprendere a fondo il nostro settore e renderli capaci di essere dei manager consapevoli e responsabili. Per questo, con gli istituti tecnici agrari, l’Università IULM di Milano e la Cattolica di Piacenza, attiveremo delle iniziative dedicate alla crescita delle competenze in diretto contatto con i nostri soci e le nostre aziende.”

Amedeo Cattaneo ha voluto poi sottolineare l’importanza dei rapporti con la politica locale, gli enti e le forze dell’ordine, promuovendo un dialogo costante per costruire una base di rapporti finalizzati alla protezione e alla crescita del comparto agricolo. “Io credo nella collaborazione tra le organizzazioni sindacali, laddove possibile, perché è di grande importanza per l’agricoltura: lo recita il nostro Statuto, le questioni spinose vanno affrontate insieme per ottenere risultati positivi per il nostro comparto.”

“I progetti sono molti e saranno realizzabili solo attraverso l’impegno di tutti: la presidenza è poca cosa senza la partecipazione e lo sforzo di tutti quelli fanno parte dell’organizzazione, siano essi i dirigenti, i tecnici o i soci,  perché solo con la nostra passione, la perseveranza e la saggezza potremo dare dignità e valore al lavoro della gente nei campi.” ha concluso il nuovo presidente di Cia Centro Lombardia, Amedeo Cattaneo.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,585FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -