13.7 C
Milano
domenica, Maggio 19, 2024

Proverbio: Aprile fa il fiore e maggio si ha il colore

Array

Abbiategrasso, approvato il PGT

(mi-lorenteggio.com) Abbiategrasso, 20 maggio 2010 -– Via libera definitiva al Piano di Governo del Territorio di Abbiategrasso, approvato martedì sera dal Consiglio Comunale con tredici voti favorevoli e sette contrari (su un totale di 20 consiglieri presenti).
L’aula, riunita lunedì fin dal primo pomeriggio e poi di nuovo il martedì sera, si è espressa su 80 osservazioni (presentate da cittadini, associazioni di categoria, gruppi), tutte precedentemente esaminate dalla competente commissione consiliare.

Il Consiglio comunale ha preso in esame anche i pareri degli enti rispetto al nuovo strumento di pianificazione urbanistica, formulati da Asl Milano 1, Arpa, Provincia di Milano, Consorzio Parco del Ticino.

Infine, la massima assemblea cittadina ha esaminato i quindici emendamenti presentati dalle forze di minoranza, approvandone due (tre gli emendamenti ritirati, dieci i non approvati).

Grande soddisfazione per l’approvazione del Pgt è espressa dal sindaco Roberto Abetti: “Ringrazio tutti coloro che hanno lavorato per raggiungere questo importante obiettivo – commenta il primo cittadino – Ringrazio anche gli enti superiori che hanno saputo cogliere fino in fondo le linee strategiche del nostro Piano. In particolare, il Parco del Ticino per la condivisione dell’ampliamento dell’area di iniziativa comunale e la Provincia di Milano per il contributo sotto il profilo degli aspetti ambientali e paesaggistici. Il Piano di Governo del Territorio pone al centro dell’attenzione il tema del lavoro, attraverso la previsione di aree destinate a nuovi insediamenti produttivi, e riconferma il carattere di Abbiategrasso come città attenta a tutti gli aspetti della qualità della vita delle persone, in perfetta sintonia con il suo ruolo nell’ambito delle Cittaslow”.

Pienamente soddisfatto del risultato raggiunto anche l’assessore alla Programmazione e allo Sviluppo del Territorio, Pietro Carlo Sironi: “La vera forza di questo Piano è aver delineato le linee strategiche per il futuro della città, che dovranno poi essere condivise nella loro attuazione da maggioranza e minoranza, proprio perché il PGT esalta il ruolo del Consiglio comunale come espressione più alta e più nobile della politica e della volontà dei cittadini. Come organo assembleare, il Consiglio potrà, infatti, portare miglioramenti e integrazioni alle strategie del PGT. Lo spirito della norma regionale, infatti, è mettere a disposizione del territorio uno strumento di pianificazione urbanistica che non è una “tavola della legge” che cade sulla città, non è un documento statico, cristallizzato, che non può essere modificato se non attraverso procedimenti amministrativi complessi. Semmai, si rivela uno strumento flessibile, che assegna grandi responsabilità alla politica, ma anche ai cittadini. Un documento capace di leggere i mutamenti in atto e di rispondere alle esigenze di una società che cambia rapidamente”.

“In quest’ottica – aggiunge l’assessore Sironi – vorrei che fosse letto anche l’episodio del parco di via Legnano: un evento, tra l’altro, stigmatizzato da qualche forza politica, e che invece ha rappresentato l’applicazione più alta delle logiche di ascolto e di confronto. Infatti, l’Ambito di Trasformazione urbano 1 è rimasto: ascoltando e accogliendo le osservazioni formulate dal i residenti e rappresentate dal comitato di quartiere, sono state semplicemente modificate le modalità attuative dello stesso. E’ la riprova che questo Piano di Governo del Territorio, ancora prima della sua approvazione ha iniziato a produrre i suoi frutti.

Il Pgt approvato – osserva ancora l’assessore – nasce in un periodo di forte crisi economica, dal quale ovviamente non può e non deve prescindere. E’ evidente che in questo contesto risulta difficile, se non azzardato, delineare scenari di sviluppo. Ma il documento elaborato accoglie questa sfida e, pur nella consapevolezza dei limiti e delle difficoltà attuali, grazie al proprio carattere strategico e flessibile, concepisce e codifica regole che consentono di creare le condizioni affinché lo sviluppo della città – sotto il profilo economico e sociale – possa effettivamente concretizzarsi.

Uno sviluppo armonico e omogeneo di Abbiategrasso – spiega Sironi – che sa coniugarsi con la tutela del patrimonio naturale e agricolo e, soprattutto, capace di garantire la conservazione, la crescita e il miglioramento della qualità dei servizi offerti ai cittadini.

Ringrazio tutti i componenti dell’Ufficio di Piano del Comune per l’impegno con il quale hanno lavorato a questo importante obiettivo nell’arco di un cammino iniziato quasi due anni fa.

Un impegno che è andato ben oltre il loro compito istituzionale ed è segnale di grande professionalità. Ringrazio – conclude l’assessore Sironi – le forze di maggioranza e di minoranza per il contributo dato alla riflessione e al dibattito così come ringrazio tutti gli attori (associazioni di categoria, gruppi di volontariato, rappresentanti delle parti sociali, giornali locali, gruppi, singoli cittadini) per aver partecipato e contribuito – con proposte, critiche, suggerimenti – al percorso che ci ha condotto fino a questo traguardo, così importante per la città e per il suo futuro”.

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,585FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -