14.1 C
Milano
domenica, Maggio 26, 2024

Proverbio: Aprile fa il fiore e maggio si ha il colore

Array

Basiglio: boom di adesioni alla class action contro Area C

(mi-lorenteggio.com) Basiglio, 11 gennaio 2012 Sta riscuotendo enormi favori tra i cittadini l’idea di una class action contro Area C, lanciata ieri dal Comune di Basiglio. Di fronte alla disponibilità dell’Amministrazione a raccogliere firme, e a quella del Sindaco, Marco Flavio Cirillo, di farsi capofila di un’azione collettiva contro il provvedimento adottato dal Comune di Milano, è infatti scattata una vera e propria corsa alla sottoscrizione.

Tra chi si è presentato direttamente in municipio per aderire alla class action, e chi ha telefonato per avere informazioni sull’iniziativa, sono diverse decine i cittadini che nella sola mattinata di oggi hanno manifestato l’intenzione di prender parte alla battaglia contro la congestion charge. “Stiamo ricevendo tantissime richieste non solo dai residenti, ma anche da persone che abitano in altri Comuni – conferma il Sindaco Cirillo – a riprova del fatto che anche i cittadini dell’hinterland vogliono far sentire la propria voce”.

Una risposta superiore alle aspettative, che ha spinto l’Amministrazione a organizzarsi rapidamente per poter avviare la raccolta di firme. “Ci stiamo organizzando con i nostri legali, che già stavano lavorando al ricorso al Tar che l’Amministrazione intende presentare, per partire con la raccolta delle sottoscrizioni per la class action” spiega il primo cittadino.

La reazione dei cittadini dimostra infatti “che la congestion charge non colpisce duramente solo chi abita a Milano, e sta giustamente protestando, ma anche coloro che semplicemente ci vanno per lavorare, ai quali adesso viene chiesta un’assurda tassa di cinque euro al giorno. – sottolinea Cirillo – Il fatto che in tanti si stiano rivolgendo al nostro Comune dopo che ci siamo detti disponibili a essere capofila di una class action, è il chiaro segno che in questo momento in cui la politica latita, i cittadini chiedono al livello istituzionale che è loro più vicino, cioè ai Sindaci, di difenderli dall’arroganza dei poteri forti”.

Che poi in questo caso la battaglia sia controun’altra Amministrazione comunale non fa alcuna differenza. “Quello preso dalla Giunta milanese è un provvedimento inutile e ideologico del quale non si sentiva alcun bisogno, perché non farà altro che aggiungere una “tassa sul lavoro” alle 50 nuove tasse introdotte dal Governo Monti – conclude il Sindaco di Basiglio – costringendo i cittadini a pagare un dazio semplicemente per poter andare a lavorare”.

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,585FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -