30.4 C
Milano
lunedì, Luglio 15, 2024

Proverbio: Se piove tra luglio e agosto, piove miele, olio e mosto

Cesano Boscone. Al Parco Pertini imbrattano con impronte di mani gialle… cinque minori costretti a ripulire

(mi-lorenteggio.com) Cesano Boscone, 9 luglio 2024 – L’estate, il caldo, la fine della scuola, l’adolescenza e la voglia di fare qualcosa contro le regole. Vista per strada, in mezzo a dei rifiuti, una latta di vernice gialla, l’hanno portata col monopattino fino al Parco Pertini. E hanno voluto lasciare la loro “impronta”. Tante mani gialle sulle panchine, sugli scivoli, sulle altalene e sul basamento della scultura di Carlo Mo, “Contro la violenza, determinazione – equilibrio”.

Non hanno però fatto i conti con il sistema di videosorveglianza e con la polizia locale. Visionate le immagini riprese durante la notte tra domenica e lunedì della scorsa settimana, è stato individuato il momento esatto dell’imbrattamento. Un confronto tra il comandante e gli agenti che spesso pattugliano a piedi il Pertini ha permesso di rintracciare i responsabili. Frequentano quasi quotidianamente il parco centrale di Cesano Boscone. Si tratta di cinque ragazzotti tra i 12 e i 14 anni.

«Modalità e tipologia del danno fanno chiaramente propendere – evidenzia l’assessora alle politiche per la sicurezza, Maria Pulice – per una bravata, non per un gesto vandalico finalizzato a distruggere. Però è importante che gli adolescenti siano maggiormente consapevoli che non si può deturpare il patrimonio pubblico per combattere la noia. In questo caso è stato importante il ruolo dei genitori, che hanno messo i propri figli di fronte alle loro responsabilità».
Dopo aver individuato i responsabili, i papà e le mamme degli adolescenti sono infatti stati convocati al comando di via Turati. Sono stati notificati loro i verbali per imbrattamento di cose altrui e ingiunto il ripristino dello stato dei luoghi. Cosa che i ragazzi hanno fatto domenica mattina. Muniti di spugna, spazzolone e detersivo hanno rimosso tutto.
«Non era scontato – precisa il sindaco Marco Pozza – perché in passato le cose sono andate molto diversamente, con i genitori che hanno preso le difese dei figli pur trovandosi di fronte a prove evidenti.
Ritengo che la responsabilità nei confronti dell’altro, delle cose altrui e del patrimonio pubblico siano dei valori civici che dovrebbero essere patrimonio personale di ogni cittadino. In questo caso, una bravata si è trasformata in un’occasione, sia per i genitori sia per le istituzioni, di insegnare qualcosa a dei ragazzi che, la prossima volta, utilizzeranno il loro tempo per divertisti in maniera diversa».

V. A.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,585FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -