30.8 C
Milano
mercoledì, Giugno 19, 2024

Proverbio: Giugno ciliegie a pugno

CASA, 34 MILIONI DI EURO A SOSTEGNO DEGLI INQUILINI IN DIFFICOLTA’ CON ALLOGGI IN AFFITTO SUL LIBERO MERCATO

Milano, 12 ottobre 2021 – Regione Lombardia prosegue il proprio
impegno in tema di agevolazioni riguardanti il sostegno
economico per gli alloggi in affitto sul libero mercato.
L’iniziativa, approvata dalla Giunta su iniziativa
dell’assessore alla Casa e Housing sociale, e’ rivolta ai 91
‘ambiti territoriali’ cosi’ da raggiungere tutti i Comuni
lombardi.

RISORSE – I fondi statali a disposizione di Regione Lombardia
ammontano a 34.056.902 euro. Le risorse sono trasferite dalla
Regione ai ‘capofila di ambito’ e sono destinate al sostegno
degli inquilini con contratto di locazione a libero mercato.
I destinatari devono essere in una situazione di emergenza
abitativa, anche in seguito alla pandemia.

CONTRIBUTO – L’iniziativa prevede l’erogazione di un contributo
al proprietario dell’alloggio. L’obiettivo e’ quello di sostenere
l’inquilino in difficolta’ nel pagamento dei canoni di locazione
non versati, o da versare. L’apporto economico puo’ avvenire
anche in piu’ tranche.

EMERGERNZA ABITATIVA – “E’ una misura importante – ha detto
l’assessore – per affrontare l’emergenza abitativa. Sosteniamo
cosi’ chi e’ in difficolta’ economica a seguito della pandemia e
non riesce piu’ a pagare il canone locativo sul mercato. Nello
stesso tempo e’ garantita al proprietario dell’immobile la giusta
redditivita’ del suo patrimonio”.

DESTINATARI – I destinatari del provvedimento sono i nuclei
familiari che abitano in alloggi in affitto con canoni sul
libero mercato. Sono compresi, tra l’altro, il canone concordato
e gli alloggi in godimento.
Sono invece esclusi i contratti dei Servizi abitativi pubblici
(Sap) e i contratti di locazione ‘con acquisto a riscatto’.
I nuclei devono inoltre possedere un indicatore Isee non
superiore a 35.000 euro. Il contributo massimo e’ di 8 mensilita’
e comunque non superiore a 3.000 euro ad alloggio.

DOMANDA – I ‘capofila degli ambiti’ dovranno assegnare i
contributi con bandi o avvisi pubblici che potranno essere a
scadenza o a sportello. Il contributo sara’ poi erogato al
cittadino.

TEMPI – Le iniziative di contrasto all’emergenza abitativa
dovranno essere realizzate entro il 31 dicembre 2022.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,585FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -