23.7 C
Milano
mercoledì, Maggio 22, 2024

Proverbio: Aprile fa il fiore e maggio si ha il colore

Sabato in Duomo l’Arcivescovo Delpini presiede l’ordinazione episcopale di mons. Campiotti a Vescovo di Volterra

(mi-lorenteggio.com) Milano, 23 febbraio 2022 – Sabato 26 febbraio, alle 10.30, l’Arcivescovo, mons. Mario Delpini, presiederà in Duomo l’ordinazione episcopale di mons. Roberto Campiotti, nominato da papa Francesco Vescovo di Volterra.

Nato a Varese il 31 ottobre 1955, ordinato sacerdote nel 1979, dopo alcune esperienze come vicario parrocchiale, dal 1995 al 2006 mons. Campiotti è stato parroco a Sumirago (Varese) e dal 2006 al 2010 responsabile della Comunità Pastorale San Benedetto in Sumirago. Dal 2010 è Rettore del Collegio Ecclesiastico Internazionale San Carlo Borromeo di Roma, che accoglie sacerdoti e studenti da tutto il mondo, lì inviati dai loro vescovi per completare la formazione sacerdotale. A questo link un’intervista al nuovo vescovo pubblicata sul portale diocesano: https://bit.ly/35qjbi4

La Santa Messa di sabato vedrà come vescovi co-consacranti, insieme a mons. Delpini, mons. Paolo Martinelli, Vescovo Ausiliare e Vicario episcopale per la Vita consacrata e la Pastorale scolastica, e mons. Alberto Silvani, Amministratore Apostolico di Volterra. Saranno inoltre presenti sull’altare numerosi altri vescovi e presbiteri.

La celebrazione verrà trasmessa in diretta streaming sul portale diocesano www.chiesadimilano.it, sul canale YouTube “ChiesadiMilano” e su Chiesa TV (Canale 195 del digitale terrestre).

Il nuovo Vescovo – che farà il suo ingresso ufficiale nella Diocesi di Volterra il 27 marzo – ha scelto il motto episcopale «Christo nihil praeponere».

Presentazione dello stemma di S.E. Mons. Roberto Campiotti
Vescovo eletto di Volterra

Lo stemma episcopale, basato sulle regole e i simboli dell’araldica, è un linguaggio visivo per comunicare attraverso immagini e segni, identità o messaggi ideali. Ogni nuovo vescovo, nel solco di una radicata tradizione iconografica e simbolica della Chiesa, provvede anche alla creazione di un proprio stemma che oggi si può intendere come un mezzo visivo a cui affidare un proprio messaggio ideale per esprimere aspetti della propria vocazione o indirizzi del proprio ministero, e, nel contempo, essere il necessario suggello di atti amministrativi o documenti pastorali che la funzione vescovile richiede.



Nello stemma innanzitutto è raffigurato un monte nella sua consueta stilizzazione araldica composto da sei vette ascendenti, sulla cui sommità s’innalza la croce di San Benedetto; questa composizione vuole evocare il Sacro Monte di Varese. Sacro Monte che essendo intitolato a Santa Maria è quindi affiancato dal giglio dorato, uno dei più consueti simboli mariani. 
La composizione allo stesso tempo rimanda al motto scelto: Christo nihil praeponere; la croce che si innalza sopra tutto, è simbolo di Cristo a cui nulla viene anteposto.
Gli smalti principali dello stemma, il rosso e l’argento, ricordano i colori dello stemma di Varese, città natale del nuovo Vescovo di Volterra.
Lo stemma è distinto dagli usuali contrassegni episcopali, la croce astile d’oro ed il galero con 12 fiocchi verdi. 

La composizione dell’insegna e il suo disegno artistico si deve all’araldista Marco Foppoli (AIH), che ha redatto anche la consueta blasonatura, ovvero la descrizione tecnica dello stemma.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,585FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -