7.5 C
Milano
venerdì, Dicembre 2, 2022

Proverbio: A Sant'Ambrogio il freddo cuoce

Numero solidale 45593 per cambiare la storia del tumore al pancreas

Fondazione Humanitas per la Ricerca lancia una campagna di raccolta fondi: sms e chiamate a sostegno della ricerca per favorire diagnosi precoce e terapie mirate

(mi-lorenteggio.com) Rozzano, 21 novembre 2022. Nonostante sia soltanto al 12° posto tra i tumori per incidenza, il carcinoma del pancreas risulta essere al 4° per mortalità negli Stati Uniti e al 5° in Europa. Si ritiene che entro il 2030 diventerà la seconda causa di morte per tumore

Se enormi passi avanti sono stati fatti nella prevenzione e cura di molti tipi di cancro, scarsi sono stati invece i progressi compiuti nella diagnosi precoce di questo tumore particolarmente aggressivo, per il quale i trattamenti farmacologici disponibili sono ancora poco efficaci. La sopravvivenza a cinque anni dalla diagnosi è solo del 10%,una percentuale troppo bassa soprattutto se paragonata al 66% del cancro del colon-retto e al 91% di quello della mammella.

Per sconfiggere questo tumore che rimane ancora un big killer, l’arma più importante è quindi la ricerca.

Per questo, in occasione della Giornata Mondiale della lotta contro il Tumore al Pancreas del 17 novembre, Fondazione Humanitas per la Ricerca lancia una campagna di raccolta fondi con numero solidale 45593, attiva fino al 29 novembre 2022. Tramite sms e chiamate tutti potranno donare 2, 5 o 10 € a sostegno degli studi condotti dall’Istituto Clinico Humanitas di Rozzano, tra i principalicentri di riferimentoperil trattamento del tumore al pancreas nel nostro Paese.

I fondi raccolti contribuiranno in particolare alle ricerche mirate a capire come contrastare l’aggressività di questo tipo di carcinoma agendo sulle cellule del sistema immunitario e infiammatorio, abbondantemente presenti nella massa tumorale pancreatica. Gli studi condotti dal prof. Alberto Mantovani, Direttore Scientifico dell’Istituto e Presidente di Fondazione Humanitas, e dalla sua équipe hanno infatti dimostrato che queste cellule si comportano da “guardiani corrotti” e, anziché difendere dal tumore, contribuiscono alla sua crescita.

Comprendere a fondo il fenomeno potrà aprire nuove vie per la diagnosi precoce e la terapia di questa forma di cancro, per la quale la medicina non ha ancora armi efficaci.

Nello specifico il progetto di ricerca che sarà finanziato grazie al numero solidale 45593 si pone l’obiettivo di identificare i markers tumorali circolanti che potrebbero favorire una diagnosi precoce e tempestiva; predire quali pazienti potrebbero beneficiare di altre forme di terapia prima dell’intervento chirurgico e quali di diversi trattamenti chemioterapici, radioterapeutici o immunologici; individuare i pazienti che hanno maggiori probabilità di evolvere verso una malattia locale avanzata e potrebbero quindi avvantaggiarsi di una intensificazione dei trattamenti locali, e quelli che invece evolveranno verso una malattia poco aggressiva.

L’obiettivo ambizioso della Fondazione è raccogliere la sfida posta dal cancro del pancreas alla comunità scientifica e clinica e alla società – afferma il prof. Alessandro Zerbi, Responsabile Chirurgia del Pancreas Humanitas e docente Humanitas University – Grazie alla campagna con numero solidale 45593 tutti potranno sostenere il lavoro iniziato con le ricerche aiutandoci a conoscere a fondo il nostro nemico: cambiare la storia del tumore al pancreas è possibile.

8-29 novembre 2022

Numero solidale 45593

Il valore della donazione sarà di 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulari WINDTRE, TIM, Vodafone, iliad, PosteMobile, Coop Voce, Tiscali.Sarà di 5 o 10 euro per le chiamate da rete fissa TIM, Vodafone, WINDTRE, Fastweb e Tiscali e, sempre per la rete fissa,di 5 euro da TWT, Convergenze, PosteMobile.

Fondazione Humanitas per la Ricerca

È un ente non profit impegnato nello studio e nella cura di malattie come tumori, infarto, ictus, patologie autoimmuni, neurologiche e osteoarticolari.

Nella sua dimensione internazionale, contribuisce a formare giovani ricercatori provenienti da tutto il mondo.

Gli studi, realizzati in stretta collaborazione con l’ospedale Humanitas di Rozzano e con tutte le altre strutture del Gruppo Humanitas, sono finalizzati a trasferire in tempi brevi al letto del paziente i risultati della ricerca stessa, grazie allo scambio continuo di informazioni fra laboratorio e attività clinica.

Fondazione Humanitas sostiene oltre 400 ricercatori che insieme ai 600 medici degli ospedali sono alla continua ricerca di nuove cure e utilizzano tecnologie avanzate che vanno dalla genetica all’imaging molecolare.

V.A.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,570FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -