16 C
Milano
mercoledì, Maggio 22, 2024

Proverbio: Aprile fa il fiore e maggio si ha il colore

Array

LOMBARDIA. APREA: CON NOSTRO JOB ACT 30% DI CHI HA AVUTO LAVORO HA CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO

(mi-lorenteggio.com) Milano, 17 agosto 2015 –  "I report di monitoraggio di Dote Unica Lavoro (DUL) e di Garanzia Giovani continuano a far registrare risultati positivi. Con DUL sono gia’ stati avviati al lavoro 46.979 destinatari, di cui piu’ del 30% ha gia’ sottoscritto un contratto di lavoro a tempo indeterminato, determinato, di durata superiore a sei mesi, o in apprendistato". Lo spiega oggi Valentina Aprea assessore di Regione Lombardia all’Istruzione, Formazione Professionale e Lavoro.

POTENZIATE OPPORTUNITA’ DI ALTO PROFILO – "Inoltre – dice ancora l’assessore – abbiamo deciso di potenziare le opportunita’ di alto profilo formativo per lo svolgimento di master universitari di primo o secondo livello, ampliando i destinatari della fascia 4 e includendovi anche gli occupati, i titolari d’impresa, i manager ed i lavoratori autonomi per fornire strumenti di miglioramento delle loro competenze, soprattutto dei piu’ giovani, in favore di una maggiore occupabilita’ in un mercato del lavoro in continua evoluzione."

BENE GARANZIA GIOVANI ‘LOMBARDA’ – "Anche Garanzia giovani, che condivide con DUL lo stesso approccio e lo stesso impianto operativo, – spiega l’assessore – sta dando dei risultati apprezzabili, facendo registrare le migliori performance a livello nazionale. Secondo l’ultima estrazione del 10 agosto, dall’avvio del Programma 25.898 giovani sono stati inseriti nel mercato del lavoro di cui 13.286 attraverso un tirocinio, 2.109 con contratto a tempo indeterminato, 8.565 con contratto a tempo determinato e 1.938 in apprendistato, a conferma che un sistema universale di politiche attive ben consolidato puo’ fornire risposte concrete anche per la realizzazione di politiche mirate rivolte ad uno specifico target, come nel caso di Garanzia Giovani".

CON GRANDI RISULTATI ABBIAMO OTTENUTO MODIFICHE – "Forti dei risultati raggiunti – afferma l’assessore lombardo – abbiamo rivendicato con forza a livello nazionale la nostra anco’ra vigente autonomia costituzionale di organizzare i servizi per il lavoro chiamati ad erogare le politiche attive, secondo logiche di ottimizzazione delle risorse e sulla scorta dei risultati raggiunti in questi anni. Con questo obiettivo, siamo riusciti a ottenere delle importanti modifiche al decreto delegato e siamo pronti a riprendere il confronto con il Governo e a risiederci al tavolo gia’ dalla prima meta’ di settembre per proporre i contenuti della convenzione bilaterale con il Ministero del lavoro, prevista dall’Accordo quadro Stato Regioni in materia di politiche attive del lavoro che ci consentira’ anche di derogare alle funzioni esclusive affidate a livello nazionale ai centri per l’impiego. In quella sede – spiega Aprea sara’ possibile riaprire la trattativa con il Governo per preservare il modello lombardo di politiche attive, fondato sui principi di liberta’ di scelta della persona tra operatori pubblici e privati accreditati con pari dignita’ e di orientamento al risultato occupazionale".

CONTINUA IMPEGNO – "E cosi – conclude Aprea – mentre a livello nazionale continua la "guerra dei numeri" sugli esiti del Jobs Act, in Regione Lombardia continua l’ impegno a costruire un mercato del lavoro piu’ efficace ed efficiente per consentire ai lavoratori di trovare un’occupazione dopo averne perso una, spostando le tutele dai contratti e dai posti di lavoro al mercato del lavoro".

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,585FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -