16 C
Milano
mercoledì, Maggio 22, 2024

Proverbio: Aprile fa il fiore e maggio si ha il colore

Array

M5S Lombardia interroga l’Assessore Regionale alla casa sull’aumento delle tariffe di teleriscaldamento all’utenza ALER ROZZANO

(mi-lorenteggio.com) Rozzano, 21 aprile 2015 – Il M5S Lombardia ha presentato un’interrogazione all’Assessore Regionale alla Casa per fare chiarezza sull’aumento ingiustificato all’utenza ALER di Rozzano delle tariffe per il teleriscaldamento.

Iolanda Nanni, consigliere regionale M5S, dichiara: “A partire da marzo 2015, l’utenza delle case popolari di Rozzano si è vista recapitare da ALER Milano bollette del teleriscaldamento con aumenti del tutto spropositati. Si è passati da una tariffa di Euro 12/mq ad una pari a ben Euro 22/mq. Grazie al lavoro attento del M5S Rozzano che ha provveduto ad esaminare la questione e le fatture della società AMA (attuale gestore del calore nel Quartiere ALER di Rozzano), sembrerebbe che la stessa fatturasse ad ALER Milano sia il riscaldamento del quartiere, sia quello di tutti gli spazi pubblici comunali, facendo ricadere sugli inquilini ALER tutte le spese. Appare dunque che la ristrutturazione della rete di teleriscaldamento sia stata fatta pagare agli inquilini ALER, mentre i costi di manutenzione straordinaria, come stabilito dalla stessa convenzione stipulata fra AMA ed ALER, sarebbero in realtà interamente a carico di ALER. A seguito delle proteste degli inquilini ERP, il 9 aprile è stata convocata un’assemblea pubblica per discutere questi continui “sbalzi” nel calcolo delle tariffe. Il fatto a Rozzano non rappresenta una novità perchè già a gennaio 2014 c’era stato un tentativo, da parte di ALER di aumentare le tariffe a Euro 19/mq, per poi essere ridotte a Euro 18/mq dopo un’ennesima protesta dell’utenza.”

“Anche in questo caso, dopo l’aumento ingiustificato delle tariffe 2015 a Euro 22/mq, il Comune di Rozzano, pochi giorni fa, informava di aver raggiunto un accordo con ALER in base al quale le tariffe sarebbero state ridotte da Euro 22/mq a Euro 19/mq. Assistiamo quindi a un devastante effetto “montagne russe” che crea preoccupazione e forte incertezza nell’utenza. Nell’interrogazione – conclude Nanni – abbiamo quindi richiesto di avere un prospetto dettagliato della effettiva ripartizione dei costi, non evincibile dalle fatture AMA, nonché i dati specifici sulle modalità di calcolo delle tariffe. Abbiamo chiesto infine chiesto all’Assessore Regionale alla Casa se non ritenga opportuno invitare ALER a rivedere la Convenzione con AMA al fine di eliminare ogni ambiguità per il futuro”
conclude Iolanda Nanni – Consigliere Regionale M5S

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,585FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -