7.1 C
Milano
lunedì, Febbraio 26, 2024

Proverbio: Febbraio, febbraiello, cortino e bugiardello

Corato, Puglia – incendiata l’auto dell’organizzatore dell’evento antimafia con la presidente della commissione Antimafia Lombardia Monica Forte

(mi-lorenteggio.com) Milano, 3 ottobre 2002 – “Un atto grave a cui deve far seguito una forte presa di posizione da parte dello Stato. Se si confermasse la matrice mafiosa, e il fatto che l’evento si sia verificato a poche ore dall’incontro in piazza sembrerebbe indicarlo in maniera palese, allora questo deve essere un monito affinché le istituzioni siano molto più presenti di quanto non lo siano state durante l’evento.
La politica, le autorità, la società civile tutta devono fare maggiormente rete e trovare la forza di contrastare con azioni concrete e con messaggi culturali e sociali, le ingerenze mafiose su quel territorio. I tantissimi pugliesi onesti meritano una Stato molto più presente e convinto nel contrastare le ingerenze di una mafia così aggressiva e violenta”.

Così la presidente della commissione Antimafia, Monica Forte, ha commentato quanto accaduto questo fine settimana a Corato, Puglia. Forte è stata ospite ad un evento dedicato al contrasto delle infiltrazioni mafiose nelle amministrazioni pubbliche. Poche ore dopo lo svolgimento dell’incontro (oltre la presidente Forte, ha ospitato anche l’ex ministra della Difesa Elisabetta Trenta), la vettura dell’organizzatore dell’evento, Cataldo Strippoli, vicepresidente dell’associazione “Insieme per la legalità”, è stata avvolta dalle fiamme.

“Non ci dobbiamo stupire del fatto che la mafia fa la mafia, dobbiamo invece pretendere che lo Stato faccia lo Stato. L’evento a cui ho partecipato è stato interessante e costruttivo, ma alla gente non può e non deve bastare sentir solo parlare di antimafia, ha necessità di avvertire con nitidezza la presenza delle Istituzioni e delle autorità. Bisogna fare rete e mostrare alle persone che lo Stato è presente. Incendiare l’auto di chi organizza eventi antimafia, solo poche ore dopo la nostra presenza in quelle vie, può significare voler ribadire chi comanda in quel territorio. Adesso è necessario far chiarezza sull’accaduto e quindi rispondere con altrettanta decisione con atti di legalità”.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,585FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -