18.7 C
Milano
mercoledì, Maggio 22, 2024

Proverbio: Aprile fa il fiore e maggio si ha il colore

Array

Piano antifreddo. Dal 24 dicembre altri 70 posti al Centro Protezione Civile di via Barzaghi

Milano, 17 dicembre 2011 – Oggi si è svolta la seconda giornata di sensibilizzazione e raccolta di indumenti per i senza fissa dimora per il Piano Antifreddo del Comune di Milano. Dal 24 dicembre, presso il Centro della Protezione di via Barzaghi 2, ci saranno altri 70 posti letto in piccoli container (ognuno ospita 4 persone), e in prospettiva se ne potranno aggiungere altri per arrivare a 120.

“Il Piano Antifreddo sta funzionando molto bene grazie ai milanesi che hanno contribuito molto generosamente e alle associazione che lavorano con grande serietà”. Lo ha dichiarato l’assessore alle Politiche sociali e Cultura della salute Pierfrancesco Majorino nell’ambito della conferenza stampa che si è svolta questo pomeriggio presso il Centro della Protezione Civile di via Barzaghi 2. “C’è ancora una questione importante su cui dobbiamo agire meglio: – ha spiegato Majorino – dobbiamo ricollocare nell’ambito dei servizi sociali queste persone senza dimora. Penso in particolare all’ampia fascia di giovani stranieri che non hanno una casa e un lavoro, dobbiamo costruire con loro itinerari di inclusione sociale. Non basta più la tradizionale forma del Piano Antifreddo. Come per molti anziani la solitudine non c’è solo in estate: bisogna agire 365 giorni all’anno per mettere in atto una vera politica sociale. Questo Piano Antifreddo – ha detto Majorino – dovrebbe essere l’ultimo: intendiamo proseguire in modo permanente un lavoro di sostegno verso coloro che sono senza un tetto, anche quando le temperature si rialzeranno. In diverse città d’Europa il fenomeno dei senza fissa dimora è ridotto solo agli irriducibili, che compiono una scelta di vita. Anche a Milano deve essere così: questo è il nostro obiettivo. Entro il 2016 non devo più esserci persone che vivono per strada”.

Il Centro Aiuto della Stazione Centrale (aperto tutti i giorni feriali dalle ore 8.30 alle 19.30 e nei festivi dalle 8.30 alle 15) offre ascolto, informazione ed orientamento ai servizi socio/sanitari presenti sul territorio cittadino (dove dormire, mangiare, lavarsi, trovare assistenza sanitaria, legale, sociale, servizi formativi ecc), grazie ad un servizio di mediazione linguistica-culturale e di interpretariato che favoriscono la comunicazione con i cittadini stranieri.

Ogni giorno pervengono circa 50 richieste di accoglienza. Ad oggi sono pervenute 943 richieste di accoglienza in centri notturni, di cui 824 uomini e 119 donne. Le persone ospitate sono: 377 residenti a Milano, 566 non residenti a Milano, 283 di nazionalità italiana, 660 stranieri. Fasce d’età: 283 persone hanno tra 18 a 29 anni, 215 tra 30 e 39 anni, 198 tra 40 a 49 anni, 144 tra i 50 a 59 anni, 103 oltre i 60 anni. Attualmente sono 72 i posti letto ancora liberi.

Oggi è stata presentata la guida “DOVE mangiare, dormire, lavarsi – Milano 2012”, curata dalla Comunità di Sant’Egidio e realizzata con il contributo del Comune di Milano. La guida si rivolge alle persone che vivono in strada per orientarsi tra i servizi della città: non solo sono segnalati i posti dove si può avere aiuto e accoglienza, ma anche quelli dove i cittadini possono recarsi per dare una mano alle strutture che accolgono i senza fissa dimora. La guida è corredata da due mappe della città con le indicazioni dei principali servizi.

“DOVE” viene distribuita gratuitamente presso il Centro Aiuto della Stazione Centrale, i centri di accoglienza e le unità mobili. La guida esce a Milano nella sua terza edizione in continuità con una lunga esperienza di pubblicazioni simili in altre città (Roma, Genova, Novara, Pisa, Buenos Aires, Barcellona).

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,585FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -