27.3 C
Milano
giovedì, Luglio 25, 2024

Proverbio: Se piove tra luglio e agosto, piove miele, olio e mosto

SMOG. IL TAR DELLA LOMBARDIA ACCOGLIE IL RICORSO CONTRO REGIONE LOMBARDIA DI “CITTADINI PER L’ARIA”

PER L’ESCLUSIONE DAL TAVOLO ARIA E LA DEFINISCE “UNA SCELTA IRRAGIONEVOLE”

“Il Tavolo Aria dovrebbe includere tutta la società civile, invece, è considerevolmente sbilanciato verso il mondo delle imprese: – dichiara Chiara Lorenzin – Regione Lombardia non ha aggiornato il Piano dell’Aria e lascia alla pioggia il compito di risolvere i problemi dell’inquinamento atmosferico”

(mi-lorenteggio.com) Milano, 30 giugno 2024 – L’associazione “Cittadini per l’Aria” è stata ingiustamente esclusa dal Tavolo Aria di Regione Lombardia. Lo ha stabilito il TAR (Tribunale Amministrativo Regionale) della Lombardia che ha definito il criterio di esclusione adottato da Regione Lombardia una “scelta irragionevole”, in quanto – si legge nella sentenza – “restrittivo alla partecipazione al Tavolo Aria, non coerente rispetto alle finalità dallo stesso perseguite, oltreché violativo dei principi costituzionali di buon andamento dell’agire amministrativo”.

L’esclusione di Cittadini per l’Aria risale al 2016, quando l’organizzazione aveva avanzato diverse istanze di ammissione, alle quali Regione Lombardia non aveva mai dato riscontro, fino a che, nel luglio 2021, l’ente ha modificato i criteri di ammissione al Tavolo Aria, in particolare quello sul numero dei soci. Nella sentenza il TAR rileva che l’associazione Cittadini per l’Aria “risulta l’unica in Regione ad avere quale oggetto esclusivo la tutela della qualità dell’aria, diversamente dalle altre ammesse al Tavolo, che più genericamente, perseguono interessi ambientali o legati alla mobilità sostenibile, risultandovi, tuttavia, esclusa per l’applicazione del criterio contestato, che è pertanto irragionevole anche sotto tale aspetto, per non consentire la partecipazione dell’unico soggetto che sul territorio regionale è portatore del medesimo interesse tutelato dal Tavolo stesso”.

Il TAR ha dato atto che l’associazione “ha promosso numerosi contenziosi a tutela della qualità dell’aria sul territorio lombardo, che in alcuni casi hanno finito per incidere ed orientare la pianificazione regionale, e pertanto, ad un livello istituzionale”.

“Siamo molto lieti che il TAR abbia riconosciuto la nostra legittima aspirazione a partecipare al Tavolo ARIA di Regione Lombardia e la nostra competenza in materia – dichiara Chiara Lorenzin, membro del direttivo di Cittadini per l’Aria – . Nel Tavolo ARIA, dove dovrebbero essere discusse le politiche sulla qualità dell’aria, i rappresentanti del mondo dell’associazionismo ambientalista sono solo 4 contro i 20 del mondo delle imprese, una disparità evidente ed ingiusta. A questo tavolo dovrebbero partecipare in equa misura tutti i rappresentanti della società civile, come, per esempio, le organizzazioni dei medici, dei pediatri, degli agricoltori biologici. Consideriamo molto poco efficace l’attività del Tavolo ARIA, in perfetta linea con la scarsa attenzione che Regione Lombardia riserva al tema dell’inquinamento atmosferico”. 

“Cogliamo l’occasione – dichiara Anna Gerometta, presidente di Cittadini per l’Aria – per sottolineare una scelta grave che, purtroppo, è passata inosservata all’opinione pubblica: la Regione Lombardia, la più inquinata fra le regioni padane, tutte destinatarie dell’obbligo di aggiornare il Piano della Qualità dell’Aria entro 12 mesi, è l’unica ad aver deciso di non adempiere alla legge dello Stato (D.L. 121/2023) ritenendo che un mero rafforzamento di misure sarebbe sufficiente e rinviando l’aggiornamento. Di conseguenza lo scorso lunedì 17 giugno la Regione Lombardia ha presentato al Tavolo ARIA misure “rafforzate”, peraltro già adottate precedentemente alla riunione. È la dimostrazione del fatto che non si tratta di un Tavolo di “consultazione”, come dovrebbe essere, ma un luogo dove semplicemente vengono comunicate scelte già assunte in precedenza. La Lombardia è la regione italiana con i peggiori livelli della qualità dell’aria e rischia, per la terza volta, di essere destinataria della nuova procedura di infrazione sul PM10, che potrebbe portare l’Italia a subire una multa multimilionaria che, in base alle norme vigenti, verrebbe trattenuta anche dai fondi europei destinati alla Lombardia stessa. Inoltre, – conclude Anna Gerometta – rileviamo che, come già a gennaio 2024, anche nel report presentato al Tavolo Aria, lo scorso 17 giugno, ARPA (Azienda Regionale per la Protezione dell’Ambiente), nella comunicazione dei dati degli inquinanti, è ricorsa ad un artificio non degno di un ente scientifico, selezionando la media dei dati delle stazioni peggiori, invece che l’intero dataset regionale, esponendo la ricostruzione della situazione al rischio di una pesante distorsione della realtà”.

Redazione

 

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,585FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -