28.1 C
Milano
mercoledì, Agosto 10, 2022

Proverbio: Agosto ci matura grano e mosto

La sfortuna di non avere un’opposizione etica

Ultimo aggiornamento il 2 Agosto 2022 – 15:04

di Manuel Domínguez Moreno (ACIP)

Santo Domingo, 2 agosto 2022 – Quando un governo democratico mantiene o, per certi aspetti, supera le sue promesse, l’opposizione legittima ha difficoltà a esercitare il suo lavoro democratico. Tuttavia, alcune linee che si stanno superando nella Repubblica Dominicana e che infrangono i principi fondamentali dell’etica politica e del senso dello Stato non possono mai essere superate.

In un Paese democratico, il lavoro dell’opposizione è fondamentale come elemento di controllo sul governo in carica. Le parti in causa hanno l’obbligo di individuare eventuali errori dell’esecutivo o l’attuazione di misure ingiuste che vanno contro gli interessi del popolo.

Tuttavia, quando l’opposizione, che può essere costituita da uno o più partiti, confonde gli interessi del popolo con i propri, la democrazia ha un problema perché ciò che è legittimo diventa un ostacolo allo sviluppo delle società.

Inoltre, se a questo si aggiunge il ricorso al “gioco sporco” attraverso sistemi di propaganda sostenuti da alcuni media e, soprattutto, attraverso campagne perfettamente orchestrate sui social network, l’opposizione diventa terribilmente umana, sleale e, di conseguenza, corrotta e spuria. La corruzione contro il diritto a un’informazione veritiera è il peggior tipo di corruzione.

Da decenni scrivo, pubblico e insegno in forum, conferenze e università che la peggiore corruzione che possa esserci in una democrazia è quella dei media, dato che ciò che è in vendita è la libertà stessa. Tuttavia, lo sviluppo delle nuove tecnologie ha creato un’altra corruzione, ancora più dannosa, che è l’impunità dei social network.

Le diverse piattaforme sono diventate un covo di bufale e notizie false che vengono poi riprese da molti media, una nuova tecnica per comunicare ai cittadini che non accettano i social network come mezzo di comunicazione libero e indipendente? Forse questo possibile fenomeno dovrebbe essere indagato giuridicamente e professionalmente dal punto di vista della sociologia applicata e, in tal caso, dovrebbe essere condotto attraverso un’applicazione giuridica di diritto civile e penale, anche se a prima vista si tratta di un contenuto manipolato che ha solo l’intenzione di offrire al pubblico una falsa realtà che diventa virale e, da lì, entra a far parte dei media, Da questo punto in poi, entriamo nella dinamica in cui la verità ha perso la battaglia, e la verità non può mai essere distorta in nessun sistema di convivenza, tanto meno in democrazia, in quanto rappresenta ed è indubbiamente ad uso della libertà dei cittadini, del popolo libero in generale, l’adattamento tra comprensione e realtà.

Anche i social media e le varie piattaforme di streaming sono diventati un’arma politica fondamentale, soprattutto se l’opposizione deve essere completamente priva di etica, di dignità umana e dei valori che ci si aspetta da un’opposizione democratica.

Con questi nuovi strumenti, le persone possono essere manipolate molto facilmente e senza alcuna responsabilità. Non è necessario mostrare il proprio volto, basta creare un profilo falso e lanciare il messaggio con un hashtag accattivante. Le informazioni non sono sviluppate, solo 300 caratteri accompagnati da immagini o video con un contenuto molto ben scelto. A differenza dei media, nelle reti non esiste una testata o una società editoriale che si assuma le conseguenze legali di informazioni o analisi false. I social media non richiedono lo stesso tipo di controllo e di analisi dei documenti che richiedono i media. Le reti possono pubblicare e diffondere informazioni estrapolate dal contesto o non aggiornate. Il problema è che l’opposizione utilizza questi contenuti, dandogli una parvenza di veridicità, per logorare il governo.

Tuttavia, i cittadini consumano sempre più contenuti sulle reti e sempre meno dai media liberi e indipendenti. È più facile e lo sanno coloro che utilizzano ciò che viene pubblicato con questi strumenti come parte della loro strategia politica, un errore grossolano del politico etico che scambia questi strumenti per ideologia, idee, pensiero, strategia sociale e politica riflessiva e programmi di governo, avvalendosi di quei maghi, guru o trilateralisti in cravatta che usano il marketing più che il dibattito e la verità.

Questo fenomeno si sta verificando in quasi tutti i Paesi del mondo. Lo vediamo nel modo in cui i movimenti “pro-Trump” continuano a diffondere contenuti per far credere agli americani che ci siano stati brogli elettorali nel 2020, cosa che è già stata dimostrata non essere il caso. Tuttavia, milioni di persone continuano a crederci grazie alla diffusione di social network, piattaforme di streaming e podcast.

La Repubblica Dominicana non è nuova a questo fenomeno e la mancanza di etica e di scrupoli di un’opposizione formata da partiti che credono che il potere appartenga loro per grazia di Dio sta portando a una situazione al limite della disinformazione.


Sia per il PLD che per Leonel Fernández, l’unico obiettivo è riconquistare la presidenza con ogni mezzo e con ogni metodo, anche se per farlo hanno bisogno di una rete di disinformazione, di bufale e di notizie false che trasmettano all’opinione pubblica una realtà che non corrisponde a ciò che sta realmente accadendo nella Repubblica Dominicana sotto la presidenza di Luis Abinader.

Quando si ricorre a tattiche immorali e alla mancanza di dignità democratica come unica strategia politica per l’opposizione, significa che, in primo luogo, l’unico obiettivo del PLD e di Leonel Fernández è quello di far cadere Luis Abinader in qualsiasi modo, anche se con le bugie come bandiera. In secondo luogo, se hanno questo sistema solo per opporsi all’amministrazione del presidente dominicano e al suo nuovo modo di governare, allora l’opposizione sta appoggiando e lodando il presidente Abinader.

Infine, sembra incredibile che Leonel ricorra a queste tattiche quando sa cosa sia governare, ma forse ciò che non ha imparato nei suoi 12 anni di presidenza è di essere umanamente e democraticamente degno della carica che ha occupato. Il popolo dominicano, nella sua saggezza popolare, lo sa e non è disposto a dimenticare come fanno coloro che continuano a usare la tecnica dell’inganno.

Manuel Domínguez Moreno (ACIP)

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,615FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -