17.7 C
Milano
venerdì, Ottobre 7, 2022

Proverbio:Ottobre, il vino è nelle doghe A S. Francesco (4 ottobre) arriva il tordo e il fresco

Corsico. Centri estivi di comunità per un’estate insieme

(mi-lorenteggio.com) Corsico (4 maggio 2022) – Per le bambine e i bambini delle scuole elementari e medie da molti anni il modello di servizio prevedeva il centro estivo parrocchiale da metà giugno a metà luglio – che il Comune ha sempre sostenuto attraverso alcuni contributi – e il centro estivo comunale il mese di luglio gestito da un operatore privato diverso ogni anno. L’offerta era quindi disomogenea in termini di posti a disposizione, di prezzo pagato dall’utenza e di servizio offerto alle famiglie.
“Quest’anno, l’amministrazione ha deciso di sperimentare un nuovo modello – evidenzia l’assessora alle scuole Angela Crisafulli – fondato sull’integrazione e sulla collaborazione con il territorio e il terzo settore. Abbiamo voluto promuovere una rete territoriale in grado di ampliare l’offerta rivolta alle famiglie con adeguati standard qualitativi”.
Allo scopo di organizzare al meglio il servizio nell’interesse delle famiglie, è stato diffuso un
sondaggio al quale hanno risposto più di 600 genitori. “Sulla base dei suggerimenti arrivati – precisa Angela Crisafulli – abbiamo costruito un progetto educativo che tenesse conto di tutte le esigenze. Grazie alla collaborazione tra Comune, parrocchie e associazioni, riusciremo a destinare più risorse alle situazioni di fragilità e all’offerta estiva in generale, che sarà ampia e diversificata”.
Il servizio sarà basato su alcune linee guida approvate dalla Giunta:
● sarà garantita la presenza di educatori qualificati in tutti gli spazi e i bambini saranno divisi
in fasce omogenee a seconda delle età
● particolare attenzione verrà prestata alla disabilità, con la presenza di educatori e attività
dedicate
● il servizio sarà svolto all’interno di locali comunali e parrocchiali appositamente predisposti
● il servizio sarà laico e aperto a tutte sensibilità; le parrocchie di Corsico già da anni accolgono
con grande apertura e spirito di integrazione bambini di famiglie aconfessionali o di
confessioni differenti da quella cattolica; saranno garantite attività alternative per i bambini
le cui famiglie non desiderano i momenti religiosi
● il servizio garantirà la libertà di scelta, per le famiglie con figli che frequentano elementari e
medie, tra refezione fornita dal Comune – al prezzo calmierato di 10 euro a settimana da
pagare anticipatamente – il pranzo al sacco o il pranzo a casa con il successivo rientro alle ore
14
Ufficio stampa
Claudio Trementozzi
02.48601721 – 335.6671574
c.trementozzi@comune.corsico.mi.it
● l’orario di entrata sarà flessibile dalle 8 alle 9 (e dalle 7.30 per le famiglie che ne avessero
bisogno); l’orario di uscita sarà alle 17.30 (o alle 18 per le famiglie che ne avessero bisogno).
“La nostra intenzione è soddisfare il maggior numero di richieste – sottolinea l’assessora –
garantendo il massimo della sicurezza, anche sulla base delle raccomandazioni per il contenimento
della diffusione del Covid”.
Il modello sperimentale permetterà quindi, per la prima volta, di iniziare per tutti il servizio subito
dopo la fine della scuola e di aumentare l’offerta di 350 posti le ultime due settimane di luglio, dove
prima il numero dei bambini accolti era insufficiente rispetto alla domanda.
Il prezzo settimanale per le famiglie con figli dai 6 anni in su sarà di 30 euro, che non comprende le
eventuali attività esterne facoltative, come le gite e le uscite in piscina. Le famiglie in difficoltà
potranno sempre rivolgersi all’assistente sociale per chiedere un sostegno al Comune.
Le iscrizioni ai centri estivi sia per la materna – che rimane in gestione diretta comunale come in
passato, con le tariffe approvate dalla Giunta sulla base dell’Isee – sia per le scuole elementari e
medie si potranno effettuare online a partire dal 16 maggio prossimo.
“La collaborazione e l’integrazione tra realtà diverse del territorio – sottolinea il sindaco Stefano
Martino Ventura -sono principi che vanno coltivati non solo a parole, ma nelle scelte di tutti i giorni,
nella convinzione che le diversità siano un valore di crescita collettiva di cui essere fieri e da
insegnare ai nostri figli. Con questa operazione sperimentale, di cui valuteremo i risultati alla fine
dell’estate – conclude il sindaco – diamo finalmente concretezza al principio di sussidiarietà
orizzontale previsto dal nostro Statuto e dalla Costituzione. E poniamo le basi per una pubblica
amministrazione fondata sul dialogo con le realtà del territorio, in una logica innovativa di governo
di comunità e co-generazione del valore pubblico”.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,569FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -