7.4 C
Milano
venerdì, Febbraio 23, 2024

Proverbio: Febbraio, febbraiello, cortino e bugiardello

Array

I Segni dell’Uomo 2007, musica in biblioteca

(mi-lorenteggio.com) Milano, 18 novembre 2007 – La rassegna “I segni dell’uomo – edizione 2007”  con il tema "La musica" iniziato lo scorso 6 novembre  allo Spazio Oberdan con Guernica di Picasso 70 anni dopo, prosegue con diversi incontri nelle biblioteche della provincia. L’iniziativa ha lo scopo di  incontrare e far conoscere culture diverse attraverso la musica. Tra i prossimi appuntamenti segnaliamo.

Martedì 20 novembre 2007 ore 18 presso la Biblioteca di Cesano Boscone in collaborazione con la Civica Scuola di Musica
"L’anno prossimo a Gerusalemme sulle tracce della musica ebraica"  con Eyal Lerner, flauto e canto – Luigi Maione, chitarra
in collaborazione con “Fondazione per leggere”, Arci e Provincia di Milano.

Il tema: “Generi e modi di comunicazione musicale diventano frammenti di un viaggio con molte altre tappe da percorrere nei tempi a venire”

Eyal Lerner, giovane e talentuoso musicista israeliano, flautista, direttore di coro e cantante, in pochissimi anni è riuscito a conquistare molti entusiasti spettatori con i suoi originali concerti. “L’Anno prossimo a Gerusalemme”, scritto a quattro mani con Elia Richetti, capo rabbino di Venezia, regala un appassionato racconto della storia del popolo ebraico, soffermandosi su diversi aspetti culturali e musicali attraverso secoli di diaspore e migrazioni che hanno influenzato profondamente l’espressione musicale ebraica e israeliana: le celebri canzoni in lingua Yiddish e la trascinante musica Klezmer di netto sapore balcanico, con cadenze russe e zingaresche. Oppure le dolci melodie sefardite, nate nell’esilio spagnolo e che echeggiano un deciso sapore arabo. Un cammino multi-espressivo diretto dallo stesso Lerner, che oltre a essere un virtuoso del flauto dolce, è anche un cantante solista e ironico narratore.

Lo accompagna il chitarrista Luigi Maione, uno dei componenti il Trio Rhapsodija (Maurizio Dehò al violino, Pietro Marazza alla fisarmonica), uno dei più noti gruppi italiani di musica etnica, capace di spaziare con incredibile disinvoltura dalla atmosfere della tradizione ebraica a quelle di commistione multietnica con generi come il jazz, il flamenco, il tango e la musicalità zigana.
L’ingresso è gratuito. Al termine del concerto sarà offerto un rinfresco. A seguire, alle ore 21, in occasione della Giornata Internazionale per i Diritti del Fanciullo, presentazione del libro “QUELLO CHE AI GENITORI NON DICIAMO” – Viaggio nel mondo dei ragazzi attraverso la lettura dei loro componimenti (Liberedizioni). Interverranno l’autore, prof. Matteo Lusso ed il dott.Federico Colombo, psicologo psicoterapeuta.

La rassegna proseguirà:

– martedì 27 novembre, Brugherio, Via S. Giovanni Bosco 29, Auditorium Civico ore 21.00
“La bossa nova”
a cura di Nené Ribeiro
info: 039.2893391

– mercoledì 28 novembre , Paderno Dugnano, Via Oslavia 9, Area Metropolis ore 21.00
“Lezione concerto sul flamenco”
a cura di Giuliano Prada
info: 02/9184100

– martedì 4 dicembre , Vimercate, Piazza Unità d’Italia 2/G, Auditorium Biblioteca Civica ore 21.00
“Poesie e musiche dall’Africa”
a cura del circolo Arci Sinitah
info: 039/6659281

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,585FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -