Protezione Civile, accordo con la Croce Rossa

    0
    491

    Milano 27 marzo 2007 – Impiego di personale e mezzi nella Colonna Mobile regionale, nel Centro Polifunzionale di emergenza di Legnano (MI), e utilizzo del Posto Medico avanzato nell’area Malpensa. Questi gli ambiti in cui si impegna ad operare la Croce Rossa Italiana in base alla convenzione firmata dall’assessore alla Prevenzione, Protezione Civile e Polizia Locale, Massimo Ponzoni, e da Rosi Parlanti, presidente CRI Lombardia.

    Finanziata con 1 milione di euro in tre anni, la convenzione prevede il supporto alle attività della Colonna Mobile regionale e, in caso di necessità, la presenza di un operatore CRI nella sala operativa regionale di Protezione Civile, oltre a fornire il proprio apporto organizzativo al settore logistico delle esercitazioni della Protezione Civile della Regione (gestione campi base, accampamenti, servizi vari ed eventuali ripristini ambientali nelle aree interessate dalle prove di intervento).
    Il personale che opera con la Colonna Mobile è composto da dipendenti e volontari, suddiviso in più turni a seconda delle necessità. All’interno di questo gruppo opereranno dieci dipendenti a disposizione 24 ore su 24, pronti a partire entro sei ore dalla chiamata del dirigente dell’Unità Organizzativa della Protezione Civile della Regione Lombardia.
    Il personale avrà al suo interno team specializzati nella gestione operativa dell’attività sanitaria, logistica e socio-assistenziale.

    Per quanto concerne il Centro Polifunzionale di Emergenza di Legnano, la CRI si impegna a mettere a disposizione della Regione Lombardia superfici coperte all’interno della struttura per il ricovero dei mezzi e lo stoccaggio dei materiali utilizzati dalla Colonna Mobile regionale.
    La convenzione prevede anche l’impegno di CRI a rendere disponibile un’apposita postazione all’interno della sua sala operativa per consentire il collegamento con la sala operativa regionale.
    La CRI garantisce anche la disponibilità 24 ore su 24, 365 giorni l’anno, di un Posto Medico avanzato, nelle adiacenze dell’aeroporto internazionale di Malpensa, in grado di trattare dieci pazienti critici e dotato di un’area per il soccorso di pazienti non critici, pronto all’uso.

    Redazione + agenzie

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui