8.9 C
Milano
venerdì, Febbraio 23, 2024

Proverbio: Febbraio, febbraiello, cortino e bugiardello

Array

Abbiategrasso dice no all’interramento della Milano-Mortara a Corsico

(mi-lorenteggio.com) Abbiategrasso, 27 dicembre 2007 – Dopo l’ordine del giorno in Regione Lombardia approvato dal centrosinistra e da alcuni consiglieri della Lega Nord, il Sindaco di Abbiategrasso, Roberto Albetti è deciso: no all’interramento.
‘Con la politica dei veti il grave ritardo infrastrutturale che grava sull’Abbiatense e l’ovest Milanese non verrà mai risolto, a danno di migliaia di pendolari, delle imprese e del sistema produttivo. E’ ora di levare alta la voce di chi si pone responsabilmente di fronte all’ineludibile questione del trasporto pubblico e della mobilità’.
Il sindaco di Abbiategrasso Roberto Albetti esprime la sua preoccupazione per l’ordine del giorno approvato nei giorni scorsi dal Consiglio Regionale della Lombardia col voto del centrosinistra e di alcuni consiglieri della Lega, che letteralmente "impegna la Giunta lombarda ad adoperarsi di concerto con i Comuni interessati e la Provincia di Milano per la Conferenza dei servizi al fine di valutare l’ipotesi di interramento del raddoppio della linea Milano Mortara nel tratto Milano-Trezzano sul Naviglio, con particolare riferimento al territorio di Corsico".
Rispetto al documento l’assessore regionale Raffaele Cattaneo si era espresso con toni di forte contrarietà, stante il rischio concreto di veder allungati i tempi e soprattutto di aumentare sensibilmente i costi di un cantiere che porterà entro il 2009 al raddoppio della linea da Milano alla nuova stazione di Cascina Bruciata, ad Albairate.
‘Dopo il sì del Comune di Trezzano resta solo il veto del Comune di Corsico’, prosegue Albetti, ‘che non può arrogarsi il diritto di bloccare un’opera attesa da decenni, dopo che anche il Comitato Pendolari dell’Abbiatense ha ricordato l’assenza di Corsico dai Tavoli di discussione del progetto degli anni scorsi.
Abbiategrasso non assisterà passivamente a questa partita che si gioca sulla pelle dei pendolari, e si attiverà quanto prima per unire i sindaci che chiedono a gran voce e da tempo il rispetto degli impegni assunti. Chiederò all’assessore regionale Raffaele Cattaneo, che concorda con la linea espressa da Abbiategrasso, di non cedere al cospetto di richieste dal chiaro sapore strumentale. Ricordo inoltre che all’inizio di dicembre il ministro delle Infrastrutture Antonio Di Pietro si è già espresso- con un documento ufficiale- contro l’ipotesi di una Conferenza dei Servizi per la modifica del progetto, motivando il suo no col forte rischio di vedere stravolto il piano finanziario, e col conseguente rischio di bloccare i lavori. Il progetto di raddoppio è stato approvato da tutti gli organi competenti ottenendo il via libera dopo anni estenuanti di trattative.
L’Amministrazione di Abbiategrasso ha espresso l’intenzione di assumere una posizione di centralità nella politica delle nuove infrastrutture: ribadisco che giocheremo il ruolo di amministratori responsabili sino in fondo, senza cedimenti. “Siamo convinti di rappresentare la volontà della stragrande maggioranza della comunità abbiatense, e non solo” conclude il sindaco.

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,585FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -