13.7 C
Milano
sabato, Maggio 18, 2024

Proverbio: Aprile fa il fiore e maggio si ha il colore

Array

Christian League: Milano in finalissima!

(mi-lorenteggio.com) Milano, 18 gennaio 2012 – Si chiama “Christian League” ed è il Campionato Nazionale Cristiano di Calcio A5, che amalgama pratica sportiva e passione per il calcio a un sentito impegno di sensibilizzazione sociale e formazione morale.
Si mostrava certo ardua l’impresa di coinvolgere l’Italia in un progetto così ampio e indubbiamente “inedito”, eppure un anno di intenso lavoro svolto dall’associazione “Insieme per Vincere”, capitanata dal giovanissimo Stefano Omerico, ha trasformato in realtà ciò che sembrava essere solo un sogno azzardato, portando in campo ben 150 squadre, da Nord a Sud e molte delle quali formatesi proprio a motivo del campionato.
L’associazione “Insieme per Vincere”, a carattere sportivo, sociale e culturale, nasce a Pesaro dalla chiesa “Sorgente di Vita” ed è attiva nel sociale attraverso varie iniziative atte a combattere le molteplici piaghe della nostra società: violenza, intolleranza, razzismo, rabbia e la crisi di valori e di ideali della nuova generazione.
E in questa direzione va anche la Christian League, l’ultimo dei progetti realizzati, che sfida apertamente i suoi giocatori a trarre dallo sport i valori più nobili e applicare ad esso i principi del rispetto del prossimo, dell’accoglienza dello straniero, della condivisone, dell’amore evangelico e non ultimo, dell’autocontrollo in campo.
Se dunque dal punto di vista tecnico la Christian League segue la struttura della Champions: fase provinciale, regionale e nazionale, suddivisione delle squadre in gironi e formula di gara andata e ritorno, con mister qualificati e diversi giocatori professionisti, ad essa vi aggiunge un tocco genuinamente personale per via di alcune iniziative. Tra le più originali certamente il “terzo tempo”, dove alla fine di ogni partita le squadre avversarie sono chiamate a conoscersi e socializzare e un criterio di premiazione finale che vedrà ritirare la Coppa, oltre che dai vincitori effettivi, anche dai giocatori che avranno esibito il comportamento migliore nei confronti dei compagni.
Un vero e proprio statuto alla base della Christian League, che bandisce insulti, bestemmie e parolacce, e che non prevede le simulazioni, affinché solo la forza tecnica e l’onestà dei giocatori vengano esaltate. Un impegno etico che i ragazzi hanno preso sul serio: “Noi ci impegniamo a rispettare sempre le decisioni dell’arbitro, senza discussione … e di evitare ogni atteggiamento verbale o fisico che possa creare tensione in campo”, recita lo statuto della C. L.
Ma il gesto più emozionante, immortalato da giornalisti e fotografi, sembra essere il momento di raccoglimento iniziale ad ogni partita, sentito come una preghiera al Dio che unisce tutti popoli.
E i ragazzi di Milano l’hanno raccolta con successo questa sfida: a tenere alta la bandiera della nostra città, la squadra “F. C. Battista”, vincitrice della Christian League della Lombardia e qualificatasi per la fase nazionale del Nord (per agevolare il collegamento tra le varie squadre, la fase nazionale è stata suddivisa in aree geografiche) del 22 gennaio a Bergamo, presso il centro sportivo di Gorle, dove la squadra lombarda incontrerà le vincitrici di Trentino, Piemonte e Veneto.

Incoraggiati dal favore riscontrato, il team di Christian League ha già aperto a tutti gli interessati (professionisti e dilettanti) le iscrizioni per il secondo campionato (infoatleti@libero.it) che partirà presumibilmente a febbraio e con un numero di adesioni destinato a salire. Ma in cantiere anche un’ambiziosa Christian League europea.

B. A.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,585FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -