18 C
Milano
sabato, Ottobre 1, 2022

Proverbio:Ottobre, il vino è nelle doghe A S. Francesco (4 ottobre) arriva il tordo e il fresco

Array

Stadio San Siro più sicuro. Rispettati i tempi dei lavori

Milano 10 agosto 2007 – Sono terminati i lavori per la messa in sicurezza dello Stadio San Siro di Milano e delle aree di pertinenza, nel rispetto delle indicazioni del Decreto Pisanu e del Decreto Amato.
Come previsto e condiviso da Prefettura, Questura, Assessorato allo Sport del Comune, Consorzio San Siro 2000 Milan e Inter, Vigili del Fuoco e gli altri componenti della Commissione Provinciale per la Vigilanza Locali di Pubblico Spettacolo, i lavori, cominciati circa un anno fa e coordinati da Pirelli RE, si sono conclusi prima dell’avvio della stagione calcistica 2007-2008.
“Come promesso e immaginato – ha dichiarato l’assessore allo Sport e Tempo Libero Giovanni Terzi – i lavori si sono conclusi entro l’agosto 2007 e hanno riportato lo Stadio all’uso della sua capienza totale. Un traguardo importante raggiunto grazie a un vero e proprio lavoro di squadra per fare ancora di più di San Siro un’eccellenza della nostra città, pronta a ospitare Italia-Francia l’8 settembre”.

Gli interventi realizzati
1. sviluppo, in lunghezza, della nuova cancellata esterna per un totale di 1.300 mt rispetto ai circa 600 mt precedenti. Il piazzale interno è di 42.000 mq.
2. posa di 132 tornelli, su 164, per il controllo degli accessi (i rimanenti 32 saranno installati a breve per un costo complessivo di 3,2 milioni di euro). Precedentemente i varchi d’ingresso erano 52. Ogni tornello è omologato per far transitare 750 persone all’ora.
3. posizionamento di 80 telecamere sulla cancellata e di altre 5 esterne allo stadio. Internamente la struttura ospita 84 telecamere controllate dalla centrale operativa con 8 schermi (per un costo di 2,5 milioni di euro). Il vantaggio della nuova centrale è quello di una migliore riconoscibilità del tifoso.
4. potenziamento della cabina elettrica che, con un implemento di 500kv, raggiunge oggi la potenza di 3000kv, per un costo di 1 milione di euro.
5. rinnovo del sistema informativo e segnaletico per i tifosi.
6. realizzazione di due parcheggi per le tifoserie ospiti. I parcheggi possono ospitare fino a 100 bus, mentre l’accesso non è consentito alle automobili.
7. adattamento del parcheggio esterno alla nuova recinzione, in funzione all’attuazione delle disposizioni del Decreto Pisanu e del Decreto Amato per un costo di 800.000 euro

I costi dei lavori

INTERVENTO REALIZZATO                                                                                                 COSTO APPROVATO
Rifacimento della cancellata e tornellizzazione degli accessi                                        9.474.927,52 euro
Sistema integrato di controllo accesso con tornelli                                                          3.552.914,94 euro
Fornitura in opera di un sistema informativo e segnaletico                                            1.268.466,34 euro
Predisposizione degli impianti per il monitoraggio strumentale delle strutture          42.474,40 euro
Potenziamento e rinnovo della cabina elettrica di trasformazione                                 1.365.848,80

Qualche curiosità

Come funzionano i tornelli
Il tifoso, munito di biglietto, arriva nei pressi dello Stadio e verifica la validità del biglietto al tornello. Nel prefiltraggio e internamente allo stadio gli addetti ai lavori verificheranno l’effettiva corrispondenza tra biglietto e acquirente.
E’ comunque possibile cambiare il nominativo legato al codice del biglietto attraverso il sito web della società oppure alla cassa accrediti prima della partita.

I numeri della scorsa stagione
La grande quantità di eventi che si sono svolti a San Siro nella scorsa stagione (70 partite, 5 concerti e il raduno dei Cresimandi tenuto dal Cardinale) ha allungato i tempi della realizzazione dei lavori, in quanto il cantiere veniva montato e smontato ogni 3 giorni.
Complessivamente lo stadio ha ospitato 4milioni2500 persone.

Un po’ di storia
Lo stadio Giuseppe Meazza, di proprietà del Comune di Milano, è stato affidato in concessione d’uso alle società Milan e Inter dal 1° luglio del 2000.

Nel corso degli anni Inter, Milan e il Comune hanno avviato un piano di investimenti per migliorare l’accoglienza e i servizi interni dello stadio.

Nel 2006, a seguito dell’entrata in vigore del cosiddetto Decreto Pisanu (12 ottobre 2005) per la sicurezza negli stadi, il programma dei lavori è stato implementato anche dagli interventi per migliorare la sicurezza dentro e fuori lo stadio Meazza.

Il programma, concordato tra il Comune, le due società, la Prefettura e la Questura, prevedeva l’esecuzione dell’insieme degli interventi (migliorativi e per la sicurezza) nel periodo dal 2006 all’estate 2007, comunque prima dell’inizio della imminente stagione 2007 – 2008, tenuto conto della lunga serie di impegni sportivi delle due società milanesi che, di fatto, richiedevano l’occupazione del piazzale per ogni partita di calcio.

A febbraio 2007 è intervenuta anche la nuova normativa del Decreto Amato, che ha imposto alcuni lavori aggiuntivi al programma a suo tempo condiviso per l’attuazione del Decreto Pisanu, quali la posa dei tornelli sulla vecchia cancellata, la formazione dell’area di prefiltraggio, la formazione di nuove aree a parcheggio riservato, con la riduzione della capienza dello stadio a soli 66.000 posti circa.

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,574FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -