13.2 C
Milano
sabato, Ottobre 1, 2022

Proverbio:Ottobre, il vino è nelle doghe A S. Francesco (4 ottobre) arriva il tordo e il fresco

«LA NUOVA SANITA’ LOMBARDA RICONOSCA IL TERZO SETTORE»

ARIS e UNEBA presentano emendamenti congiunti alla proposta di riforma del Servizio Sanitario Regionale (L.R. 23/2015, L.R. 33/2009)

(mi-lorenteggio.com) Milano, 17 settembre 2021. “Noi siamo il Terzo Settore della sanità e del sociosanitario, siamo altro rispetto al pubblico e al privato, e lo diciamo a gran voce nel momento in cui la Regione Lombardia sta revisionando l’infrastruttura del Servizio Sanitario Regionale”: Martedì 14 settembre l’Ing. Nicola Spada e l’Avv. Luca Degani, Presidenti rispettivamente di ARIS e UNEBA Lombardia, hanno presentato in audizione alla III Commissione di Regione Lombardia un pacchetto di emendamenti congiunti alla proposta di Legge di riforma del Servizio Sanitario Regionale.

“Vorremmo contribuire allo sviluppo di una riforma che riconosca il ruolo distintivo degli enti che operano con altissimi livelli di professionalità ma senza alcun fine di lucro nel settore sanitario e sociosanitario” afferma l’Avv. Degani. “ARIS e UNEBA rappresentano in Lombardia quasi 500 strutture ed oltre 50.000 posti letto. Realtà che troppo spesso vengono genericamente etichettate come <private> e per questo confuse con il mondo del profit, con il quale non ci riconosciamo”.

Ma cos’è il Terzo Settore? “E’ quella via di mezzo tra il settore pubblico e quello commerciale. E’ composto da Enti, individuati dalla Riforma del Terzo Settore del 2017, che operano in forma privata ma con finalità solidaristiche e senza fine di lucro” spiega l’Ing. Spada. “E’ un mondo particolarmente attivo nel sociosanitario, presidiando ambiti generalmente di scarso interesse per gli operatori profit come la residenzialità per anziani, la riabilitazione territoriale, la psichiatria ma presente anche con punte di eccellenza nella sanità ospedaliera e negli IRCCS (Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico)”.

Qual è la tempistica di questo percorso di riforma? “Si sono appena concluse le audizioni in III Commissione finalizzate ad illustrare le proposte di emendamenti presentate dalle Associazioni. Per ARIS e UNEBA è un’occasione importante di far sentire la voce dei propri associati ma anche quella di pazienti e assistiti che ogni giorno si rivolgono alle nostre strutture” chiarisce l’Avv. Degani. E l’Ing. Spada conclude: “la prossima fase compete al Consiglio Regionale, che dovrà discutere e votare gli emendamenti. Il percorso dovrebbe portare entro la fine del 2021 alla approvazione definitiva del testo di riforma. Non siamo alla ricerca di <sponsor> che sostengano la nostra iniziativa. Crediamo invece che quanto sottoposto possa essere condiviso da tutte le forze politiche in campo”. 

L’Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Dio FATEBENEFRATELLI (www.fatebenefratelli.it) è presente in 50 paesi dei 5 continenti, con circa 400 opere apostoliche. La Provincia Lombardo Veneta, essendo parte di questa grande comunità ospedaliera, realizza la propria vocazione religiosa dedicandosi al servizio della Chiesa prestando, senza scopo di lucro, attività sanitarie ed assistenziali in particolare nei confronti di malati e bisognosi. La mission della PLV è in primo luogo l’ospitalità realizzata attraverso interventi appropriati di prevenzione, promozione della salute, cura e riabilitazione, che garantiscano ad ogni utente la cura più adeguata al proprio bisogno di salute, in una logica di corretto ed economico uso delle risorse. La PLV esplica la propria attività assistenziale in 4 contesti regionali differenti (Piemonte, Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia), attraverso 9 strutture sanitarie/socio-sanitarie accreditate presso il SSN per 2192 posti letto complessivi. I Fatebenefratelli, sulle orme del loro fondatore San Giovanni di Dio, si impegnano a garantire un’assistenza integrale, che pertanto consideri e abbracci tutte le dimensioni della persona umana: fisica, psichica, sociale e spirituale. Tale assistenza umanizzata viene agita ogni giorno grazie alla compartecipazione alla missione da parte dei Fatebenefratelli e dei circa 2200 collaboratori assunti a vario titolo all’interno della Provincia Lombardo Veneta.
 
V.A.
 

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,574FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -