15.1 C
Milano
martedì, Maggio 21, 2024

Proverbio: Aprile fa il fiore e maggio si ha il colore

Array

Tunisia. Terroristi attaccano museo del Bardo, almeno 22 uccisi e decine di feriti: quattro italiani morti

(mi-lorenteggio.com) Tunisi, 18 marzo 2015 – Nella giornata odierna alcuni uomini armati si sono introdotti all’intrerno del Museo  Nazionale del Bardo, situato nel centro cittadino, all’interno di un palazzo del 15 ° secolo, poco distante dal Parlamento tunisino, che è stato evacuato subito dopo l’attacco.

E’ il più grande museo in Tunisia con le collezioni che coprono due piani, e ospita una delle più grandi collezioni al mondo di mosaici romani.

Il primo ministro tunisino Habib Essid in serata ha riferito che almeno 19 persone sono state uccise nel corso dell’operazione.

Gli aggressori hanno ucciso almeno 17 turisti stranieri durante l’assalto, tra questi turisti italiani, tedeschi, polacchi e spagnoli sono stati tra quelli uccisi in attacco museo.

Ha detto che il suo governo stava lavorando per scoprire l’identità dei due aggressori e identificare le vittime.

Tutti gli ostaggi sarebbero stati liberati e l’operazione di sicurezza era finita.

Immagini televisive hanno mostrato decine di persone, anche stranieri anziani e un uomo con un bambino, in esecuzione di un riparo nel composto vicino al parlamento, coperti dalle forze di sicurezza che mirano fucili in aria.

"Questo è un atto vile di minare la nostra economia e un settore vitale [turismo] contribuiscono ad essa," ha detto Essid.

"E ‘lunga battaglia da combattere. Abbiamo bisogno di tutti i tunisini di resistere contro questo atto. Un duro colpo al turismo"

L’attacco un obiettivo così importante è un duro colpo per il piccolo paese nordafricano che la cui economia si basa molto sul turismo europeo.

Assalto di oggi è stato l’attacco peggiore che coinvolge stranieri in Tunisia dall’attentato suicida di al-Qaeda in una sinagoga, nel corso del quale furono uccise 21 persone sull’isola turistica di Djerba, nel 2002.

«Ho appreso con sgomento dell’attacco terroristico perpetrato oggi a Tunisi, che ha causato numerose vittime e molti feriti e nel quale sono rimasti tragicamente coinvolti alcuni connazionali.
Esprimo, a nome mio personale e di tutto il popolo italiano, la più netta e ferma condanna per un gesto vile e odioso, commesso ai danni di persone inermi, in spregio alle più elementari norme di convivenza civile e rispetto della vita umana.La mia solidarietà, in queste ore dolorose, va alle vittime e alle loro famiglie. Un pensiero particolare desidero rivolgere a tutti gli italiani rimasti coinvolti nei tragici fatti.
Siamo vicini al popolo tunisino e alle sue istituzioni politiche che in questi anni hanno dimostrato di voler vivere in un Paese tollerante, aperto al dialogo e alla democrazia.
Rimaniamo profondamente colpiti da un gesto di inaudita violenza che non può, e non deve, trovare spazio nel mondo contemporaneo. L’Italia non si farà intimorire da atti tanto barbari e continuerà a lavorare con determinazione, insieme alla comunità internazionale, contro ogni forma di terrorismo».

Anche il presidente del Consiglio Matteo Renzi condanna con fermezza gli atti criminali di Tunisi che vedono, purtroppo, coinvolti anche cittadini italiani ed esprime vicinanza al governo ed alle autorità tunisine di fronte ad un attacco tanto sanguinoso ed alla minaccia terroristica in Africa e nel mondo.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,585FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -